Piccoli team in allarme per la proposta delle “Super GP2″

12 novembre 2014 15:17 Scritto da: Valentina Costa

I team principal di Force India e Sauber non nascondono la propria preoccupazione sul futuro della Formula 1: destano timore le aperture sull’ipotesi di un campionato a due livelli e cosa questo potrebbe significare per le piccole squadre.

Caterham - Lotus - Red Bull

I piccoli team lanciano l’allarme: l’improvvisa chiusura di Bernie Ecclestone all’idea di aiutare le squadre in difficoltà finanziaria, in un’annata che ha visto impennarsi i costi di gestione a causa delle nuove Power Unit, potrebbe essere parte di un piano ben preciso. Quello di creare un campionato di Formula1 a due livelli, con l’introduzione delle cosiddette vetture “Super-Gp2”.

Nelle discussioni intercorse durante il weekend brasiliano tra squadre e Mister E, una delle ipotesi messe sul tavolo è stata proprio quella della creazione, in futuro, di un campionato di Formula1 a due livelli, che vedrebbe affiancarsi ai “classici” costruttori, delle vetture tipo Gp2 potenziate, schierate da team clienti.

Il Team Principal della Force India, Bob Fernley, teme che, se questa idea dovesse prendere corpo, la strategia di Ecclestone potrebbe volutamente essere quella di far fuori i piccoli team. C’è un’alternativa, che è quella delle ‘Super GP2’”, spiega Fernley. “Sarebbero delle macchine simili a quelle da GP2, ma con un motore potenziato. La chiara direzione in cui si sta andando è che c’è un desiderio di avere cinque team costruttori e cinque team clienti. Per chi possiede lo sport sarebbe la via migliore”.

Per Monisha Kaltenborn lo scenario di una Formula 1 con auto-clienti è preoccupante:Guardando alle proposte che sono state fatte, c’è da credere che ci sia una precisa agenda dietro tutto quello che sta succedendo”, afferma la Team Principal della Sauber. “L’agenda sembra essere quella per cui si sta cercando di far rimanere in Formula 1 quattro o cinque nomi. Quando ci vengono fatto proposte come quella di un telaio vecchio di un anno o di motori di un tipo diverso o cose di questo tipo, o persino modalità di competizione differente, deve per forza esserci un piano dietro. E dato che nessuno fa niente di fronte a tutto questo, non sappiamo di chi sia questo piano”.

Poi bisogna considerare che ogni giorno cambiano le carte in tavola. Il fatto è che non si può andare avanti così, non è il modo in cui vogliamo e possiamo lavorare. Più idee vengono fuori, più noi tre abbiamo la sensazione che qualcuno ci voglia far fuori e che ci sia l’idea di cambiare radicalmente la natura dello sport”.

Terza vittima di questa “congiura” sarebbe la Lotus di Gerard Lopez. Il proprietario della scuderia di Enstone non ha gradito per nulla le ultime frecciate di Ecclestone e i suoi suggerimenti a “fare economia”. Perché fare economia sembra proprio impossibile, soprattutto quando si devono pagare i costosi V6.

Non siamo noi a controllare questi costi di base”, spiega Lopez. “Posso solo decidere di far produrre meno ali, che è quello faccio. Ma non posso decidere il costo del pacchetto totale del motore, che è di 40 milioni di Euro, mentre prima era di otto milioni. Non posso decidere di cambiare questa cosa. Per altro sono uno di quelli che ha votato contro i nuovi motori, dunque, come posso essere responsabile di questa situazione?”. Sul costo della nuova era turbo, anche Chris Horner, team principal Red Bull, si è espresso in maniera provocatoria.

Il dito dovrebbe essere puntato contro i team che non sono disposti a cambiare il sistema”, continua Lopez. “Ma nessuno parla di questa cosa. Nessuno parla del fatto che noi non abbiamo chiesto più soldi: noi abbiamo chiesto meno costi. E ora veniamo invitati a risolvere i nostri problemi in maniera diversa. Beh, accreditateci una somma ragionevole di denaro per essere qui. Stiamo promuovendo persone che stanno guadagnando più soldi, promuovendo i motori. È ridicolo che stiamo ancora avendo queste discussioni. Ogni anno vengono distribuiti 900 milioni di dollari. Davvero, non riesco a capire perché la competizione perda squadre”.

42 Commenti

  • Per invogliare i grandi investitori ad entrare cè bisogno di una F1 con più visibilità mediatica !!!

    E PORTARLA SU SKY NON E’ SI CERTO STATO UN TOCCASANA !

    IGNORARE IL GOSSIP TRAMITE SOCIAL NETWORK un altro errore !!!

    Per lo spettacolo invece bisogna fare una scelta, o la sicurezza o lo i duelli estremi, le 2 cose non possono coesistere a parte qualche sorpassetto ordinario quà e là.

  • contebaracca

    Poi i telecronisti ti diranno sempre che è colpa della crisi globale loro non possono sputare su quello che mangiano.
    Mica possono dire beh ovvio che non ci sono sponsor sta merda la stanno seguendo sempre meno gente… non sarebbe proprio intelligente da parte loro.
    Perché la crisi globale non ha colpito altri sport dal seguito mondiale? È la f1 che è stata pericolosamente snaturata poi ok aggiungiamo in un periodo di crisi globale che tanto bene non fa ed ecco servita la frittata .

    • alexredpassion

      non parilamo dei telecronisti per l’amor di dio.
      tanto mazzoni si tiene un pochino più neutrale e spesso preferisce omettere certi aspetti.
      vanzini invece è proprio schierato, è di una faziosità e disonestà intellettuale pazzesca, fa finta di esaltarsi per indorare la pillola, per vendere un prodotto che lui per primo sa che fa schifo.
      spesso sono costretto a vedere la gara senza commento, totalmente insopportabile.

    • MotoreAsincronoTrifase

      questo e’ anche vero. Su sky tutti i telecronisti sono di parte. Basta vedere il calcio. Avevo pensato a sky per non sentire piu’ mazzoni e capelli, ma soprattotto queli incompetenti e ignoranti degli inviati ai box, ma non volevo mettere l’antenna solo per vederlo 19 volte l’anno, ma adesso capisco che ho fatto bene. Su sky avrei pagato e la telecronaca non sarebbe stata meglio. Tanto alla fine basta che nelle gare in differita non vengo su siti specializzati e non vedo il telegiornale per qualche ora e il gp e’ come se fosse in diretta.

  • contebaracca

    Motoreasincronotrifase ma ci fai o ci sei???
    I dati ascolti a livello mondiale sono scritti nero su bianco .
    Poi lo vedi da quanti sponsor fanno a botte per entrare in f1 … molte macchine sono senza sponsor!!! Questa non è crisi???
    Guarda che la baracca sta in piedi solo con gli sponsor e se quest ultimi vedono l’audience scendere sempre più faranno a botte per uscirne.
    Ai tempi di Eddie Jordan quando la f1 era ancora f1 proprio eddie si poteva permettere di scegliere sponsor assurdi con icone di vespe o alieni ecc ecc ora se non sei un marchio blasonatissimo vedi ferrari hai la livrea nuda e cruda senza scritte, questa non è crisi? Ma in che mondo vivi?????
    Se hai amici lobotomizzati fatti tuoi io sono nato e cresciuto nella terra dei motori e mentre facevo lezione nei miei anni scolastici ho sempre avuto sotto fondo il sound ferrari che girava in pista.
    Ora se la f1 tornasse a testare non si sentirebbe; a differenza di un challenge ferrari
    o di una gara gt che per fortuna sanno ancora di race.

  • contebaracca

    Motoreasincronotrifase ribadisco un concetto… chi ama il race vuole motori che fanno rumore che vibbrano e che quando accellerano fanno schizzare via la macchina.
    I motori silenziosi green e con accelerazioni loffie piacciono ai golfisti che usano le famose auto elettriche da prato.
    La gente come te è la straminoranza e conta zero .
    Meno ascolti meno soldi .
    Quest anno è stata un mattanza? Il prossimo anno dato che al 95% sarà un nuovo monologo mercedes sarà proprio la disfatta di caporetto.
    Perché il cocktail gare scontate zero sound trenini parsimoniosi ai consumi fanno schifo agli amanti delle corse tu non capisco esattamente cosa sei.
    Ora stanno facendo la guerra alle bevande alcoliche che come epilogo avrà l uscita della martini e la Williams si metterà in fila a piangere assieme ai team che lo stanno già facendo.
    La Mclaren per ora la salva la honda la redbull non sono convintissimo resti ancora a lungo la Mercedes finché ha i rubinetti aperti non ha problemi.
    La Ferrari è l unica a non aver problemi a trovare sponsor per via del suo marchio ma il tumore avanza inesorabile ma viva i motori green alla faccia dei retrogari… ma scendi dal pero.

    • MotoreAsincronoTrifase

      la maggiorparte delle persone che guardano la f1 da casa non sa manco cos’e’ una power unito un motore aspirato, vede la gara in tv. Gli appassionati (di rumore) ne sono invece la minoranza. E lo vedo ogni giorno, a casa mia e con i miei amici solo un paio sappiamo il regolamento o come sono fatti i sistemi di recupero dell’energia. Tutti vedono le macchine girare e sorpassarsi. Quasi nessuno sa neanche cos’e’ il drs e credono che i sorpassi siano fatti su pista. I tempi della f1 degli appassionati e’ finita, adesso c’e’ la f1 commerciale. Il rumore poi manca molto di piu’ in pista, in tv il cambio e’ molto meno visibile poiche’ prima il rumore era tenuto al minimo per poter sentire la telecronaca mentre adesso la tengono a tutto volume. Gli sponsor lo dicono tutti, persino i telecronisti rai che hanno problemi per la crisi globale. Anche perche’ gli ascolti tv sono alle stelle dove non si sono messe le pay-tv.

      • alexredpassion

        motore, quando dici che alla gente che non approfondisce tecnica e regolamenti basta veder girare le macchine, ti sbagli di grosso.
        Anzi, ti dirò di più: per quanto io odi e critichi l’attuale format della F1, ancora spendo soldi in paytv e biglietti, e probabilmente ne spenderò anche il prossim’anno, dato che una malattia di una vita non si può cancellare così in un attimo.
        Lo spettatore medio invece, quello non malato, e ne conosco molti, liquida la cosa con frasi del tipo “ho acceso la tv, pensavo l’audio fosse rotto” o “ma fanno il rumore del tosaerba” o “ma perchè non gli mettono più benzina invece che farli rallentare” e a differenza mia, che mi incazzo ma pago e seguo, decide di non pagare la paytv e andare a Monza! La F1 sta perdendo, oltre ai pezzi, quell’aura epica e leggendaria che l’ha sempre contraddistinta in modo universale, sia tra gli appassionati che tra i profani. Era questo alone magico che rendeva la F1 un prodotto unico e vendibile universalmente.
        Da ora in poi, sarà ancora così?
        Tu dici di si, io qualche dubbio ce l’ho.
        Vedremo.

      • MotoreAsincronoTrifase

        Io parlo in base a cio che vedo. Mio padre ad esempio si mette a sonnecchiare in poltrona con la tv accesa e aspetta solo di vedere che una macchina rossa superi le altre. Se la macchina rossa supera le altre si e’ divertito altrimenti no. Dopo un anno non sa neanche che le macchine devono risparmiare benzina anche se ormai l’ha capito perche’ chi fa la telecronaca lo dice di continuo (non che faccia tanta differenza). Ormai la f1 e’ diventata come il calcio, la maggiorparte che lo segua non ha la minima idea di schemi di gioco ecc, lo guarda solo per vedere la squadra che tifa fare gol. Ripeto, attualmente gli incassi sono di 2 miliardi di euro l’anno, se questa e’ crisi…

  • MotoreAsincronoTrifase

    Se le cose stanno cosi’ sarebbe una cosa ottima per la f1 secondo me. Team come catheram o marusia non servono a nulla allo spettacolo e anche la sauber con quella Kaltenborn mi sta deludendo molto. Alla fine il 99% dello spettacolo lo fanno i principali team mentre quelli di fondo classifica fanno numero e si inquadrano giusto quando vengono doppiati.

  • Hanno fatto qualcosa di molto simile nella MotoGP con la Open e mi sembra sia stato un ottimo risultato: più partecipanti, spesso competitivi seppure con un budget inferiore. Gare (e qualifiche) più divertenti.
    Molto meglio che non avere vetture teoricamente tutte molto sofisticate ma profondamente diverse nelle prestazioni.
    Una super GP2 potrebbe probabilmente competere con Sauber e Lotus, con un budget inferiore e rimpolpare la parte centrale dello schieramento evitando la partecipazione di cancelli come Caterham e Marussia.
    Sauber e Force India temono di dover dividere gli sponsor con questi possibili nuovi arrivi e si spaventano.

    • MotoreAsincronoTrifase

      Una gp2 costa 4 milioni l’anno. Non capisco con quali soldi corrano e soprattutto come faranno ad essere competitivi senza spendere molto. Marussia e co hanno dimostrato che spendendo poco si e’ 5 secondi dietro e sauber, toro rosso ecc che ci vogliono 120-130 mln per lottare per la decima posizione. Non ho ancora capito come si puo’ fare questa cosa. Non lo so, ma credo che la motogp costi molto meno e conti di piu’ il pilota rispetto alla f1.

      • Beh, è abbastanza semplice in realtà anche se la difficoltà sta nel calibrare la “libertà” in più che dai alle squadre GP2 rispetto alle F1.

        Se mi dai più benzina e pressione posso tirare fuori cavalli anche un motore meno sofisticato, stesso discorso se mi permetti di usare gomme più performanti.

        Quindi basterebbe dire che chi accetta di correre a budget ridotto potrà avere le gomme “fighe” e non usare il flussometro. Oppure lavorare sul peso. Tutte cose che non costano di sviluppo e aumentano le prestazioni.

  • MotoreAsincronoTrifase

    Dice bene chi si ricorda del rumore degli anni 70-80-90 e li rimpiange. Sono molti in ogni ambito che rimpiangono il vecchio quando c’e’ un evoluzione. In un prossimo futuro, quando non ci saremo piu’, sono sicuro che le future generazioni abituate a motori silenziosissimi e non inquinanti non sopporteranno il frastuono guardando vecchi gran premi in tv. La presente generazione ormai e’ assuefatta al rumore e roba simile. Mentre per le prossime no. Da quello che leggo comunque io sono molto piu’ appassionato di motori di parecchi che scrivono qui. Perche’ io sono appassionato proprio di questo, mi piacciono i motori per come sono. Sempre migliori, sempre piu’ sofisticati ed evoluti, dove si puo’ migliorare componenti come rumorosita’, vibrazioni inquinamento ecc. Invece molti mi sembrano appassionati di storia dei motori piu’ che altro. Quindi un motore piu’ romoroso, con maggiori vibrazioni, piu’ inquinante, meno efficiente ecc. e’ meglio.

    • MotoreAsincronoTrifase

      Nb ricordo che vidi un documentario in cui le persone dissero la stessa cosa quando si passo’ dal carretto trainato dai cavalli alle prime automobili. In fondo le prime auto erano rumorosissime, andavano piano e si rompevano sempre. Questo e’ solo l’inizio, l’evoluzione logica fara’ costare motori ibridi sempre migliori, sempre piu’ poco. Finche’ non costeranno meno di quelli vecchi e dureranno di piu’.

    • alexredpassion

      Va bene.
      Allora restiamo in attesa di questa fantomatica generazione che verrà, tanto entusiasta di questi motori inutili ma silenziosi, parsimoniosi, puliti, profumati, carini e coccolosi.
      Ma nel frattempo la gente scappa ed i team falliscono.

      Speriamo quindi che questa tanto attesa nuova generazione, target dichiarato di questa new F1, si sbrighi ad arrivare in soccorso del baraccone con soldi alla mano pronti da spendere per biglietti e pay-tv al posto di noi retrogradi.
      In caso contrario non avranno più alcuna F1 da vedere.
      Un triste epilogo.. ma sicuramente molto “green”, non credi?

      • MotoreAsincronoTrifase

        la faccenda degli spalti vuoti, la formula noia e che la f1 e’ snaturata e saltera’ presto la sento dagli anni 90. Intanto la cvc incassa 2 miliardi di euro l’anno da dividersi. Il calo degli spettatori sulle tribune e’ dovuto essenzialmente al fatto che si corre in paesi orientali dove la gente non e’ appassiionata. Ma il buisenesse e’ piu’ che in salute, a soffrirne sono solo qualche piccoo team entrato in f1 senza avere soldi. Intanto i nostalgici possono seguire le gare di auto d’epoca. Quelli si che sono motori poco efficienti e rumorosi. Non c’e’ bisogno di aspettare la nuova generazione, la f1 guadagna gia’ ora tantissimo, ma spartito male.

      • alexredpassion

        bè.. io la gente quest’anno l’ho vista calare anche in europa se è per questo, e la prova del nove sarà il 2015. L’unica eccezione è stata l’Austria che ha fatto sold-out sulla scia dell’entusiasmo generale in seguito alle vittorie redbull 2010-2013 (e non come dicono quei cazzari di autosprint che sostengono che i biglietti prato e tribuna, costavano tutti indistintamente 50 euro) ma quest’anno anche loro stanno vendendo mooolto più a rilento.
        Comunque vedremo, solo il tempo ci dirà chi ha ragione.

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!