L’Unione Europea contro gli sponsor alcolici in F1

13 novembre 2014 10:47 Scritto da: Alessandro Bucci

L’Unione Europea vuole bandire gli sponsor alcolici dalla massima serie, portando avanti un’autentica crociata. Eurocare sostiene che, attraverso le pubblicità concernenti le bevande alcoliche, si mandino una serie di messaggi non educativi, data la pericolosità della guida in stato di ebbrezza.

Williams FW36

La Formula 1 si trova dinanzi all’ennesima gatta da pelare, in un momento certamente non facile per l’intero circus, dati i problemi economici che hanno messo in ginocchio ben due scuderie nel finale di stagione.
Le associazioni sulla sicurezza stradale hanno messo nuovamente nel mirino il presidente della FIA Jean Todt, accusandolo di scarsa coerenza e chiedendo a gran voce la rimozione degli sponsor di bevande alcoliche dalle vetture della massima serie. Ricordiamo che l’ex team principal Ferrari è ambasciatore della sicurezza stradale e questa carica viene mal vista da associazioni come Eurocare, fortemente preoccupata dai messaggi che questi sponsor possono trasmettere subliminalmente agli spettatori, soprattutto ai più giovani.

Martini, Smirnoff e Johnnie Walker sono le marche di bevande alcoliche più note ed importanti della Formula 1 contemporanea (senza dimenticare GHMUMM, lo champagne ufficiale della F1). Basti pensare che proprio Smirnoff, la nota marca di Vodka, ha stipulato nel maggio 2014 un contratto milionario con la Force India, portando il team indiano a modificare in modo evidente la livrea della vettura. Martini contribuisce alla crescita della Williams con 10 milioni di dollari l’anno, mentre Johnnie Walker è il fornitore ufficiale di whisky per l’intero circus e versa alla McLaren, partner storico, 15 milioni all’anno.
Escludere le pubblicità alcoliche dalla Formula 1, tuttavia, significherebbe dare il colpo di grazia alle scuderie, soprattutto le più piccole e, in questo momento della stagione, appare decisamente grottesco l’accanimento dimostrato dalle associazioni sulla sicurezza stradale.

Le aziende produttrici di bevande alcoliche sono aumentate in Formula 1 a partire dal nuovo millennio, in seguito al divieto di pubblicità sul tabacco. Qualcuno infatti ricorderà, con un po’ di nostalgia, le imponenti scritte Marlboro, Camel, Rothmans, molto in voga nella Formula 1 moderna.

Eurocare, tramite il segretario generale dell’associazione Mariann Skar, ha recentemente scritto una lettera – divulgata dal Telegraph – al presidente Jean Todt, con lo scopo di convincere la FIA ad impedire che le sponsorizzazioni legate all’alcool mettano ancora piede nella massima serie: “Se consideriamo l’effetto distruttivo causato dalla continua diffusione dell’alcool associato alla guida, non possiamo che ritenere sempre più inadeguata l’esposizione di marchi alcolici sulle macchine di Formula 1, essendo seguita da 500 milioni di persone”.

Mariann Skar ha premuto l’acceleratore senza remore, arrivando a sostenere che la massima serie sarebbe già in contraddizione con i regolamenti in materia di pubblicità legata agli alcolici“Occorre un cambiamento urgente. Permettere la sponsorizzazione di alcol in Formula 1 sembra contraddire molte linee guida ufficiali per la commercializzazione dei prodotti alcolici. Si corre contro la direttiva UE in cui si afferma che il marketing per il consumo di alcool non deve essere collegato alla guida. Inoltre, l’attuale associazione tra alcool e guida, non sembra rientrare nella categoria messaggi sul consumo responsabile che fa parte della missione sostenuta dal settore delle bevande alcoliche in sè”.

24 Commenti

  • La lobby del crodino è più potente di quel che si pensi…

  • Certo che prendere come pretesto questa grande cavolata per dire cose come “a questo serve l’Europa” “questa è l’Europa” non vi fa sembrare seri…

  • Alessandro HAMALORAI

    E c’hanno ragggione!!!!

    Vedo Rolex ad ogni gp stampato virtualmente sui prati dei circuiti e mi viene voglia di comprarmi un Rolex.

    Vedo UBS, Santander e Banco Do Brasil che faccio bibidibobidibù!

    Vedo Martini e mi viene voglia di George Clooney.

    Peccato che vedendo Ferrari mi venga voglia di una Ferrari!!

  • Giuseppe.Ferrari

    Una soluzione a questa minchiata mega galattica potrebbe essere quella di attaccare vicino al logo del marchio un adesivo con scritto “Drink responsibly” oppure “Drink carefully”.

  • a questo serve l’unione europea

  • aceinasleeve

    Limitiamo le F1 a 130km/h, non vorrei mai passasse il messaggio che si può andare a 330 in autostrada.

  • Allora aboliamo lo champagne sul podio.
    Ma perché non abolire direttamente la formula 1, d’altronde potrebbe incitare la gente ad andare forte in macchina.
    Per non parlare della moto gp.
    Ma non aboliamo il calcio dove i tifosi si pestano, lanciano fumogeni e si ammazzano, quello è sacrosanto.

  • String Quartet

    Passeremo alle sponsorizzazioni di brazzers youporn e Xvideo per poi togliere anche quelle perché incitano al porno

  • Io proporrei anche la presenza delle pit babies …. inducono a considerare le donne come oggetto sessuale ….

  • E’ chiaro come una marca vista, rivista, e rivista di nuovo possa far scegliere al cliente medio, quel tipo di prodotto rispetto che un altro. Oppure che lo invogli a comprarlo, anche se nn ne ha bisogno…. Ma questo che c entra con la guida in stato di ebbrezza? Qualcuno ha mai visto dei piloti bere alcolici prima di guidare? al massimo lo fanno dopo.. Quindi dove sta il collegamento alcool con la guida? A rigor di logica il perbenismo bigotto dovrebbe allora vietare anche la festa sul podio con lo champagne, che potrebbe suggerire alla gente un metodo “improprio” di festeggiare, attaccandosi ad un enorme bottiglia di vino (per altro costosissima XD).
    Comunque la colpa è solo nostra, in quanto le “tragedie” succedono quasi sempre perchè non si ha il senso della misura nella cose e il buon senso. Un esempio? c è gente che a quarant’anni ha ancora bisogno della presenza del vigile a bordo strada per decidersi a mettere le cinture di sicurezza a se stessi e ai propri figli mentre guidano(e ne conosco tanti)…Di che ci lamentiamo, se il popolo ha bisogno della balia, del bastone e della carota?

  • stardrummond

    che dire!
    sono allibito!
    è da quando il mondo gira sul proprio asse che il proibizionismo(alcool in primis, ma ovviamente anche sesso, tabacco, e vizii vari) ha un effetto esattamente CONTRARIO al proprio fine…
    come se vietare la sponsorizzazione facesse smettere di bere… ahahahah questa è veramente una ridicolaggine incredibile, uscita poi da celebrolesi e infinitamente IPOCRITI guidati tra l’altro da un presidente ALCOLIZZATO…(JUNKER…)
    FATE VOI DOVE CI STA PORTATNDO QUESTA europa*
    *scritta in piccolo non a caso

  • E io che ho sempre pensato che Johnnie Walker fosse una qualche marca di vestiti…

  • contebaracca

    Ahahah solo sponsor di hello kitty.

  • che razza di ipocriti…

  • alexredpassion

    Che schifo sta società sempre più ipocrita ed effeminata.
    Come se uno sponsor su una macchina mi facesse venir voglia di bere.
    Dopo la bastonata rappresentata dall’uscita delle multinazionali del tabacco ora si chiede alla già agonizzante e malridotta formuletta1 di sopportare anche questo.
    Allora ditelo che la volete morta.

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!