Haas team satellite Ferrari? “Ne saremmo orgogliosi”

14 novembre 2014 10:55 Scritto da: Alessandro Bucci

Il sessantunenne statunitense  è tornato a parlare dei piani futuri della scuderia Haas in Formula 1, spendendo anche qualche parola sui problemi finanziari incontrati dai team minori.

Gene Haas

Gene Haas è un nome piuttosto conosciuto negli Stati Uniti d’America, in particolare nel North Carolina, avendo il team NASCAR Stewart-Haas Racing base a Kannapolis. Il magnate americano sarà ai nastri di partenza del Mondiale 2016 di Formula 1 con l’omonima scuderia divenendo, con molta probabilità, una sorta di team satellite del Cavallino Rampante. E Gene Haas non nasconde che ne sarebbe molto lieto: “Saremmo molto orgogliosi di essere considerati come un team B della Ferrari, perché sicuramente potrebbero insegnarci come gestire le nostre operazioni in Formula 1 e, francamente, ci prenderemo tutto l’aiuto possibile da loro. Non si può certo fare meglio della Ferrari!”.

Haas è convinto che il modello di business con il quale si muoveranno si rivelerà molto più solido rispetto a quello adottato dai team che sono recentemente finiti in bancarotta: “La Ferrari, nei nostri riguardi, è voluta andare oltre all’essere semplicemente un fornitore di motori, ci aiuteranno anche con le strutture di base della vettura. Penso che il problema più grande che hanno avuto squadre come l’HRT, la Marussia e la Caterham, sia consistito nel voler raggiungere la griglia in modo veloce, finendo per dover stringere partnership che forse non sono state accuratamente ponderate. Si finisce per fare un sacco di errori. Inevitabilmente, non avevano le risorse o le loro macchine non sono state ben assemblate, questo perchè le cose sono state fatte precipitosamente”.

Il sessantunenne preferisce tenere i piedi ben saldi a terra per quanto concerne il debutto futuro in Formula 1 della scuderia: “Nei primi cinque anni si tratta di sopravvivere. Non ho alcuna aspettativa di grandezza e non vi sto certo dicendo che vinceremo campionati. Nel caso nell’arco di cinque anni riuscissimo a vincere una gara, beh, penso che si tratterebbe di un enorme successo”.

Haas Automation, Inc. è produttore leader in America di macchine utensili CNC ed è una compagnia che si è sempre di più affermata a livello internazionale. Tutti i prodotti Haas vengono realizzati presso il grande stabilimento dell’azienda con sede nella California meridionale e vengono distribuiti tramite la rete mondiale di Haas Factory Outlet (HFO). Gene annovera tra le proprie ambizioni anche quella di raddoppiare il fatturato della società: “Haas Automation in questo momento è una compagnia da un miliardo di dollari l’anno e, il nostro obiettivo, è quello di arrivare a due miliardi di dollari l’anno. Se riesco a realizzare questo obiettivo, non avrò alcun problema a sostenere i costi della Formula 1″.

In questi giorni, inoltre, circolano anche i primi nomi dei leader che potrebbero prendere in mano il progetto. Tra questi, anche Matt Borland: l’ingegnere americano collabora da sette anni con il team Stewart-Haas Racing in NASCAR e potrebbe arrivare in F1. “La F1 è il gota della tecnica e credo che Borland sia interessato alla sfida”, ha detto Haas. “Ha una grande esperienza nella nascar e avremo tutto il 2015 per costruire la vettura, ho già avuto modo di vedere come si lavora all’interno di un team di F1. L’idea è quella di portare un po’ dei nostri ragazzi dalla Nascar alla F1 e fargli imparare qualcosa di nuovo, ma anche all’interno della Ferrari stessa sono interessati a vedere come facciamo le cose noi”.

Anche secondo Ryan Newman, Matt Borland potrebbe essere il nome giusto per far crescere il team, sapendo già cosa vuol dire partire da zero: “Abbiamo iniziato con 4 ragazzi della Penske e costruito un team capace di scalare la classifica in breve tempo. Lui sa cosa ci vuole per mettere insieme le persone e andare a vincere. Certamente è il ragazzo che vorrei al mio fianco se mi stessi imbarcando in una avventura come quella di Gene. E’ molto alla mano e sa fare di tutto”.

7 Commenti

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!