Maldonado: “Le critiche degli appassionati non mi tangono”

8 gennaio 2015 08:10 Scritto da: Diletta Colombo

Il pilota venezuelano, spesso oggetto di critiche dovute agli errori in pista, non si cura dei detrattori, preferendo concentrarsi sui propri fan e sull’atteggiamento positivo mantenuto durante la difficile stagione 2014, e non mancando di sottolineare come i suoi sbagli, a sua detta, siano stati dovuti in gran parte alla mancanza di competitività delle monoposto che ha guidato in carriera.

Maldonado Lotus 2014

Pastor Maldonado è stato spesso in passato oggetto di critiche da parte del pubblico della Formula 1. Nel corso della sua carriera nella massima serie, infatti, il ventinovenne venezuelano si è fatto conoscere più per i suoi grossolani errori in pista che per il proprio talento. Maldonado, che ha esordito in Formula 1 nel 2011 al volante della Williams, scuderia per cui ha colto il suo unico successo in carriera, nel 2012 in Spagna, è spesso oggetto dello scherno dei fan della massima serie sui social media, proprio in virtù delle sue altalenanti performance in pista.

Il pilota venezuelano, attualmente in forza alla Lotus, però, non si lascia abbattere dalle prese in giro sul web da parte di molti appassionati: Maldonado, infatti, ha dichiarato ai colleghi di Autosport di non curarsi troppo delle critiche, preferendo concentrarsi sui propri sostenitori. “Non posso dare peso ai miei detrattori. Apprezzo molto i miei fan, specialmente numerosi nel mio paese e nel resto del Sudamerica, e anche in Italia, dove ho disputato la maggior parte della mia carriera giovanile. Ovvio, certi commenti non sono facili da digerire, ma la libertà di espressione è fondamentale”, ha dichiarato l’alfiere della Lotus.

Maldonado ha poi fatto notare come anche campioni del calibro di Fernando Alonso non siano stati esenti da critiche in passato: “Ci sono persone che trovano da ridire anche su Alonso, ad esempio. C’è chi lo accusa di essere arrogante. Quando raggiungi la notorietà, il pubblico è libero di esprimere la propria opinione sul tuo operato. Sono oggetto di commenti sia positivi che negativi, ma la cosa non mi tange”, ha puntualizzato il pilota venezuelano, spesso tacciato di essere un cosiddetto pilota con la valigia, in virtù del finanziamento alla sua carriera da parte del governo venezuelano attraverso la società petrolifera nazionale, PDVSA.

Il pilota di Maracay ha inoltre giustificato i suoi errori sostenendo che siano stati dovuti al fatto di aver guidato monoposto non competitive: “Siamo umani, tutti prima o poi commettono sviste; è successo anche a Ricciardo a Suzuka. Quando si spinge al massimo, è facile commettere sbagli, e il rischio aumenta quando si è al volante di una vettura non all’altezza”, ha spiegato Maldonado.

Il venezuelano, però, guarda al futuro con ottimismo, nonostante abbia lasciato la Williams per la Lotus alla fine del 2013 nella speranza di fare un salto di qualità e abbia invece dovuto assistere all’ottima stagione disputata dalla scuderia di Grove, trovandosi al contempo al volante di una monoposto poco riuscita. Maldonado è infatti persuaso del fatto che il modo in cui ha reagito alle difficoltà quest’anno lo abbia fortificato: “Ho lasciato la Williams dopo una stagione difficile, e la Lotus sembrava l’opportunità migliore, dopo il loro 2013 decisamente positivo. Non siamo riusciti a migliorare nel corso del 2014, e questo è stato molto difficile da accettare. Allo stesso tempo, però, mi sono detto che ero stato messo in quelle condizioni per prepararmi al futuro, e, se devo essere sincero, penso di aver dimostrato di essere in grado di portare a compimento il mio lavoro, qualora venga messo nelle condizioni di farlo”, ha dichiarato Maldonado.

12 Commenti

  • contebaracca

    Infatti io credo che con una macchina decente pastor sarebbe arrivato davanti al suo compagno e anche agilmente.
    Con quel catorcio ha tirato sempre oltre al limite quindi ha sbagliato tantissimo ma ciò non significa che non sia veloce.
    Ovviamente non sto dicendo che sia forte quanto i soliti noti ma non credo che sia una pippa al sugo.

    • Per me grosjean è infinitamente meglio.
      Nel 2012 la Williams non era il catorcio dell’anno successivo ma dopo la sua vittoria non è andato a punti per nove gare, e il suo compagno bruno Senna, non proprio un gran talento, è riuscito ad andare a punti il doppio di lui (10 a 5).
      L’anno dopo è stato battuto su una macchina da far pena da un bottas all’esordio. Almeno grosjean è maturato e non commette più gli errori grossolani del 2012, maldonado è da tre anni in f1, un po’ di maturità ormai dovrebbe averla acquisita per evitare certi errori, e invece..

  • Classico pilota con la valigia, ma vorrei difenderlo per la stagione passata. La Lotus ha fatto veramente una vettura inguidabile.
    La differenza tra lui e il compagno francese di scuderia è che lui, almeno, provava a “tirare” un pò di più e spesso gli andava male.
    Preferisco un Maldonato uscire fuori pista con un catorcio anzichè un Grosjean che si fa superare da tutti con la stessa vettura (lamentandosi con i tecnici).

  • tutti commentano il talento (o meno) di Pastor Maldonato. Ma il dubbio mio è: “Tangono” ha usato sul serio questa parola??? cioè io ho cercato su google il significato specifico, avevo intuito il significato generico, ma tangono….due sono le cose, o Maldonato sa meglio di me l’italiano (il che può essere) oppure il giornalista/blogger/scrittore ha voluto rendere Pastor più intelligente 😀

  • contebaracca

    Fa molte cavolate ma se al posto di Hamilton c era lui.. anche lui vinceva il mondiale con quella macchina.
    E ora sarebbero tutti qui a parlare della sua velocità delle sue infinite doti..del fatto che è maturato… bla bla bla

  • Anche l’avvitamento che hai fatto fare a gutierrez era dovuto alla scarsa competitività della monoposto?

    • Giuseppe.Ferrari

      Non capisci niente..è tutta una tecnica particolare. Voleva solo giocare alle hotweels con Gutierrez. Per non parlare del fuoripista arbitrario e del tutto autonomo a Spa, dove fonti interne dicono che in realtà gli è stato fatto uno scherzo: gli hanno spostato la pista all’improvviso, tipo scherzi a parte.
      Dai su lasciatelo stare, è solo un bimbo che vuole giocare con la sua macchinina 😀

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!