L’analisi tecnica della nuova Red Bull RB11

5 febbraio 2015 15:39 Scritto da: Mario Puca

La livrea “camouflage” non ci ha impedito di scoprire le tante novità della nuova monoposto austriaca. Eccole nel dettaglio.

red bull livrea

Stratagemma diabolico o trovata pubblicitaria? Inizialmente il camouflage della Red Bull faceva pensare alla prima soluzione ma, visti i risultati (scarsissimi) di camuffamento, la nuova test-livery è sembrata più una bella trovata pubblicitaria (in pieno stile Red Bull) che altro. Passato lo stupore per l’inedita colorazione, infatti, sono immediatamente emerse tutte le caratteristiche della nuova RB11, comprese quelle più nascoste.

La nostra analisi, tuttavia, parte dalle novità più evidenti, relative più che altro all’anteriore, che ha subito un profondo restyling rispetto al 2014. Quella principale riguarda il telaio, decisamente rialzato rispetto alla RB10, che passava dai 625 mm di altezza massima ai 525 mm previsti per la sezione anteriore della scocca in maniera molto morbida e sinuosa; la RB11, invece, ispirandosi principalmente a Mercedes e Ferrari, mantiene il più possibile l’altezza massima, per poi digradare velocemente verso le altezze regolamentari inferiori, con un vanity panel che nasconde lo scalino.

anteriore red bull

La conseguenza di questa scelta è un muso con un’inclinazione molto pronunciata, opportunamente sagomato, sottile ed arrotondato per ridurre al minimo la resistenza che produce un elemento così inclinato. La Red Bull, inoltre, ha scelto, come la Williams, la strategia dello “spuntone” in punta al muso, mantenendosi al limite degli 850 mm di lunghezza minima previsti dal regolamento 2015.

Cambiano le forme, i regolamenti, ma non cambiano i “trucchetti”, come quello dell’S-duct, in condotto che raccoglie l’aria dal sottoscocca e la “soffia” al di sopra della stessa, presente anche sulla vettura 2015 (FOTO). Tuttavia i tecnici hanno modificato il progetto dello scorso anno, adattandolo alle nuove forme della scocca, incrementando la dimensione dei condotti laterali (FOTO).

sospensione red bull

Profondamente modificata la sospensione, non tanto nelle geometrie (i triangoli mantengono quasi la stessa inclinazione) ma nella posizione degli elementi; anche la Red Bull, infatti, ha scelto la soluzione con il tirante di sterzo allineato al braccetto, utile a pulire i flussi aerodinamici che transitano tra i vari elementi. Altro dettaglio interessante, infine, è dato dai mozzi soffianti, già sperimentati (e poi abbandonati) dal team austriaco qualche anno fa.

Dall’anteriore ci dirigiamo verso il retrotreno, il quale non ha subito modifiche rilevanti rispetto alla monoposto 2014. Abbiamo messo a confronto varie sezioni della RB11 e della RB10 e non abbiamo riscontrato differenze molto evidenti, se non piccoli affinamenti.

red bull lato

Nell’immagine sopra potete apprezzare la sezione centrale delle due Red Bull. Le prese d’aria laterali hanno subito solo una piccola modifica nella parte inferiore per creare un canale d’aria più netto che percorre il fondo vettura; risultano inoltre leggermente più piccole. Al contrario, la presa d’aria situata al di sotto del roll bar, dietro la testa del pilota, è stata ingrandita per incrementare la quantità d’aria utile al raffreddamento dei componenti della power unit Renault. I profili ai lati dell’abitacolo, invece, conservano le stesse caratteristiche della vecchia versione.

Anche la forma delle pance, ben visibile nel confronto dell’immagine di copertina di quest’analisi, è rimasta pressoché invariata, così come quella della parte superiore del cofano motore, modificata solo nella parte terminale.

posteriore red bull

E’ qui che sono visibili le differenze più evidenti con la monoposto dello scorso anno. La RB11 mantiene il singolo pilone di supporto, al di sotto del quale transita lo scarico, ma scompare, almeno per ora, il grosso sfogo centrale al termine del cofano, ora piuttosto rastremato. Da notare che il terminale di scarico è ora posto sensibilmente più in basso rispetto allo scorso anno ed è coperto da un profilo a sbalzo di generose dimensioni.

Gli sfoghi laterali, invece, sono più ampi, nonché leggermente differenti nella forma, per favorire una maggiore evacuazione del calore proveniente dal motore. In particolare, si può notare una concentrazione di tutto lo smaltimento dell’aria calda nella parte più bassa del telaio, subito al di sopra del diffusore.

retrotreno red bullGli elementi aerodinamici del retrotreno conservano le stesse forme della vettura dello scorso anno, ad eccezione della paratia dell’ala posteriore, che ha adottato i due intagli obliqui come la Mercedes W05, e del diffusore, squadrato ai bordi (FOTO).

In conclusione, la RB11 è una vettura che ha subito decise modifiche nella parte anteriore ma che ha conservato l’idea progettuale al posteriore, da sempre punto di forza delle vetture in cui c’è lo zampino di Adrian Newey. I margini di evoluzione sono piuttosto ampi, ma il discrimine, come lo scorso anno, verrà dalle prestazioni dell’unità di potenza turbo Renault. Senza prestazioni motoristiche eccellenti, difficilmente un’ottima aerodinamica, da sola, consentirà a Ricciardo e Kvyat di lottare per la vittoria.

9 Commenti

  • Per la cronaca il muso della RB11 non ha niente a che vedere con quello della F14-T, riprova è che hanno mantenuto il sistema S-duct, con bulbo, le prese d’aria ora sono dietro al muso, per cui come può’ essere come quello Ferrari 2014?, magari gli assomiglia, ma parliamo di cose sostanzialmente diverse.

  • Sarà, ma sto muso stile f14t, non mi garba un granché…

  • io invece sono convinto che la mercedes li ha eguagliati dal punto di vista aerodinamico, il renault non è scarso come la passata stagione, se non vincono è perchè hanno abolito gli scarichi bassi

  • Praticamente dietro hanno copiato Mercedes, di sana pianta, davanti invece hanno mantenuto la stessa strada, interessanti sono i mozzi soffianti introdotti da loro anni fa’ , poi Sauber e poi Ferrari, non so’ quanto vantaggio diano, lo scorso anno con Ferrari non si vide, quella era pero’ una vettura scadente, ma dato che anche quest’anno l’hanno mantenuta qualche seppur piccolo vantaggio nei pulizia flussi lo da’, altrimenti Newey ben difficilmente riprende un idea scartata. Per ora siamo sul solito tram tram , ottimo telaio, ottima aerodinamica, ma pessima Pu, dato che Renault ha dichiarato che non prima di Barcellona porteranno l’evoluzione finale , sono in ritardo, parlo di Renault, RBR, no .

    • I vantaggi dei mozzi soffiati sono di ridurre le turbolenze generate dalla rotazione degli pneumatici, riducendo il drag e mandando aria più pulita lungo le pance.

      • Che abbinato al sistema S-duct avrebbe senso, mentre quello Ferrari non ha tutta questa efficacia.

      • Come fai a sapere che non é efficace il sistema della Ferrari? In fondo su questa vettura è stata progettata dal inizio con questa soluzione, quindi non come la F14-T stagione in corso…

  • Mi sa che ancora una volra la Red bull avrà il telaio migliore, non oso immaginare i risultati che otterrebbe se avesse un motore mercedes

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!