Horner: “Con nuovi regolamenti Newey potrebbe ripensarci”

11 febbraio 2015 23:15 Scritto da: Valentina Zuliani

I piani per introdurre una rivoluzione nei regolamenti a partire dal 2017 potrebbero far tornare Newey a tempo pieno in Formula 1, almeno secondo Chris Horner. L’ingegnere inglese l’anno scorso ha deciso di diminuire il suo impegno in Red Bull per dedicarsi ad altro, frustrato dalla netta predominanza del fattore motoristico su quello telaistico.

F1 Testing in Jerez - Day One
La rivoluzione nei regolamenti di cui si sta vociferando in Formula 1, prevista per il 2017, potrebbe essere la tentazione giusta per riportare Adrian Newey ad un impegno a tempo pieno con Red Bull, questa è la convinzione di Chris Horner.

Newey, infatti, l’anno scorso aveva deciso di abbandonare l’impegno totale nei Gran Premi perché le regole sempre più restrittive sull’aerodinamica e il ruolo di assolute protagoniste conquistato dalle power unit lo avevano fatto disinnamorare della Formula 1.
Ora, però, con i team che sembrano decisi ad intraprendere un percorso finalizzato a realizzare monoposto più veloci ed esteticamente migliori, con una conseguente maggiore libertà di progettazione, ci sarebbe l’eventualità che Newey possa tornare sui suoi passi.

Chi sembra essere sicuro di tutto ciò è Chris Horner che non ha esitato a dichiarare: “Adrian è ancora molto motivato, si vede. Quindi se i regolamenti diventassero meno restrittivi e più intriganti ai suoi occhi penso proprio che deciderebbe di tornare ad essere maggiormente coinvolto nel team”.
Horner non nutre dubbi sull’amore del suo collega per la Formula: “In questo momento è in una fase della sua carriere e della sua vita in cui sta cercando di divertirsi con nuove sfide. Ma lui in fondo ha lo spirito del pilota, ama la Formula 1 ed è sempre estremamente competitivo”.

Adrian Newey, intanto, ha fatto la sua comparsa ai test di Jerez e non ha mancato di esprimere il suo disappunto per il fatto che i motori siano diventati i veri protagonisti di questa Formula 1, il fattore dominante nelle prestazioni: “La Formula 1 dovrebbe essere un insieme di pilota, telaio e motore – ha dichiarato – ma i regolamenti attuali sono troppo in favore dei motori e troppo restrittivi per quanto riguarda il telaio”.

E, come si è visto durante la scorsa stagione, non si può dar torto a Newey. I motori sono diventati davvero l’elemento fondamentale di questa Formula1, con la power unit Mercedes che ha umiliato tutte le altre: “Se un motorista riesce a trarre un vantaggio grazie al regolamento, è difficile per chi si occupa dei telai fare abbastanza per ribaltare la situazione” ha concluso l’ingegnere inglese.

16 Commenti

  • Già, è veramente inconcepibile che lo sport motoristico per eccellenza sia condizionato dai motori…

    “Se un motorista riesce a trarre un vantaggio grazie al regolamento, è difficile per chi si occupa dei telai fare abbastanza per ribaltare la situazione.”

    Ma guarda un po’, Adrianuccio si è offeso! Anche quando uno riesce trarre vantaggio da scarichi soffiati, ali e musi flessibili, zavorre flottanti concesse solo a te per deroga etc… è difficile per gli altri fare abbastanza per ribaltare la situazione.

  • @pie.chi
    Basterebbe raggiungere un valore tale per cui la velocità media sul giro sia pari, o meno, della velocità di punta raggiunta su un tracciato preso come standard (succede sempre in motogp per esempio è si sorpassano come dannati lì, fatto salvo il fattore ingombro)

    • Non scherziamo, non riuscirebbero nemmeno a scaricare a terra la potenza in uscita da una curva “veloce”, pesano 700kg queste macchina mica una tonnellata o più. Scusa per recuperare la mostruosa perdita di velocità in curva punti a farli arrivare a 380 sul dritto e a farli frenare a 300 metri dalla curva? A Monaco cosa fai, gara di drift? A Spa l’eau rouge lo dovrebbero fare in terza a 180 all’ora, gran spettacolo! I sorpassi li facevano pure 30 anni fa con l’alettone posteriore :\ Per me non ha nemmeno senso il confronto F1-motoGP, il pilota riesce a fare una differenza enorme per come si deve guidare una moto, la moto sarà larga 70cm o meno.

      • ho preso i dati per la gp2 e gp3, dove si vedono molti sorpassi in media, più in gp3:
        gp2: vel massima 320 km/h, vel media a barcellona 172 km/h
        gp3: vel massima 285 km/h, vel media a barcellona 138 km/h

        stranamente la gp3 ha un rapporto vel max/vel media maggiore di 2, o al contrario, inferiore di 0.5 e li si sorpassano sempre

  • hanno limitato l’aerodinamica per equilibrare i valori, ed anche i motori nuovi avevano regole molto ristrettive, con tanto di consumo uguale per tutti sia come quantità totale che coefficiente di flusso.

    Quello che ha fatto Mercedes è stato assolutamente inaspettato e insospettabile, onore al merito !

  • Se vabbe….si chiama Formula 1 e ha un motore anche….più che altro credo si sia allontanato perché non si può più toccare niente….tutto standard e bloccato…

  • Effettivamente ora hanno chiuso ogni sviluppo areodinamico(sbagliando), ma secondo me gli ultimi anni l’areodinamica era divenuta così importante perchè per dici anni hanno impedito qualsiasi sviluppo sui motori cosa assolutamente assurda dato che stiamo parlando di motorsport, quindi le aree dove team si sono concentrati per trovare sviluppi sono state telaio/areodinamica.

  • alexredpassion

    ma quale rivoluzione del 2017? Non nego che per un momento ci ho sperato davvero in un cambiamento radicale e sostanziale. Dalle ultime voci che sono trapelate è evidente che si tratta solo di fumo negli occhi per prendere tempo, “vasellina” per gli appassionati.
    La F1 è ostaggio di Mercedes e Honda e nessuno (Ferrari in primis) fa nulla per cambiare davvero la situazione.

    La formula 1pocrisia non si cambia, almeno finchè Mercedes non avrà deciso che non sarà più utile per il proprio marketing. Quel giorno saluterà tutti dall’oggi al domani, lasciando solo rovine fumanti di quella che una volta era l’incontrastata categoria regina del motorsport.

    • Sei pregato di rosikare altrove, grazie.

      Ostaggio di Mercedes e Honda ? E si come no, sai in origine è stato firmato all’UNISONO un accordo riguardo questo regolamento compresa la Ferrari con tanto di stretta di mano di Montezemolo che da 5 anni predicava che non vincevano più per via dei motori bloccati.

    • sei libero di cambiare sport, nessuno ti trattiene.
      Prego quella è la porta.

      • alexredpassion

        A paolè, quando tu avrai visto un quarto della formula uno che ho visto io allora me potrai rivolge parola. Fino a quel momento sei pregato di trollare sotto i post di qualcun’altro.
        Grazie

  • bisognerebbe cercare un aerodinamica che sfavorisca il meno possibile chi è in scia.

    L’ideale sarebbe abbassare di tanto l’ala posteriore o eliminarla del tutto.

  • Mah, io mi lamenterei del congelamento dei motori, piuttosto.
    L’aerodinamica non mi sembra sia congelata e ha ancora un ruolo estremamente importante.
    Mi sembra un po’ “faziosa” la sua pretesa: nel passato il motore era standard e contava solo l’aerodinamica, eppure non mi ricordo sue dichiarazioni riguardo al fatto che la F1 debba essere “un insieme di motore, telaio e pilota”…

  • Prima al contrario erano troppo restrittivi si motori…. Ci andrebbe un giusto equilibrio

  • vero, ma o blocchi tutto o niente… io sono per il niente..

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!