Ferrari, buona anche la prima giornata a Barcellona

19 febbraio 2015 20:39 Scritto da: Antonino Rendina

Positivo il primo giorno di test in Catalogna per il Cavallino rampante, che ha mostrato buon passo e affidabilità.

TEST PRE-CAMPIONATO F1/2015

Bando alle ciance e, al netto di un contorno fallace fatto di crono fasulli come calcio d’agosto, non resta che (iniziare ad) ammettere – timidamente per far sì da non rimaner scottati – che la Ferrari c’è. Tanti indizi fanno delle prove che a questo punto, dopo il già positivo esordio di Jerez, non possono più essere sottovalutate.

Kimi Raikkonen nel primo giorno di test sul circuito di Montmelò a Barcellona ha filato che è una bellezza. Settantaquattro giri complessivi, forse un piccolo problema elettrico, un’inezia se paragonata alla mole di lavoro svolta senza problemi. Long-run, pochi, sempre tra i dieci e i tredici giri, concentrati ad inizio giornata e alla fine. Ma gran ritmo (più veloce secondo alcuni rispetto alla Mercedes) e giri lanciati in quantità, con punte di velocità interessanti e un tempo di 1.25.167 che è il “migliore” del giorno, nonostante le classifiche dicano 2° posto.

Raikkonen ha difatti realizzato il suo best lap con gomme medie, mentre Maldonado con la Lotus è stato il più veloce in assoluto con il tempo di 1.25 netto, fatto segnare però con le Pirelli morbide. I tempi sul giro, però, in questa fase non vanno considerati. Ma un tiepido ottimismo proviene da altri segnali: la Ferrari, pronti via a Barça, ha confermato le buone impressioni andaluse di due settimane fa. Affidabile, concreta e dotata di una certa semplicità nel trovare il giro buono da subito. Quest’ultimo, forse, il dato più interessante.

Kimi, che l’anno scorso ha sofferto come un matto la poca guidabilità all’anteriore della F14-T, quest’anno non sembra patire gli stessi problemi, anzi la SF15-T pare lavorare molto bene con le Pirelli (finalmente) nonostante lo scetticisimo per la conferma dello schema pull-rod alle sospensioni anteriori.

Raikkonen, che ha lavorato sulla verifica dei sistemi, fatto prove di long run, con valutazione di assetto e pneumatici, ha poi raccontato: “La situazione è più o meno quella di Jerez: non sappiamo con quanto carburante giravano gli altri, che magari hanno usato gomme a mescola morbida. Noi facciamo il nostro lavoro, ci siamo fatti un programma e cerchiamo di seguirlo. La monoposto è tutta un’altra cosa rispetto a quella 2014, certo c’è ancora tanto da fare, ma la squadra lavora molto bene e ha realizzato una bella vettura”.

Soddisfatto anche James Allison, Direttore Tecnico della Scuderia Ferrari, che ha affermato: “Nel complesso, siamo soddisfatti per la giornata, anche per quanto riguarda il lavoro fatto per valutare le reazioni della vettura ai cambiamenti d’assetto, molto meno per i giri coperti. Spero che nei prossimi giorni si possano mettere assieme più kilometri”.

19 Commenti

  • Prima che inizi la seconda giornata di test volevo porre un quesito:

    Partendo dal fatto che Kimi ieri ha realizzato il suo secondo miglior tempo con le winter hard in 1:25.5 (vado a memoria) in un run di 12 giri al nono passaggio, migliorandosi costantemente tra l’altro, mi chiedevo se volendo “normalizzare” il tempo su gomme medie e scaricando la macchina di una di una 20ina di kg (il circuito di Barcellona credo sia accreditato di un consumo di 1,7 kg per giro)di quanto questo tempo può essere ridotto?

  • I tempi non contano nulla e questo è vero, però se consideriamo che durante la pole dello scorso anno la Ferrari di Kimi con gomme medie non è andata oltre l’1:27.104 ed ora siamo a giusto due secondi più veloci, direi che il miglioramento c’è stato e come, soprattutto se pensiamo che le condizioni di pista fredda certamente non hanno aiutato, ma il miglioramento appare ancora più evidente se consideriamo che con le winter hard Kimi è stato solo di 4 decimi più lento rispetto al suo stesso tempo, ma su un run di 12 giri ed al nono passaggio, quindi direi che sicuramente il tempo fatto registrare con le medie non è stato assolutamente cercato e che molto probabilmente, poteva essere ancora più veloce, mentre non so se per Maldonado e Ricciardo si può dire altrettanto, visto che hanno utilizzato gomme soft e con il compound più duro erano ad 1,5″ da Kimi.

  • schumacher the best

    Beh se la giocano.. Non si può dire lo stesso di alonso però vero? Ma basteranno i milioni Honda per curarsi dalla depressione dovesse andare la rossa quest’anno? Secondo me 2 ansiolitici già li sta prendendo però..

  • Comunque questo Vettel ha più culo di Jennifer Lopez!

  • schumacher the best

    Tra pull, motore, piloti con entusiasmo e con un anno di esperienza in più il salto e stato fatto indubbiamente

  • La pull Rod adesso funziona ci hanno messo tre anni ma adesso hanno ottenuto la quadratura del cerchio, daranno filo da torcere a tutti

  • schumacher the best

    Pensavo ti riferissi alla Ferrari, ma non so, cmq credo che le soft verranno montate un po da tutti prossimamente nei test, vuoi o non vuoi è sempre la gomma più performante anche se non ha parametri di riferimento

  • Penso che l’uomo giorno di test ci darà dov’è la Ferrari.

  • schumacher the best

    Usare le soft non so a cosa serva sinceramente, non c’è riscontro sia perché i test a Barcellona non c’erano l’anno, scorso sia perché nel week and di gara comunque quella mescola non si usa quindi non giudico lotus, ma ferrari con medium si, è sono buoni tempi, poi aspettiamo Mercedes che dopo una vettura eccellente cosa può aver tirato fuori nel 2015? Dilemma.

  • schumacher the best

    Max concordo con te giusto quello che dici, ma non credo al sottopeso o al flussometro, a che pro provare così? Non hanno bisogno di attirare attenzione su di sé, portaci in alto per trovarsi all’inferno poi non credo, questa vettura è nata bene e si è potuto lavorare bene sulle disgrazie 2014, di motore c’è credo ora è il nocciolo era quello, areodinamicamente sembra funzionare quanto saremo vicini lo vedremo, l’importante è recuperare non vincere ci accontentiamo di battagliare quest’anno è se riusciamo a piazzare qualche sgarbo a destra e a manca saranno soddisfazione per noi ferrarista ricordando il 2014

  • Naturalmente non ci sono certezze, ma di segnali positivi ce ne sono tanti, ma proprio tanti, perchè Kimi oggi faceva tempi interessanti e sempre al vertice, con una facilità incredibile, a testimonianza che non è stato cercato il tempo a tutti i costi, tanto è vero che non hanno mai utilizzato le gomme soft, che consentivano una maggiore prestazione al primo giro, ma che, purtroppo, servono solo a cercare la prestazione, perchè non reggevano più di 4 giri, visivamente la Ferrari aveva la più alta velocità in percorrenza curva e questo detto da chi era sul posto ad osservare, ma la cosa che più di tutte è sintomatica dello stato di salute della SF15-T, vi è il fatto che anche come velocità di punta la rossa si è dimostrata al vertice, con 281.9 km/h nel rettilineo tra la curva “4” e “5” ma anche alla “speed trap” sul rettilineo principale è stata superata solo da Maldonado il quale, però aveva le gomme soft.

    Daccordo, sono solo test, dove si può girare senza i limiti del flussometro o anche sottopeso, ma la Ferrari non ha esigenze particolari di marketing tali da giustificare il ricorso a simili espedienti per avere una maggiore visibilità per attirare sponsor o mascherare difficoltà economiche, no, la Ferrari c’è, se e di quanto è stato colmato il gap con la Mercedes questo non lo sappiamo, ma la Ferrari c’è è una realtà.

  • schumacher the best

    La missione era accorciare le distanze da parte di ferrari non di combattere con la Mercedes quest’anno, la rossa quest’anno sarà la williams dello scorso anno si spera e da quel poco che si vede, williams che poteva benissimo vincere qualche gp se ci fossero state persone normali al muretto a fare strategie nel 2014, adesso abbiamo una vettura di formula 1 affinata dopo il calvario dello scorso anno, performante quanto lo vedremo in Australia, però dopo 5 giorni di test siamo li, e il caso è che gli altri non spingono regge fino ad un certo punto su dai..

    • Di certo chi ha usato le gomme soft se non cervava la prestazione poco ci mancava, perchè dopo il primo giro veloce perdevano 1 secondo al giro, in pratica dopo 4 giri erano sull’1:29, (l’ho letto su f1-direc*), a che altro serviva utilizzare quel tipo di pneumatico??

  • mi dite se la ferrari ha provato qualcosa di nuovo oggi?

  • A Melbourne ci sarà un brusco risveglio dal sogno, questa è pressoché una certezza. Ma intanto sognare per qualche settimana è piacevole. Una cosa però sembra ormai assodata: la monoposto 2015 è meglio del bidet dello scorso anno

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!