McLaren su incidente Alonso: “imprevedibili raffiche di vento”

23 febbraio 2015 17:26 Scritto da: Valentina Costa

In un comunicato ufficiale McLaren-Honda rilascia la prima valutazione dell’incidente che ha coinvolto ieri Fernando Alonso. Il team esclude tra le cause guasti meccanici, aerodinamici o elettrici, e smentisce categoricamente che lo stato di incoscienza del pilota asturiano sia stato provocato da una scarica di corrente elettrica. Responsabile della manovra errata sarebbe stato il forte vento, che ieri soffiava a raffiche sui Circuit de Barcelona-Catalunya.

10982297_10153133650717938_5432960767133492877_n

A oltre 24 ore dal brutto incidente di cui è stato – suo malgrado – protagonista ieri Fernando Alonso, la scuderia McLaren Honda rompe il muro del silenzio e il vortice di supposizioni più o meno fantasiose circolate su giornali e web, rilasciando una prima dettagliata analisi su cause e dinamiche del botto che ha portato l’asturiano in ospedale per accertamenti.

Nelle ultime 24 ore sono state portate avanti analisti dettagliate dei danni presenti sulla vettura di Fernando, e sui dati della telemetria, per capire pienamente la causa o le cause dell’incidente“, si legge nel comunicato. “Persino in questa prima fase, siamo stati in grado di arrivare ad alcune solide conclusioni”.

La vettura [di Alonso] è arrivata larga all’entrata della Curva 3, una rapida salita che svolta a destra, e ha toccato l’erba sintetica che circonda la parte esterna del tracciato. Una conseguente mancanza di trazione ha causato un certo grado di instabilità, respingendo la vettura nuovamente in pista, dove ha riguadagnato trazione per poi colpire il muro”.

“Le nostre ricerche indicano che l’incidente è stato causato da imprevedibili raffiche di vento presenti in quel momento in quel tratto del circuito; vento che ha condizionato in maniera simile anche altri piloti (ad esempio Carlos Sainz Junior). Possiamo categoricamente affermare che non ci sono evidenze sul fatto che la vettura di Fernando abbia subito dei guasti meccanici di alcun tipo. Possiamo confermare in modo assoluto che non è stata registrata alcuna perdita di pressione aerodinamica, il che indica che la monoposto non ha subito alcuna perdita aerodinamica, nonostante sia stata soggetta ad un significativo livello di Forza G. Infine possiamo anche rilevare che nessun tipo di scarica o irregolarità si è verificata nell’ERS della vettura, prima, durante o dopo l’incidente”.

“Si vuole infine confutare l’erronea voce diffusasi in queste ore secondo cui lo stato di incoscienza di Fernando sia stato procurato da un guasto elettrico. Semplicememnte non è vero. I nostri dati mostrano chiaramente che stava scalando di marcia mentre frenava al momento del primo impatto. Qualcosa che chiaramente non sarebbe stato possibile se fosse stato incosciente in quel momento”.

“I nostri dati confermano anche che la monoposto di Fernando ha colpito il muro di cemento all’interno, prima con la ruota anteriore destra, poi con la posteriore destra. E’ stato un impatto laterale significativo, con conseguenti danni al montante anteriore e assale. Dopo il primo urto, la vettura è scivolata lungo il muro per circa 15 secondi, prima di arrestarsi. Tutte e quattro le ruote sono rimaste agganciate alle vettura, ma la carrozzeria non ha subito alcun danno”. 

Il comunicato rassicura anche sulle condizioni di salute del pilota asturiano, tenuto in ospedale per accertamenti e per smaltire gli effetti dei farmaci somministrati. “Siamo felici di confermare che Fernando Alonso si sta riprendendo molto bene in ospedale, e che parla con la famiglia, gli amici e lo staff ospedaliero“, si legge nella nota stampa, che offre anche una descrizione dettagliata sulle fasi del soccorso. “Dal luogo dell’incidente [il pilota] è stato portato al centro medico del circuito, dove gli è stato dato il primo soccorso e, come nelle normali procedure, è stato sedato per prepararlo al trasporto aereo in ospedale“.

“In ospedale è stato sottoposto a una serie completa di controlli, tra cui TAC e risonanza magnetica, che hanno messo in luce come tutto sia completamente normale. Per garantire al pilota la privacy e la tranquillità necessarie a un sereno recupero, è tenuto in ospedale sotto osservazione. Intendiamo dargli tutte le opportunità necessarie per una rapida e completa guarigione, e valuteremo in questi giorni se potrà o meno prendere parte ai prossimi test a Barcellona”.

Auguriamo a Fernando un velocissimo recupero“, chiude il comunicato. “Quando e se avremo ulteriori aggiornamenti, naturalmente li condivideremo”.

161 Commenti

  • Giuseppe.Ferrari

    Facevano più bella figura se dicevano che Alonso si era impressionato per aver visto un ciuccio (asino) che vola e da lì si era reso necessario sedarlo per calmarlo dalla forte agitazione in seguito a questa singolare visione.

    Tornando seri: se la McLaren per una raffica improvvisa di vento a 40 km/h può andare a muro allora vuol dire che la macchina non è idonea a partecipare al mondiale di F1. Non capiscono che qualsiasi cosa dicano, purché non sia verità, si tirano la zappa sui loro stessi piedi. Che imbecilli.

  • @ manto
    Il manager di Alonso non è un uomo McLaren. Non prendo in considerazione le sue dichiarazioni. Io sostengo la McLaren mica gli altri con le loro teorie.
    @caribbean
    Alonso non si è appoggiato al muro perché i sensori non si attivano a caso se non sbatti e la forza è superiore di 15G. Hai visto il video della ricostruzione? Praticmanete riassume bene la dinamica.
    Scrivendo quello la McLaren non ha mancato di rispetto a Vettel ma anzi l’ha lasciato libero di dire quello che vuole. Senza accusarlo di niente.
    Problema macchina: se guardi bene le foto la sospensione posteriore destra è andata. Poi come ho scritto sopra se l’impatto e stato superiore a 15G si sarà rotto qualcosa nel sistema sospensivo anteriore e io tempo di sostituzione avrà richiesto tempo e hanno preferito chiudere. Comunque era pure una giornata che anche con monoposto perfettamente a posto il motore non andava.
    Aggiungo e la finisco qui perché mi sono stufato, se le vostre teorie fossero vere credete davvero che alonso ci metterebbe tanto a non rivelarlo a tutti e inziare a lamentarsi? Dai conosciamo tutti alonso si lamenta via radio come una pazza isterica perché le batterie nn sono cariche o perché un rookie non apre strada. Se fosse stata colpa della McLaren e della Honda alonso a questa pretendeva una power unit che funzionava perfettamente o una mercedes da parte della McLaren Honda.

    • Ok ti posto qui la dichiarazione del fotografo a bordo pista che ha postato ryudoctor nell’altro articolo.

      Dichiarazioni del fotografo in pista ”sono andato sulla parte esterna della pista, verso la curva 3, il sole mi era di fronte e non c’era vento apprezzabile. Vi posso dire che al momento dell’incidente, Alonso non ha toccato alcuna zona d’erba sintetica con le ruote e la macchina non sembrava danneggiata. Inoltre stava guidando lentamente. Sono in possesso di una foto in cui Alonso è appena finito a muro ed è subito avanti a Vettel, che procedeva molto più velocemente di lui. Inoltre analizzando la sequenza delle immagini si può notare che i segni di frenata sull’asfalto non appartengono ad Alonso. Non sono un esperto ma l’impatto non era forte.”

      Ora supponendo che abbia detto il vero perché la mclaren dovrebbe sostenere che è stato il vento? La ricostruzione di questo tizio che ha visto con i suoi occhi è certamente più affidabile della simulazione fatta su pure supposizioni.
      Ma allora la mclaren a prescindere che sia stato un problema della macchina o un problema di Alonso ha detto il falso.
      Perchè Alonso non parla? Prima di tutto non può infangare la squadra fin da prima dei test iniziando a lamentarsi, sarebbe un grande danno di immagine per honda e la mclaren.
      Secondo non si sa in che stato sia, se si ricordi dell’incidente e tutto, hanno solo postato una foto su Twitter per rasserenare la gente ed eventualmente distogliere l’attenzione da un qualcosa che ha causato l’incidente, che sia un problema fisico o della macchina.

      • Beh basti guardare gli occhi di Alonso nella Foto postata, per vedere che lui è ancora in uno stato confusionale.
        Qui mi sembra di rivivere la storia dei mondiali di calcio 1998, dove nessuno voleva parlare cosa fosse successo a Ronaldo. Quando era chiaro ad occhio, che non stava bene.

    • Lord Caribbean Black

      Lo vuoi capire che alonso non ha subito 15 g nell’impatto?
      Lo vuoi capire che alonso ha avuto un problema prima dell’impatto?
      Lo capisci che ha strisciato contro il muro, appoggiandosi e non ha battuto violentemente?

      Per quanto sono fragili queste auto, anche una strisciata ti distrugge la sospensione….ti ricordi cosa accadde d Hamilton a monza 2011 quando urtò Massa alla seconda chicane?

      Si appoggio solamente alla ruota posteriore della ferrari, e la sua sospensione anteriore cedette come fosse un pezzo di plastica.

      LOL, io capisco il tifo…ma qui stai esagerando.

  • Lord Caribbean Black

    LOL si e gli asini volano così come hanno visto la marmotta confezionare la marmellata.

    Alonso non ha sbattuto contro alcun muro, ha strisciato appoggiandosi, perdendo il controllo della monoposto prima dell’impatto per un problema occosro prima dell’impatto in se…..il problema sta qua….cosa è successo????

    Malore o problema della macchina?

    Escluso il malore, dal momento in cui non hanno fatto salire in macchina button nel pomeriggio, il problema sta sulla macchina….ora, il problema sulla macchina quale è????

    Non è stato il vento, e su questo, siamo tutti d’accordo….qui non siamo stupidi, nessuno, e solo un cretino, puo bersi la storia del vento e del conseguente impatto, proprio perchè, Alonso, non è finito in ospedale per l’impatto.

    Nel comunicato ufficiale hanno detto

    “Vettel puo dire cio che gli pare….”

    Ergo….la nostra grande armata brancaleone, ha qualcosa da nascondere.

  • Molti vedo ripetono i 15G, i G sono la decelerazione che ha subito la vettura, non indicano se non “indicativamente” la forza dell’impatto, ovvero 15G di decelerazione si possono registrare frenando bruscamente da 200km/h a 0, oppure con un testacoda ad alta velocità, esempi che ho portato per dire che anche senza impatto si puo’ subire una decelerazione del genere. Come molti sanno superati gli 8G puo’ portare a problemi di circolazione, e svenimento.
    Se il pilota non ricorda cosa è successo ha rischiato un danno più leggero ma simile a quello che ha portato Bianchi nella sua attuale condizione.
    Fuerza Nando!

    • Esatto. Finalmente uno obbiettivo oh!

    • è proprio questo il punto , da quello che si è visto Alonso non ha subito alcuna decelerazione improvvisa, proprio perchè prima ha frenato e poi si è appoggiato al muro e dico questo perchè se effettivamente fosse sbattuto ad alta velocità prima con la ruota anteriore e poi con quella posteriore come dicono, vi sembra che la sospensione sarebbe rimasta intatta?

      Piuttosto quello che lascia perplessi è quello che è accaduto prima dell’impatto, perchè è una cosa nota che in questi frangenti due sono le cose che istintivamente viene da fare: frenare e sterzare ed Alonso ha frenato solo prima di impattare non dopo anzi la macchina ha seguito il muretto e poi si è fermata.

  • Io dico solo questo….che Fernando è fortunato ad essere vivo e che è ora che la Mclaren e la Honda la smettano con sta stronzata del vento…ma cosa si credono che siamo dei cojoni???

    Forza Alonso

  • Come ho detto non mi convincono, però:
    (Sempre opinioni personali. Non sono un medico, non sono un fisico, sono solo chiacchiere tra amici. Purtroppo è necessario specificarlo tutte le volte perché siamo in internet, ahimè.)

    – Un impatto laterale contro il cemento quando non te lo aspetti, anche a 150Km/h, e che sollecita un collo pur allenato non è detto che sia per forza una cosa da niente.

    – La strisciata sull’asfalto della ruota destra è compatibile con una sterzata a destra, perché il rollio fa coricare la monoposto sulla sinistra, oppure con il blocco dell’impianto frenante anteriore destro che fa da perno e fa andare la macchina a “dritta”.

    – Lo stop di Button ha senso perché nel dubbio, e prima di analizzare perbene TUTTI i dati dopo un incidente che ha mandato il tuo pilota di punta all’ospedale, l’altro pilota è meglio tenerlo fermo.

    Nonostante questo, ho visto troppa Formula 1 per associare quello che è stato detto dalla McLaren a quello che è successo, considerando che alla guida c’era anche Fernando Alonso che non è Nicolas Prost.

  • Personalmente non credo alla spiegazione ufficiale, assurdo solo pensare che quello fosse un urto a 15g per la vettura che già andava “piano” ed il pilota che “scalava” praticamente si è accostata al muretto e se è urtata prima con la ruota anteriore se fosse stato a 15g si sarebbe distrutto tutto l’anteriore, inoltre, mi sembra assodato che Alonso fosse stato se non del tutto almeno semincosciente già prima dell’impatto, perchè se avesse avuto solo un briciolo di capacità intellettiva, avrebbe mantenuto il piede sul freno, infatti se stava già frenando, non svrebbe costeggiato il muretto per 15 secondi ed anche solo l’istinto, in questi frangenti ti porta a spingere fi più sul pedale del freno.

    Detto questo, come Caribbean sono del parere che la spiegazione è quanto meno insulsa, sinceramente se la potevano inventare meglio o quando meno argomentarla diversamente, soprattutto perchè di tempo ne hanno avuto tanto per capire per studiarla meglio, poi è ovvio che certe cose non debbano essere note, su questo non discuto, l’unica cosa che spero, per il bene di Alonso, è che si tratti di una cosa transitoria, meglio una scossa elettrica che si può risolvere.

  • Va be dai..oramai lo sappiamo che nn e’ successo qualcosa di normale altrimenti(se dagli esami fatti risulta che e’ tutto a posto)era gia fuori dall’ospedale a fare interviste a destra e a manca..per dover di cronaca stamani gli verranno fatti altri esami specifici (fonte sky)

  • LOL tu dici chi se lo caga vettel, ma ci spno foto che lo raffigurano al box della mclaren dopo l’incidente, quindi gli avranno chiesto spiegazioni. Perché allora chiedi spiegazioni a un pilota e poi dici ah per me può dire quello che vuole?
    E poi veramente la mclaren aveva già finito il lavoro prima del pomeriggio ed era pronta a tornare a woking? Non mi sembra sia così avanti rispetto alla concorrenza da permettersi di saltare un pomeriggio

    E sull”impatto laterale oltre all’incidente di kubica voglio ricordare Monza 2011 quando Liuzzi ha perso il controllo alla partenza e ad altissima velocità ha impattato lateralmentesulla fiancata di petrov, ma nessuno è andato all’ospedale e soprattutto non per più giorni dando loro calmanti di alcun genere

    • aggiungo che i meccanici in Mclaren erano piuttosto sconcertati:

      “Chiamavamo Fernando ma dalla radio arrivavano solo gemiti strani e soffocanti, poi, dopo un ultimo lamento c’è stato solo il silenzio”

      A chi avrebbero dovuto chiedere se non all’unico pilota che aveva assistito all’incidente?

      • Ma il pilota deve premere per parlare? o con le nuove centraline c’è sempre una comunicazione bidirezionale? altrimenti in qualche maniera era lucido.

      • Il pilota doveva premere il pulsante. La McLaren è l’unico team che usa ancora questa tipologia mente tutti gli altri no sono sempre in comunicazione.

    • CHi ti ha chiamato in causa? Voi della Willams ne sapete qualocsa.
      Ho scritto chi cazzò caga Vettel perché uno qua dentro ha scritto che la McLaren lo ha incolpato cosa non vera. La McLaren non l’ha minimammente citato nella sua dichiarazione. Ti e chiaro adesso?
      Che cosa centrano quei incidenti perché è inutile paragonarli visto che possono essere simili ma hanno dinamiche diverse. Alonso ha sbattuto su un muro di cemento e non su gomme o su altre monoposto. Abbiamo visto che fine fanno i piloti in incidenti contro materiali diversi dalla gomma o il carbonio. Bianchi è in coma per essere andato addosso al trattore.
      Alonso con una velocità minore ha subito un danno minore ma era comunque forte. Hai mai sbattuto la testa e perso i sensi? Alonso in quel momemnto si sarà sentito lo stesso.

      • Non è vero, il manager di Alonso in un altro articolo ha detto vettel può dire quello che vuole come a dire che ha detto una cagata, non è stato un uomo mclaren

  • segnalo che su f1technical qualcuno si è preso la briga di montare un bel video che illustra la dinamica dell’incidente secondo la spiegazione ufficiale, tramite simulatore. A vederlo così resta comunque abbastanza anomalo (non mi spiego infatti come mai la macchina non si sia arrestata immediatamente), ma onestamente più passa il tempo più diventa convincente…

    • Fermo restando la veridicità della versione mac allora questa macchina non deve girare insieme alle altre se per una folata di vento perde il controllo e va a sbattere.

    • A me non convince.
      Un pilota esperto come alonso appena va sull’erba un filino inizia a controsterzare, vedi maldonado l’anno scorso nello stesso punto. Di certo non tiene sterzo dritto o a destra se l’auto sta andando a muro

      • esattamente.
        se prendiamo per quasi buona la versione ufficiale, mentre approcciava la corda della curva 3 la vettura è stata spinta verso l’esterno della curva da una brusca e forte folata di vento, in piena accelerazione. probabilmente la posteriore sinistra ha perso improvvisamente grip, lui ha tentato di tenere la macchina controsterzando, frenando e scalando ma il muro è arrivato subito a contatto con la vettura.
        Questa dovrebbe essere l’interpretazione del comunicato sul vento: stanno velatamente dando la colpa, se di colpa si deve parlare, al pilota.
        E’ vero, non è vero, questo non lo so, ma non mi sembra proprio campata per aria come spiegazione. La questione impatto a “bassa” velocità poi è tutta da dimostrare: Vettel andava si a 150 all’ora, ma onestamente non sappiamo quanto fosse dietro ad Alonso per poter giudicare la sua velocità. L’impatto è stato comunque brutto, la decelerazione c’è stata eccome, sulle conseguenze ho anch’io i miei dubbi ma purtroppo non abbiamo molti elementi per giudicare, per cui va preso per buono quel poco che c’è, tutto qui.

  • neanche io credo alla storia del vento , in formula 1 si è sempre corso , anche in condizioni di temporali e pioggia e vento , e non è mai successo nulla di particolare . oltretutto vettel è passato li praticamente nello stesso momento e non ha lamentato problemi . qui o si tratta di un problema della monoposto , difatti button nel pomeriggio non ha girato oppure un problema fisico di alonso .

    dalle immagini dell’incidente si nota che alonso non scende dalla macchina e gli addetti alla sicurezza alzano la visiera di nando..

  • Non voglio alimentare la polemica ulteriormente ma voglio ricordare ai più giovani che si parla di un team che ha negato fino al processo di avere trafugato disegni e progetti di altre scuderie salvo poi davanti ai giudici e ai media piangere ( Ron Dennis ) per non essere radiato dalla F1. Visto che adesso il grande boss è tornato non mi meraviglio di tutta questa falsità e omertà. Ma la sicurezza di piloti e commissari di pista deve essere messa in primo piano quindi se ci sono dei pericoli derivanti o dal pilota (epilessia o cos’altro) o dalla vettura devono essere valutati attentamente onde evitare altre situazioni simili, e lasciatemelo dire al limite della comica!

    • Credo che quasi tutti i team in realtà avrebbero fatto lo stesso.. visto che alle spalle hanno aziende non proprio piccole.. parliamo di marchi come Mclaren, Ferrari, Mercedes.. immagina se fosse stata la Ferrari o Mercedes ad aver trafugato progetti altrui, credi che avrebbero confessato tutto senza problemi causando un crollo verticale della propria immagine con conseguenti perdite economiche ingenti? Si nega fino alla morte.. stessa cosa vale nel caso fosse stato un problema della p.u. honda (è solo una ipotesi).. ovviamente nel caso si farà di tutto e di più per insabbiare la cosa.

      • Sono assolutamente d’accordo con te ma allora non prendete in giro la gente con delle spiegazioni assurde piuttosto rimanete in silenzio.

  • 15 g e non si è rotto neanche un braccio delle sospensioni?
    Questo incidente è più serio di quanto possiamo immaginare.
    Spero che Fernando stia bene e non abbia niente di serio.
    Il problema grosso è che se è stato un problema alla vettura, Fernando a livello psicologico possa perdere fiducia nel mezzo e questo per un pilota significa smettere di correre.
    Voglio vedere se la MC sarà presente ai prossimi test e se Button scenderà o se faranno girare 3° e 4° pilota…

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!