McLaren cauta sulla presenza di Alonso in Australia

26 febbraio 2015 19:49 Scritto da: Valentina Costa

In un’apposita conferenza stampa convocata a Barcellona, Ron Dennis ha discusso delle condizioni di salute dell’asturiano, chiarendo che saranno i dottori a decidere se potrà essere in pista nella prima gara della stagione. Dennis ha ammesso che Alonso ha perso conoscenza  durante l’incidente, ma ha categoricamente escluso l’ipotesi della scossa di corrente elettrica.

Incidente Fernando Alonso

Non essendosi placato il dibattito attorno all’incidente che, domenica scorsa, nell’ultima giornata della seconda tornata di test invernali a Barcellona, ha avuto per sfortunato protagonista Fernando Alonso, la McLaren ha deciso di incontrare i giornalisti e offrire qualche dettaglio in più sulla vicenda. La scuderia è stata da più parti biasimata per aver tenuto un atteggiamento poco trasparente e piuttosto omertoso sull’incidente, sulle cause che l’hanno provocato e sulle stesse condizioni di salute del pilota prima, durante e dopo il botto che l’ha costretto per tre giorni all’ospedale. Una coltre di nebbia talmente spessa che la Fia, che avrebbe potuto soprassedere sulla vicenda essendo i test organizzati dalle squadre, ha deciso di aprire un’inchiesta in merito.

Nella conferenza stampa di oggi, il boss della McLaren, Ron Dennis, ha affermato che le condizioni di salute di Fernando Alonso sono rassicuranti, ma non ha escluso che lo spagnolo potrebbe non essere a Melbourne, se i medici dovessero decidere in tal senso.

Ci saranno dei test. C’è un processo in corso gestito dalla FIA e non riesco a trovare alcuna ragione per cui lui [Fernando Alonso] non dovrebbe farcela, ma non sono io a decidere“, ha affermato Dennis. “Ha subito un incidente. I dottori dicono che le sue opportunità di essere in pista non sono quantificabili. Ma si tratta di un normale processo di recupero, dato che non ci sono danni strutturali [di carattere celebrale]. Lui è completamente lucido, normale, parla, vuole guidare, ma il dottore dice: ‘se davvero volete essere sicuri, e volete offrirgli la migliore opportunità per essere in Australia, la cosa migliore è farlo riposare’. Non andremo contro i desideri del dottore“. E quando gli è stato chiesto in maniera diretta se Alonso sarà in Australia, ha affermato: “Non trovo ragioni contrarie, ma non sono io il dottore“.

Fernando Alonso è uscito ieri dall’ospedale e, anche se sorridente, è apparso un po’ provato. Sembra che il pilota spagnolo abbia riportato diversi sintomi di una commozione celebrale, anche se i successivi test ospedalieri, TAC e risonanza magnetica, l’avrebbero esclusa. Dennis, inoltre, ha ammesso che il pilota spagnolo è svenuto durante l’incidente, ed è per questo che la permanenza in ospedale si è protratta tanto a lungo. Tuttavia ha escluso con decisione che la causa dello stato di incoscienza sia stata una scossa di corrente elettrica.

C’è stato un periodo di incoscienza. E’ stato relativamente breve“, ha continuato Dennis. “La forza G subita all’altezza del suo casco è stata significativamente inferiore rispetto a quella percepita dalla vettura – meno della metà. Il cambio di direzione della testa al momento dell’impatto è stato così repentino che, probabilmente, è stato come un colpo di frusta celebrale. I sistema di protezione per la testa del pilota sono progettati principalmente per un impatto frontale, e questo movimento è stato laterale. Sono state riportate le difficoltà del pilota a ricordare quanto accaduto – è normale quando si prende una botta del genere. Come in tutti i casi di potenziali danni celebrali, [Alonso] è stato sedato in loco. TAC e risonanza magnetica hanno dato esito negativo: in nessun momento ci sono stati indizi di danni celebrali di alcun tipo. Non ha subito nemmeno una concussione, almeno per quanto può essere rilevato dalle apparecchiature mediche. Fisicamente il pilota è in condizioni perfette“.

Fernando Alonso attualmente si trova nella sua Oviedo, in convalescenza.

6 Commenti

  • Speriamo che si riprenda e che sia combattivo come il solito

  • Ieri su sky a race anatomia spiegavano che per come è avvenuto l’impatto la forza g scarpata sul pilota è stata molto alta, il fatto che la sospensione non abbia ceduto ha contribuito a scaricare l’energia sul pilota.
    Sinceramente da profano in materia mi è sembrata una spiegazione convincente….
    Forse si è davvero alzato un polverone per un normale incidente, anche se resta da capire come abbia fatto a fine contro quel muro, il colpo di vento mi pare un assurdità

    • Lord Caribbean Black

      in realtà ci sono dichiarazioni molto ma molto contrastanti a riguardo….si dice anche che la forza assorbita dal pilota sia stata della metà o inferiore ai 15 g, proprio perchè non c’è stato un impatto, ma solo un’appoggiata al muro.

  • Personalmente, ipoteticamente parlando, io mi sento di escludere sempre più l’ipotesi della scarica elettrica, per quanto ancora poco sia chiara la vicenda.

    • se avesse preso una scarica elettrica staremmo commentando la morte di un pilota….visto che una eventuale scarica elettrica sarebbe stata prolungata e non un tocca e fugi in quanto quando prendi la scossa salti in aria (o ti allontani), mentre alonso era ancorato alla vettura. Fosse stata una scossa elettrica alonso sarebbe morto come su una sedia elettrica (oltre a sentirlo urlare come un cane bastonato). Peccato che lui non abbia urlato minimamente….

  • Melbourne è molto ventosa……..

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!