Barcellona T03, giorno 4: Bottas il più veloce

1 marzo 2015 18:22 Scritto da: Redazione

Nell’ultima giornata di test invernali a Barcellona, Valtteri Bottas ha chiuso con il miglior tempo in classifica, mettendosi dietro Vettel e Nasr.

Bottas Italia 2014

Valtteri Bottas ha chiuso al comando la quarta e ultima giornata di test sul circuito di Barcellona. Il pilota della Williams ha effettuato 89 giri, il più veloce in 1:23.063. Alle sue spalle troviamo la Ferrari di Sebastian Vettel: il pilota tedesco ha segnato il suo tempo di 1:23.469 con gomme SuperSoft, mentre nel pomeriggio si è dedicato ad una simulazione di gara, totalizzando 129 giri.

Lo stakanovista di giornata è Felipe Nasr. Il brasiliano della Sauber ha chiuso la giornata con 159 tornate, il più veloce dei quali in 1:24.023. Alle sue spalle troviamo la Toro Rosso di Verstappen: l’olandese ha avuto una giornata tribolata, con un problema al motore che gli ha impedito di effettuare una simulazione gara nel pomeriggio.

Daniel Ricciardo ha chiuso con il quinto tempo e 72 giri all’attivo. Il pilota australiano della Red Bull ha sofferto di un problema all’ERS a bordo della sua RB11 e ha perso molto tempo ai box. Sesto tempo per Sergio Pérez, con una Force India che si è dimostrata molto affidabile: per lui, oggi, altri 130 giri.

La McLaren continua a tremare in vista di Melbourne: anche oggi il team di Woking non è riuscita a fare abbastanza chilometri, fermandosi a soli 30 giri. Chiude la classifica Pastor Maldonado, con 35 giri: il venezuelano è stato autore di un incidente subito dopo pranzo, mettendo la parola fine alla sua giornata e a quella della squadra.

Pos Pilota Team Tempo Gap Giri
1 Valtteri Bottas Williams/Mercedes 1m23.063s 88
2 Sebastian Vettel Ferrari 1m23.469s 0.406s 129
3 Felipe Nasr Sauber/Ferrari 1m24.023s 0.960s 159
4 Max Verstappen Toro Rosso/Renault 1m24.527s 1.464s 85
5 Daniel Ricciardo Red Bull/Renault 1m24.638s 1.575s 72
6 Sergio Perez Force India/Mercedes 1m25.113s 2.050s 129
7 Nico Rosberg Mercedes 1m25.186s 2.123s 148
8 Jenson Button McLaren/Honda 1m25.327s 2.264s 30
9 Pastor Maldonado Lotus/Mercedes 1m28.272s 5.209s 36

54 Commenti

  • contebaracca

    I 2,5 secondi di differenza sul passo non so dove tu li abbia visti… a meno che nei tuoi calcoli hai considerato i long run mercedes con le
    gomme sperimentali… potevi risparmiarti tutta la papardella se ti informavi meglio.

  • DerRichter

    Scusate gente, ma non vi sembra di esaltarvi un po’ troppo?
    Dando una rapida occhiata ai long run di Mercedes e Ferrari con la stessa mescola, ieri ROS girava mediamente 2,5s più rapido al giro. Ok la differenza praticamente certa di quantitativo di carburante, ma ritengo che i tanto decantati 0,6-0,8s di differenza siano un’utopia… Molto più probabile che a quella distanza ci sia la Williams (grazie alla santa PU Mercedes), vedo invece Ferrari un paio di decimi sotto ancora, quindi attorno al secondo.
    Certo, è comunque un ottimo recupero, ma da qui a pensare di essere vicini vicinissimi ce ne passa…

    La mia personalissima classifica sul passo gara (che è ciò che conta) al momento è:
    1. Mercedes
    2. Williams (+0,6-0,8s)
    3. Ferrari; Red Bull (+0,8-1,0s)
    5. Lotus (+1,6-1,8s)
    6. Sauber; Force India (+2,0s)
    8. Toro Rosso (+2,2-2,5s)
    9. Manor (qualora riuscisse a girare a Melbourne, almeno +5s contando il ritardo nel progetto e l’utilizzo delle PU 2014 nelle prime giornate di gara)

    Un appunto: RedBull non ha fatto altro che nascondersi, a prima vista. Non credo che quello visto nei 12 giorni di test sia il loro reale potenziale, probabile che siano più vicini alla Williams che alla Ferrari.

    Per la McLaren c’è da fare un discorso a parte. Qualora i problemi di affidabilità venissero risolti, un po’ come Renault l’anno scorso che ha fatto una magia, ritengo che possa combattere con Ferrari e RedBull (troppo avanti Williams invece, ma esclusivamente per la PU). Se invece dovessero girare in qualche modo “castrati” – eg. mappature conservative, punterebbero solo a terminare la gara e li vedo in fondo allo schieramento.

    • Il discorso parte sempre da presupposti sbagliati… come si fa quantificare un distacco con un numero? Quello è un giochino giornalistico per esaltare alcuni valori a discapito di altri. Non hanno MAI girato con temperature giuste sia atmosferiche che di asfalto, non hanno mai girato al limite, ma davvero nemmeno la Mercedes, ci sono arrivati vicino, ma sono sicurissimo che molti se non tutti si sono tenuti un margine. Con temperature “normali” alcune vetture potrebbero avere problemi ed altre esaltarsi.
      Poi mettici che i calcoli sui distacchi sono cosa… medi? in gara? in qualifica? e il pilota è esterno al calcolo?
      Quindi genericamente d’accordo che i valori non siano molto cambiati dietro la Mercedes, ma che si siano assottigliate le differenze tra i primi inseguitori, il resto lo faranno piloti e sviluppi.

    • stardrummond

      @derrichter
      mah potresti anche aver ragione, ma anche no!
      comunque dai alla fine onestamente di grandi esaltati o sognatori ad occhi aperti io personalmente ne vedo pochi in giro, almeno tra gli uomini e i tifosi in rosso… daltronde con le bastonate e i pesci in faccia che abbiamo preso l’anno scorso, è decisamente meglio e piu prudente starsene tranquilli e semmai sognare intanto una lotta al podio… o comunque un distacco non esagerato dal podio stesso…
      ..per ADESSO
      dopo si vedrà! chiaro a tutti pero’ deve essere che la Ferrari in NON TROPPO TEMPO dovrà tornare a lottare per VINCERE(come ha giustisssimisssimisssimissimamente detto ieri il buon Gigi Mazzola che STRAQUOTISSIMO)

  • @Fabietto, nel 2013 si partì con le carcasse in acciaio per poi tornare al kevlar del 2012 dopo i problemi di delaminazione. Cosa abbia usato la Pirelli lo scorso anno lo ignoro.

  • Occhio poi che da qui alla prima gara, la Gazzetta e Sky spareranno articoloni e show sostenendo che la Ferrari è lì, mettendo in bocca mai pronunciate ai piloti ed ai dirigenti.
    Scrivo questo post, con la speranza che qualcuno non tiri fuori il discorso dei “proclami” di inzio stagione. 😀
    Già ho letto cose in giro veramente raccapriccianti :(

  • A proposito di gomme l’ex tecnico mazzola diceva che proprio grazie a queste nuove gomme kimi si trovera’ meglio perke riescono a rendere piu’ stabile la ferrari nel retrotreno

  • Leggo in molti post che quest’anno le gomme sono meno conservative in riferimento ai consumi. Sembrerebbe che la carcassa sia stata modificata e le mescole sono leggermente + tenere. A conferma di questo (forse…speriamo), ieri mattina la ferrari ha montato delle lampade a led per meglio verificare la deformazione delle gomme posteriori. Vi ricordate i problemi di inizio 2013 della RB, in cui lotus e ferrari viaggiavano alla grande e la macchina che vinceva i GP non era quella + veloce (RB+MERCEDES) ma era quella che usava meglio le gomme con carcassa in acciaio e mescole + morbide. Speriamo che quest’anno si ripeta una cosa del genere (almeno in parte) altrimenti sarà veramente un campionato noioso, almeno per la vittoria.

    • In quella famigerata annata 2013, non erano solo le mescole troppo tenere, ma la carcassa che fu costruita in kevlar che metteva in crisi squadre che erano più aggressive sul fronte downforce e forze laterali che le sfaldavano e non le scaldavano a sufficienza essendo cambiata la loro elasticità e la risposta ad un certo tipo di sollecitazione meccanica.
      Questa stagione la carcassa rimane in acciaio, ma leggermente diversa, mentre le mescole sono un po’ più tenere quindi teoricamente più prestanti.
      Meccanicamente cambia poco, mentre la durata potrebbe essere più breve.
      Dai dati Pirelli la Williams è quella che, nei test e quindi con temperature di esercizio fuori range, ha saputo farle durare più a lungo in assoluto.
      Tendenzialmente considerando un po’ tutto abbiamo dai test una chiara scala dei valori e un cavallo “scosso” (MCL). Mercedes-Williams-Ferrari-RB-TR-FI-LOT.
      Le prime tre piste ci daranno vista la loro eterogeneità, una idea dei punti di forza di ciascuna delle scuderie di testa. Durante e dopo il GP do Spagna, qualche valore potrebbe cambiare, vediamo…
      Ovviamente quantificare distacchi e altre cose è puro esercizio astratto 😉

      • Sono d’accordo sull’analisi.
        PS.:
        Scusa ma la carcassa inizialmente non era in acciaio e poi in Kevlar. Infatti con l’acciaio RB soffriva molto la deformazione delle gomme posteriori. Forse ricordo male? :-)

      • esattamente il contrario, tant’è che se ti ricordi le immagini rimanevano ad alcune macchine le “carcasse” in kevlar a vista senza più il pneumatico intorno quando non esplodevano.
        So per certo che sono in acciaio e che questo è stato rinforzato nell’ultima stagione per il fatto che il peso minimo delle vetture è stato aumentato di 1Kg solo per questo “rinforzo”. In questa stagione è cambaita la costruzione della carcassa, ma sempre in acciao sono fatte.
        Oltretutto facendo parte integrante della cinematica della vettura, in alcuni casi “l’elasticità” della carcassa è fondamentale da comparare. La Ferrari ha calmierato i problemi di trazione, ma non sono scomparsi, come una certa “lentezza” nella direzionalità, ma rispetto agli anni scorsi è decisamente migliorata.

    • @fabietto, credo che non è come dici tu;-). Si passo dall’acciaio al kevlar. Proprio perchè era acciaio le gomme non si afflosciavano.

  • quanto bla bla bla per niente …… ogni conclusione è totalmente priva di significato, questi tempi contano meno di zero.

    quindi inutile farsi paranoie.

  • Alessandro HAMALORAI

    @ the3hack3r

    se i distacchi Ferrari fossero a 8 decimi dalla Mercedes e ad un paio di decimi dalla Williams come dice Auto motor und sport, bè ci metterei la firma col sangue!!! 😀

  • sul giro secco forse si la williams è davanti, ma bisogna anche considerare l’aspetto “consumo gomme”, e su questo aspetto vedo la ferrari messa un po meglio. Vedremo…

  • Penso che ci sia’ molto ma molto da lavorare durante la stagione per la ferrari per stare insieme al gruppetto inseguitori..se no si fa la fine dell’anno scorso

  • ferrari vr 46

    Credo che la Williams sia molto forte, e visto che è andata forte su un circuito ad alto carico, forse sarà la prima inseguitrice della Mercedes, stessa opinione espressa ieri dall’ing .Mazzola intervistato da Skay. Ovviamente spero che al suo posto tra qualche gran premio ci sia una Ferrari.

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!