Red Bull, musi lunghi per Melbourne

Il muso corto Red Bull non supera i crash test sull’anteriore in vista di Melbourne, nuovo pacchetto aerodinamico rimandato.

Red Bull

Tutto inizia a farsi difficile per l’arrembante Toro austriaco?
La fine di un’era? Forse non è il caso di tanti allarmismi, certo che è che si aggiunge un altro grattacapo in casa Red Bull.

La RB11 non avrà il nuovo muso corto pensato per Melbourne: non ha superato il crash test, quindi, niente omologazione. Caso già visto per la squadra austriaca prima dei test di Jerez.
Serve dire che tutti questi problemi aerodinamici potrebbero imputarsi all’impegno dimezzato di Adrian Newey?

Il ritardo del muso implica anche ritardi sul nuovo pacchetto aerodinamico di cui il muso era componente fondamentale. Ma questa non è l’unica preoccupazione. L’altro capo della matassa è il motore Renault, lo scorso anno indietro rispetto al rivale Mercedes (80 cavalli?).
Sembra che i francesi abbiano preparato un aggiornamento software che permetterebbe di recuperare circa 50 cavalli. Il direttore delle operazioni Renault avverte che modifiche del genere su questi motori possono richiedere settimane o anche mesi, e vi sono stati ulteriori ritardi per le nuove componenti dell’ERS. A detta di Rémi Taffiin, non tutti i problemi saranno risolti per Melbourne.

Di contro, la Red Bull durante i test è sembrata molto efficace sui tratti lenti, mentre perde molto nelle sezioni di pura potenza.  Secondo il tedesco Auto Motor und Sport il nuovo pacchetto aerodinamico e relativo muso corto debutteranno a stagione in corso fornendo uno step evolutivo determinante.

Questa è ancora una grande squadra e, al momento giusto, potrebbe tirar fuori carte vincenti.
Di certo, sarebbe un peccato peccato che i suoi due giovani e promettenti piloti non avessero una vettura  al top della forma per affrontare la fase iniziale in questa stagione.

10 Commenti

  1. Adesso che in ferrari cominciavano a capirci qualcosa con la galleria del vento Horner propone la sua abolizione, tanto con Newey fuori e il greco in mclaren a loro non serve più. Che furbetto!

  2. Esagerati 50cv con un aggiornamento software… girare così “depotenziati” per un software mal scritto (solo così si giustificano 50cv) è da penale 😉 Semmai l’upgrade della PU+l’aggiornamento, magari potrebbero, con le giuste coincidenze faragli recuperare 50cv… Ma anche questa è pura immaginazione 😀

    1. Che poi chi le inventa ste cifre? Fanno test al banco settimanali con tanto di pubblicazione della curva di coppia/potenza? Mah. Una 50ina di cavalli di quà, una manciata di là, uno scarico coibentato +12cv, un aggiornamentino software +50 cv… Sembra di giocare a un videogioco. Non so voi, ma per me ridurre a manciate di cavalli il gap prestazionale delle PU, è un insulto alla F1.

      1. Concordo… Ma poi qualsiasi “giornalista” dovrebbe pensare alla materiale difficoltà con queste regole e questi motori. Vendono fumo e nemmeno tanto buono…

    2. In effetti sembra un po’ tantino…o che sul precedente software c’era un qualcosa di volontariamente depotenziato e vincolato altrimenti è abbastanza irrealistico guadagnare 50 CV con un agg. SW….

Lascia un commento