McLaren a singhiozzo. Magnussen: “colpa mia”

13 marzo 2015 15:50 Scritto da: Valentina Costa

Venerdì di debutto complicato per il duo McLaren – Honda. Nelle prove libere del Gran Premio d’Australia, Button non va oltre i 27 giri giornalieri e il tredicesimo tempo. Si maledice Magnussen per una leggerezza alla curva 6, che gli costa tutta la seconda sessione. Boullier: “giornata difficile, ma ce l’aspettavamo”.

mclaren libere australia

Se il buongiorno si vede dal mattino, per McLaren le tinte di questo inizio stagionale continuano ad essere assai fosche. Prime prove libere difficilissime per la Mp4-30: Button e Magnussen scendono in pista ad oltre un’ora dal semaforo verde, totalizzando 13 giri in due. Per Button la seconda sessione potrebbe assumere tonalità un po’ più rosee, non fosse per un calo di potenza nel finale e per il distacco cronometrico abissale rispetto al leader Nico Rosberg: con un 1’31”387 il tempo del britannico è a tre secondi e mezzo dalla vetta.

Non abbiamo accumulato i giri che avremmo voluto nelle sessioni di oggi, ma il bilanciamento non è male“, afferma Button. “La mancanza di chilomentri nelle Libere 1 ha pregiudicato la seconda sessione; non si può settare la macchina basandosi su un solo giro cronometrato. Tuttavia abbiamo migliorato il bilanciamento nel corso del pomeriggio. Ci sono alcune noie da risolvere, ma di base la vettura non è male. Sappiamo che non sarà semplice, ma lavoriamo di squadra, risolvendo i problemi man mano si presentano, con la speranza di diventare presto o tardi competitivi. Siamo al lavoro e cercheremo di tirar fuori il meglio da questo weekend“.

Ha da rammaricarsi invece Kevin Magnussen, che rovina la sua seconda sessione di prove con le proprie mani dopo appena 4 giri, prendendosene tutta la responsabilità. “Non ho fatto molti giri nelle FP1 Poi ho rovinato la macchina nel pomeriggio, quindi non ho girato granchè neanche nelle FP2. Ho cercato di spingere un po’ il mio punto di frenata alla Curva 6, ma ho perso il posteriore in entrata di curva. La macchina inizialmente ha tenuto, poi ha scattato in un momento difficile. Non ho potuto evitare il muro. É stato un errore, ma sono cose che capitano – peggio per me – e la vita va avanti. La cosa positiva è che il bilanciamento e il feeling con la vettura sono buoni. Non siamo veloci come vorremmo, ma non siamo troppo lontani dal bilanciamento ottimale. Speriamo di avere qualche dato in più nelle FP3 di domani, per arrivare alle qualifiche con un po’ più di fiducia“.

Chiaramente, i tempi delle nostre prove di oggi indicano che abbiamo del lavoro da fare per chiudere il gap con i rivali“, commenta Eric Boullier. “É stata una giornata difficile, ma ce lo aspettavamo. Al di là di questo, i feedback dei nostri piloti e il potenziale del pacchetto complessivo, ci danno ottimismo per il futuro. Si sapeva che la mia prima gara dell’anno sarebbe stata complicata, ma stiamo lavorando duramente per chiudere il gap, e credo che domani otterremo di più“.

14 Commenti

  • Pensiero comune di noi poveri italioti è che gli altri siano migliori. Di migliore gli altri hanno la politica, in ogni campo. Honda ha fatto bella figura negli anni 80, con la Williams prima e con la McLaren poi, e nei primissimi 90, periodo del gran ritorno degli aspirati, con un v10 e un v12. Dopo il buio, con la bar simbolo della totale inadeguatezza nipponica alla moderna F1. Ora chi pensava a sfracelli al debutto sarà rimasto di stucco, il motore non va e a nulla servono scuse e ammissioni di colpe, il quadro è devastante, se si aggiunge il caso Alonso poi, siamo al tracollo.

    • negli anni 80 e primi 90 i motori Honda hanno dominato, però al debutto i motori erano montati sulle Spirit Racing ed hanno avuto le loro belle difficoltà. Quindi adesso, dopo anni lontano dalla Formula 1, dopo la modifica dei regolamenti (visto che è solo la Mercedes che viaggia come un missile, Renault sembra regredito e Ferrari ci ha capito qualcosa dopo un anno di figuracce), dopo una gara e una manciata di Km. nei test collettivi mi sembra normale che la McLaren Honda abbia delle difficoltà, lasciamoli lavorare.
      p.s. pensiero tipicamente italiota è fare bilancia dopo una gara, una partita ecc.

  • Certo che Alonso non ne azzecca una!

  • forzaschumy

    Lo so che è la cosa “meno” importante ma non avevano detto che questa livrea non sarebbe stata quella vista a Melbourne???????

  • Lord Caribbean Black

    Motore Honda e pilota Magnussen, penso sia quanto di peggio ci si possa aspettare….

    Ma come dice il piccolo Kev…. “La vita va avanti”…

    Si…ma tu no….e questo scempio di macchina nemmeno….

  • davidenk79

    A parte che la macchina faceva pena anche con il Mercedes

  • davidenk79

    Qui parlano tutti di bilanciamento ma nessuno di motore….

  • Abbiamo ripreso in Australia da dove abbiamo terminato in Spagna, purtroppo era impensabile immaginare uno scenario diverso.
    Siamo tanto indietro. Per carità c’era da aspettarselo, ma così tanto è una delusione.
    Spero che i 3,5 sec siano dovuti “solo” all’impianto elettrico settato a bassissima potenza per i noti problemi di affidabilità.

    Domani sarà già un successo nell’ordine: portare le macchine a casa senza rotture, passare la Q1. Punto.
    E per Domenica speriamo di fare più km possibili, nulla di più.

    Triste vero ?!
    Va beh, ci vuole pazienza, ci vuole pazienza, ci vuole pazienza…

  • Il disastro è questo pilotino che va a sbattere quando non c’era assolutamente bisogno di trovare il limite.

    Magnussen , che bluff.

  • Io Sinceramente me lo aspettavo questo inizio difficoltoso della Mclaren Honda. Honda non è in formula 1 dal 2008 e non ha nemmeno 1 anno di esperienza in pista a differenza degli altri motoristi. Pensare che potesse fare come la Redbull, ovvero difficoltà ai test e poi sorpresa alla prima gara mi era sembrato subito difficile. Poi magari verrò smentito nelle prossime gare ma al momento la situazione è pessima.

  • è tornato a far danni

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!