Il debutto da sogno di Vettel: “Sono ferrarista da sempre”

16 marzo 2015 18:25 Scritto da: Antonino Rendina

Il pilota tedesco non riesce a trattenere l’entusiasmo per il primo podio in carriera con la Scuderia.

G.P. AUSTRALIA F1/2015

L’amore è anche questo, archiviare una vita di trionfi (39) e podi (67) con la Red Bull per tornare “esordiente” e godere come un matto per un mero terzo posto. “Sul podio ho sentito lo stesso sapore della vittoria, e poi tutte quelle bandiere per noi…è difficile spiegare cosa significhi correre col Cavallino sul volante”.

Vettel ha sorpreso tutti, tifosi e addetti ai lavori; a colpire non è solo l’ormai appurata dedizione con cui ha sposato la causa Ferrari, ma anche la tranquillità con cui si approccia al lavoro e la serenità che trasmette. Sempre sorridente, ottimista, serafico. La sensazione è quella di un fuoriclasse calmo, pronto ad intraprendere con entusiasmo un lungo viaggio tinto di rosso.

“Sono sempre stato tifoso della Ferrari, ma prima non potevo dirlo, ora si finalmente” così l’urlo liberatorio di chi impugna il “piatto” del terzo gradino del podio con orgoglio e senso di appartenenza. E‘ un legame mentale, maledettamente evocativo, quello che lega Sebastian e Maranello. Gli occhi del tedeschino brillano da quando ha indossato la nuova tuta. Perché Vettel non rinnega un passato da dominatore – molto bibitaro, molto ovattato – ma sa che questo è il salto di qualità definitivo a livello di carriera. E’ il passo da fenomeno coccolato a leader carismatico.

Sono arrivato in Ferrari al momento giusto…ne sono certo” continua a ripetere, tra un abbraccio ad Adami (ingegnere di pista) ed uno ad Arrivabene, il team principal con cui ha già instaurato un rapporto sanguigno, genuino. In certe immagini, per qualche istante, si rivede quella Ferrari “unita” che fece la fortuna della gestione Todt.

Un Vettel talmente di buon umore da concedersi un bel siparietto con Rosberg, reo di aver affermato di voler vedere una Ferrari più vicina per lo spettacolo; “Dici davvero Nico? Allora venerdì in Malesia vengo al vostro briefing, così possiamo dare un’occhiata…”

La Rossa prima di rivedere la monoposto aveva bisogno di uno stimolo dall’esterno, di un pilota che (ri)trasmettesse entusiasmo ad un gruppo depresso da anni di sconfitte. E Vettel l’ha ripagata nel modo migliore, con una grande gara e con quel messaggio in italiano da spedire via radio alla prima occasione buona. Che, per fortuna, è arrivata subito.

36 Commenti

  • fa bene ad essere contento, però la Ferrari è arrivata a podio con 34 secondi di ritardo dalla Mercedes. Mentre l’anno scorso Alonso è arrivato 4 a 35 secondi dalla macchina vincitrice e siamo alla prima gara.

  • É tranquillo perché sa che non può lottare per il mondiale, é appena arrivato in una squadra che cerca di riprendersi dopo due stagioni disastrose , nessuno ha troppe aspettative, quel che arriva arriva .
    E vedrete che, per “contratto” di immagine per la Formula 1 , arriveranno anche un paio di vittorie nel 2015.

    Alonso arrivava in tutt’altra situazione, all’epoca la scuderia era uno dei due top team designati a vincere, c’erano altre attese e altre pressioni, e sappiamo tutti com’è andata a finire, soprattutto se lo ricorda molto bene Vettel…

    • Antonino Rendina

      Eccetto la postilla dietrologica, che non condivido (non voglio credere a queste cose), il tuo è un ragionamento valido ed interessante. Però permettimi di dire una cosa: un pilota Ferrari è sempre sottoposto a certe pressioni ed aspettative, anche se non ci aspetta il mondiale, è comunque “pesante” indossare quella tuta, anche per Vettel, anche in questo 2015…

  • A me invece vettel è sempre piaciuto anche se ovviamente gli tifavo contro

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!