GP Cina: vittoria per Hamilton. Vettel di nuovo a podio

12 aprile 2015 10:11 Scritto da: Diletta Colombo

Lewis Hamilton ha vinto il Gran Premio di Cina, gestendo abilmente la gara; segue il compagno di squadra Nico Rosberg. Terzo gradino del podio per Sebastian Vettel, seguito da Kimi Raikkonen.

ham_shanghai

Dopo le qualifiche, Lewis Hamilton ha dominato anche la gara a Shanghai: il pilota inglese ha conquistato la trentacinquesima vittoria in carriera e la seconda in questa stagione. L’anglocaraibico ha gestito – come sempre – con grande personalità la gara; degna di nota l’ultima parte del secondo stint con gli pneumatici P Zero Yellow Soft, in cui Hamilton ha colto un giro impressionante, 1’42″208. Una volta montate le P Zero White Medium nell’ultimo stint, l‘inglese ha potuto controllare il vantaggio nei confronti del compagno di squadra, Nico Rosberg, senza grandi problemi. Secondo gradino del podio proprio per il tedesco, che ha accusato un significativo degrado dell’anteriore sinistra nel secondo stint, che ha costretto la Mercedes a farlo rientrare prima di Hamilton per impedire a Vettel di stargli davanti dopo il secondo pit stop. Nonostante un crollo delle prestazioni del pilota di Wiesbaden nelle ultime fasi di gara, Rosberg ha chiuso la gara in seconda posizione.

La Ferrari si conferma decisamente la seconda forza del mondiale: Sebastian Vettel ha colto il terzo podio di fila in questa stagione, precedendo il compagno di squadra, Kimi Raikkonen. Ottima la partenza del finlandese, che è riuscito a sopravanzare le due Williams di Valtteri Bottas e Felipe Massa. Degno di nota il secondo stint con gomme P Zero Yellow Soft per i due alfieri della scuderia di Maranello: Vettel ha fatto registrare giri ottimi all’inizio di questa fase del Gran Premio, mentre Raikkonen ha mostrato una grande costanza. Il passo gara delle Ferrari con la mescola più tenera ha impensierito addirittura la Mercedes, che ha optato per far rientrare Rosberg prima di Hamilton al secondo pit stop per evitare che Vettel lo sopravanzasse. Una volta montate le P Zero White Medium, la Ferrari non è riuscita a tallonare la Mercedes. Tra i due alfieri della Rossa, è stato Raikkonen a mostrare un passo decisamente interessante con le medie, ma non è riuscito ad avvicinarsi abbastanza al compagno di squadra per destargli delle preoccupazioni.

Seguono le due Williams di Felipe Massa e Valtteri Bottas, quinto e sesto rispettivamente, lontani da Mercedes e Ferrari. La scuderia di Grove, non avendo risparmiato un treno di gomme soft in qualifica, ha optato per una strategia soft-medie-medie con entrambi i piloti. Settimo Romain Grosjean con la Lotus, seguito da Felipe Nasr, autore di una buona prestazione al volante della sua Sauber. Nona piazza per Daniel Ricciardo, protagonista di una pessima partenza e di una gara con qualche sbavatura, come il lungo in curva 6 dopo il sorpasso su Ericsson, ultimo pilota a punti a completare la top ten.

Da segnalare, inoltre, il primo approdo alla bandiera a scacchi per i due alfieri della McLaren-Honda: Button ha battagliato con Maldonado nelle ultime fasi di gara, causando un contatto con la monoposto del pilota venezuelano che ha costretto l’incolpevole Maldonado al ritiro. Alonso e Button sono giunti al traguardo dodicesimo e tredicesimo, rispettivamente, alle spalle della Force India di Sergio Perez. Gara tribolata per Sainz, autore di un testacoda al secondo giro e vittima di problemi al cambio durante la gara, che ha concluso in quattordicesima posizione. Quindicesima e sedicesima piazza per le due Manor di Will Stevens e Roberto Merhi.

La gara è terminata in regime di Safety Car, causata dal ritiro di Verstappen, abbandonato dalla sua STR10 sul rettilineo dei box a pochissimi giri dalla fine del Gran Premio. Peccato per il giovane olandese, nuovamente autore di una buona prestazione, in cui ha mostrato grande maturità nei sorpassi. Degna di nota la manovra su Nasr al ventesimo giro, con una staccata pulita. Ritiro per Nico Hulkenberg al decimo giro: il pilota tedesco della Force India è stato costretto a parcheggiare la sua VJM08 alla curva 7 per un sospetto problema al cambio. Non è andata meglio a Daniil Kvyat: il pilota russo della Red Bull è stato nuovamente vittima della pessima power unit Renault, che ha addirittura preso fuoco alla diciassettesima tornata.

RISULTATI GP CINA 2015

1 Lewis Hamilton Mercedes 1h39m42.008s
2 Nico Rosberg Mercedes 0.714s
3 Sebastian Vettel Ferrari 2.988s
4 Kimi Raikkonen Ferrari 3.835s
5 Felipe Massa Williams/Mercedes 8.544s
6 Valtteri Bottas Williams/Mercedes 9.885s
7 Romain Grosjean Lotus/Mercedes 19.008s
8 Felipe Nasr Sauber/Ferrari 22.625s
9 Daniel Ricciardo Red Bull/Renault 32.117s
10 Marcus Ericsson Sauber/Ferrari 1 Lap
11 Sergio Perez Force India/Mercedes 1 Lap
12 Fernando Alonso McLaren/Honda 1 Lap
13 Jenson Button McLaren/Honda 1 Lap
14 Carlos Sainz Toro Rosso/Renault 1 Lap
15 Will Stevens Marussia/Ferrari 2 Laps
16 Roberto Merhi Marussia/Ferrari 2 Laps
17 Max Verstappen Toro Rosso/Renault 4 Laps
Pastor Maldonado Lotus/Mercedes Retirement
Daniil Kvyat Red Bull/Renault Retirement
Nico Hulkenberg Force India/Mercedes Retirement

81 Commenti

  • @golewis, giusto per la cronaca, ti riporto le dichiarazioni della Pirelli, dopo il famoso test, poi, trai le tue conclusioni.

    “Pirelli, nei test di sviluppo con i team svoltisi nel 2013, non ha favorito alcuna squadra e come sempre ha agito in maniera professionale, trasparente e con assoluta buona fede. Le gomme utilizzate non erano quelle del campionato corrente ma appartenevano a un range di prodotto ancora in fase di sviluppo, in vista di un eventuale rinnovo del contratto di fornitura. Inoltre, nessuno dei test effettuati aveva la finalità di contribuire alla messa a punto di specifiche vetture, ma solo di sperimentare soluzioni per le gomme destinate ai prossimi campionati. L’impiego della vettura utilizzata da Mercedes, in particolare, è stato oggetto di una diretta comunicazione tra FIA e la stessa scuderia. In nessun modo, poi, Pirelli ha sollecitato l’impiego della monoposto 2013: né a Mercedes, né alla Fia, né alle altre scuderie alle quali, nel corso dell’anno, è stata offerta l’opportunità di svolgere test per lo sviluppo degli pneumatici 2014. Le gomme che saranno testate dai team nelle prove libere del Gran Premio di Montreal non sono state mai sperimentate da nessuna scuderia. Caratteristica dei nuovi pneumatici è l’eliminazione della delaminazione, effetto superato dai tecnici Pirelli esclusivamente grazie a prove di laboratorio. Il fenomeno della delaminazione, verificatosi solo in quattro occasioni e sempre causato da detriti in pista, non ha mai messo a rischio la sicurezza dei piloti, ma minaccia di danneggiare l’immagine di Pirelli. Per questo la società ha deciso di intervenire”.

  • @gv_27 io ero presente e ho applaudito per la lezione che la ferrari ha dato alla mercedes in malesia e per l ottima guida di Vettel…quindi come vedi ti sbagli..

  • @f1-esc ti rispondo molto volentieri, anche perche ognuno ha diritto ad avere la propria opinione e confrontarla con gli altri nel blog..probabilmente la mia espressione e stata troppo colorita, ma parlare ancora di un episodio di 2 anni fa mi sembra un esagerazione..
    Per il resto quando cito “tutti” e normale che nn possa ricordare i nick di chi nel 2013 scriveva tali cose, ricordo l opinione diffusa che tra l altro condividevo, il test e stata una porcata e nn sono stati puniti come meritavano.. Ma parlarne oggi mi sembra fuori luogo tutto qua..

    • Ma figurati, golewis. È nella normalità delle cose avere opinioni diverse, e finanche fondamentale, ma quella frase colorita è stata così simile allo stile di dialogo usato dallo sportivo medio italiano che ho immediatamente iniziato a tagliare i ponti. Non riesco a capire perché non si possa più semplicemente dire: “Non sono d’accordo con te perché…” Magari ti ho preso in un giorno no, magari sei una persona splendida ma sei uso a frasi colorite. Non lo so, né voglio indagare o cambiarti. :) Né passo il tempo a trovare chi allontanare. Anzi, mi piacerebbe poter dialogare con tutti.

      Ho tirato fuori i 1000km di test un po’ perché ci si chiedeva da dove venisse in effetti la rimonta Ferrari, cioè se dipendesse anche da uno sviluppo Mercedes non ottimizzato (e sono ancora sicuro che quel test ebbe una bella eco sul 2014), e un po’ perché quel test continua a bruciarmi da tifoso. Nel mio mondo perfetto, quantomeno la dirigenza FIA avrebbe dovuto dimettersi in blocco, ma ci fu connivenza, quindi tutto è rimasto come lo vediamo: con Whiting a premere i tasti prima del via.

  • Che tenerezza che provo per i tifosi di Hamilton…la scorsa gara nn se ne è visto nessuno, adesso sono tutti qua a fare i sapientoni e a decantare le gesta di Lewis.

  • A certi tifosi brucia il fatto che la Ferrari si sia avvicinata e se la prendono con certi supporter ferraristi un po’ approssimativi. Che il test 2013 sia stato una porcata indegna nessuno può negarlo. Abbinato, ci mancherebbe, ad un buon lavoro dei tecnici Mercedes c’è stato il dominio dell’anno scorso. Ma nonostante l’enorme vantaggio avuto, la FERRARI, li tallona da vicino e ne vedremo (e ne abbiamo già viste…) delle belle.
    Si può dire ciò che si vuole, ma la Ferrari ha decisamente cambiato marcia con lavoro invernale migliore della mercedes. Basterà poco tempo per capire se hanno impostato bene anche il fondamentale lavoro di sviluppo per acciuffarli definitivamente!
    Io, non so voi, ma vi credo. Forza FERRARI, forza kimi e forza Seb!!!

  • Regolarizzera scrivo da cell

  • @f1-esc peccato che nel 2013 tutti a dire che avevano provato le gomme ed erano migliorati per quello..ora quella versione nn conviene piu e si e passati alla versione che hanno provato le gomme 2014 per giustificare le batoste prese..classico atteggiamento da perdente..insomma si refolarizzera il tutto quando la ferrari tornera a vincere il mondiale nel 2025

    • lewis_the_best

      Ma si dai cerca di capirlo. Oggi quando nel pregara parlavano di temperature alte certi tifosi avevano orgasmi multipli convinti di ripetere la gara della Malesia.

      Poi il brutto risveglio… Vettel si accorge che superare ai box la Mercedes è un tantino più difficile che superare massa e il tanto decantato degrado gomme c’è stato ma sulle loro macchine.

      • Appunto: “certi tifosi”.
        Perché alcuni di voi hanno sempre questa fretta di mettere tutti nello stesso fascio?
        Perché hanno la necessità di ammucchiare i pareri e non (visto che ho un nick e la foto di De Angelis) di rivolgersi a colui che parla in quel momento?
        Non lo capirà mai.

    • golewis, dato che d’ora in poi non leggerò più quello che scriverai perché per fortuna internet è così vasta che si possono scegliere le persone più adatte a un dialogo senza troppi patemi, fammi sfruttare queste ultime occasioni per dirti (sempre che ti interessi, perché la scelta di evitarsi potrebbe essere reciproca) che quando dici “tutti” già commetti un imprecisione. Io non sono tutti. Rappresento me. Quindi parlo per me. È ovvio, ma in internet bisogna ripeterlo tutte le volte. E se segui la F1 da abbastanza tempo, sai bene che un test di quel tipo può portare benefici sia nel campionato in corso, collezionando dati sull’aerodinamica, e sia su quello successivo per i dati che appartengono alle coperture.
      Per questo ti ho copiato la dichiarazione di Hembery, perché un dato oggettivo bisogna pure poter tirarlo fuori da un test segreto (durante il quale potrebbero anche aver giocato a carte per tre giorni), e se il responsabile di pista della Pirelli dice che al 90% era un lavoro sulle gomme del 2014, be’, io ti parlo di gomme del 2014.
      Io… Gli altri non lo so. Ma io dico 2014.
      Ciao. :) <- Questo smile è vero.

  • Come da copione..mercedes stratosferiche e ferrari a rimorchio ma molto lontane..ragazzi nn crederete davvero che che le mercedes vadano cosi piano..hanno sempre un margine che in termini specifici nn sapremo mai ma che sono (secondo me)sicuramente piu’veloci di quello che hanno fatto vedere oggi..oramai il campionato, per lo meno fino a barcellona,va a senso unico..wolf e company controllano come vanno le libere per poi farsi spedire le casse in caso di partenze blande delle mercedes..io credo che in spagna ci si possa avvicinare ma nn come sento dire gia’ da un paio di settimane che si possa pensare al campionato.

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!