Ricciardo salva le qualifiche Red Bull, disastro Kvyat 17°

18 aprile 2015 20:44 Scritto da: Valentina Zuliani

Nelle qualifiche del Gran Premio del Bahrain la situazione in casa Red Bull continua ad essere critica. Ricciardo salva il salvabile ottenendo la 7° posizione, mentre Kvyat combina un altro disastro con l’eliminazione in Q1 e domani partirà 17°.

ricciardo_redbull

Anche in Bahrain la musica non cambia in casa Red Bull. Ricciardo riesce a spremere al massimo la sua RB11 e ottiene la 7° posizione, che lui stesso aveva pronosticato prima delle qualifiche conscio del valore di quest’anno della sua monoposto, mentre Kvyat viene eliminato in Q1 con il 17° crono. Per il russo la situazione inizia ad essere sempre più critica.

In Q1, dopo i primi tentativi con le gomme Medium, Ricciardo e Kvyat sono in 12° e 14° posizione. I piloti della Red Bull rientrano poi ai box per montare le Soft con le quali affrontare gli ultimi minuti di questa manche. Ricciardo ottiene un miglioramento significativo e riesce a qualificarsi per la Q2 in 6° posizione con 1’34”691. Kvyat, al contrario, non riesce a migliorare abbastanza e deve subire un’altra bruciante eliminazione, chiudendo in 17° posizione con un 1’35”800.

Confuso e quasi incredulo davanti a questo nuovo risultato negativo, Daniil Kvyat ha commentato: “Al momento non capisco proprio cosa sia successo. Ho finito il mio giro e mi hanno detto via radio che il tempo non era sufficiente per qualificarsi. Queste cose non dovrebbero succedere, non posso essere 1”2 più lento di Daniel. Qualcosa non va come dovrebbe andare e dobbiamo capire cos’è, ma al momento non ho altro da aggiungere”.

Con l’unica Red Bull rimasta in gioco, Daniel Ricciardo affronta la Q2 con gomme Soft e chiude il suo primo e unico tentativo in 1’34”403. L’australiano, infatti, rientra ai box e il team scegli di non rimandarlo in pista, convinto che questo tempo basti. Fortunatamente per loro la scelta è azzeccata perché Ricciardo riesce a qualificarsi per l’ultima manche con l’ottavo tempo assoluto e conservare così un set di gomme Soft.

In Q3 l’australiano sfrutta subito il set di gomme nuove, mentre tutti nel primo tentativo usano le Soft usate, e riesce a girare in 1’33”850 che gli vale il 2° posto, dietro solo ad Hamilton. Nel tentativo decisivo Ricciardo riesce a migliorarsi ancora di qualche centesimo, fermando il cronometro sull’1’33”832, che gli vale la 7° posizione sulla griglia di partenza del Gran Premio del Bahrain, anche se il distacco dal leader, è ancora alto, stavolta 1”3.

“E’ stato un giorno normale oggi, penso che il settimo tempo rispetti esattamente la posizione che meritiamo al momento, quindi adesso guardo a domani. Ero felice con la mia prestazione nel primo settore, mi sentivo piuttosto bene, ma ho perso qualcosa nel secondo settore. In generale, sono soddisfatto per come sono andate le qualifiche. La partenza sarà importante e crediamo di poterne fare una buona. Sarà importante stare vicini alla Williams e superarli usando il DRS”, ha concluso Ricciardo.

 

 

1 Commento

  • Superare le Williams? Umpf.
    E questi avevano cammuffato la livrea per il terrore che gli altri scoprissero le forme della loro RB11, questo mi mette un sorrisetto beffardo in faccia ogni volta che ci penso.

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!