Ferrari a podio in Spagna. Arrivabene: “C’è da lavorare”

10 maggio 2015 19:41 Scritto da: Redazione

Per la quinta volta in cinque gare, la Ferrari può vantare di essere andata a podio: quattro volte con Vettel, come oggi, e una con Raikkonen. Tuttavia, seppur lo scorso anno a Maranello avrebbero messo una firma per questi risultati, oggi non basta più e Arrivabene suona la carica: “Dobbiamo lavorare ancora!”.

Maurizio Arrivabene: “Il confronto fra le due soluzioni aerodinamiche in gara mostra chiaramente che la macchina di Sebastian andava molto bene, rispetto a quella usata da Kimi. Ma dobbiamo migliorare ancora. Il divario con la Mercedes c’è e dobbiamo analizzare i nostri dati per capirne i motivi. Non siamo ciechi e abbiamo visto che solo nel terzo settore, dove conta la trazione, perdevamo circa mezzo secondo. Dobbiamo capire se questo dipende dalla natura della pista o da qualcosa che abbiamo fatto noi. Quanto alle strategie di gara, abbiamo fatto una scelta aggressiva mettendo Sebastian sulle due soste: se avessimo deciso per tre cambi gomme le cose non sarebbero cambiate, se non in peggio. I numeri ci dicono che le nuove soluzioni funzionano, la realtà mostra che non funzionano abbastanza. Un passo avanti lo abbiamo fatto, ma avrebbe dovuto essere un salto. Non punto il dito contro nessuno in particolare, mi prendo le mie responsabilità. Dobbiamo lavorare di più”.

Kimi Raikkonen: “Tutto sommato questo è stato un fine settimana difficile, ma non certo un disastro e abbiamo imparato molte cose. In gara oggi siamo riusciti a guadagnare qualche posizione, ma non misentivo a mio agio con la monoposto, che scivolava sull’asfalto. Oltre a questo, qualsiasi sia il motivo, riusciamo a riprendere le Williams ma sorpassarle è sempre difficile. Sui rettilinei sono molto veloci e una volta che arriviamo dietro di loro, la nostra macchina diventa difficile da guidare, molto più di quanto capita seguendo altre vetture doppiate. Quanto alla scelta di utilizzare parti del ‘vecchio’ pacchetto aerodinamico, penso che per tutti noi sia stato utile poter mettere a confronto in pista le due configurazioni; io ero preparato a correre il rischio. Forse sarebbe andata meglio con l’aerodinamica nuova, anzi probabilmente è così, ma almeno adesso lo sappiamo. Quindi, per le prossime gare, dobbiamo lavorare meglio e avere week-end senza problemi, neanche piccoli, per far sì che tutto funzioni. Sappiamo dove dobbiamo migliorare”.

Sebastian Vettel:
“In generale penso che il terzo posto sia il massimo che ci potessimo aspettare, considerando il nostro passo gara. Non credo che ci fosse niente di sbagliato nella macchina: non è stato sicuramente uno dei nostri week-end migliori in termini di competitività, ma penso dipenda in grande misura dalle condizioni della pista piuttosto che da qualcosa che non funziona sulla monoposto. Per una serie di ragioni non siamo stati vicini alle Mercedes come avremmo voluto, ma sono sicuro che tra un paio di gare avremo raggiunto il nostro obiettivo. Abbiamo adottato la strategia delle due soste perché ci sembrava la migliore date le circostanze: dobbiamo semplicemente accettare il fatto che oggi la Mercedes è stata la miglior squadra in pista. Sappiamo di essere ancora lontani da loro, ma stiamo lavorando duramente per colmare il distacco e penso che stiamo andando nella giusta direzione”.

57 Commenti

  • Sarà però secondo me non è così negativa… certamente non possiamo parlare di rose e fiori però si è migliorato parecchio e questo credo che sia da sottolineare maggiormente rispetto al distacco e di quanti secondi. Mi spiego meglio… non ricordo bene il GP dello scorso anno ma quest’anno il tempo totale è stato 7 secondi più lento, lo scorso anno la prima delle ferrari aveva un distacco di 87.7 secondi, quest’anno 45.3 quindi, senza fare troppi calcoli il miglioramento è netto. Vorrei poi sottolineare che solo 6 vetture erano a pieni giri, tutti gli altri doppiati…
    Ripeto, certo non sono stra-contento però vedo il bicchiere mezzo pieno 😉 forza Ferrari

  • Pian piano tutti mi danno ragione…

  • @ Fabietto

    Ciao Fabietto, a mio parere é perfettamente inutile fare delle supposizioni sul perché dei 45″ di ritardo di Vettel, resta il fatto che gli aggiornamenti hanno funzionato, ma evidentemente, quando si fanno delle modifiche sostanziali come quelle della Ferrari ci si deve pure confrontare con un differente setup ed a mio avviso é su questo fronte che gli uomini in rosso sono arrivati impreparati… Sia chiaro, non é che mi aspettavo il sorpasso, quindi il fatto stesso che comunque la SF15-T abbia mantenuto la posizione é giá di per se un buon risultato, questo perché é lampante il fatto che bisogna migliorare le prestazioni motoristiche, perché checché se ne dica, io sono sempre piú convinto che per poter migliorare sul fronte aerodinamico c´´e bisogno di agire sullínclinazione dei profili alari, ma per farlo si corrono due rischi:

    il primo é che si perda troppa velocitá di punta ed il secondo é che il carburante possa non essere sufficiente ed a questo mi riferivo quando parlavo delle parole di Arrivabene, chissá perché parla sempre e solo di “combustione in terna”.

  • Non speravo nei miracoli degli aggiornamenti ma un distacco così dalla Marcedes è stato una bella batosta!

    Forza Ferrari Go!

  • @RazorF1 ma il curriculum alla Ferrari no? Se riesci ad arrivare a certe conclusioni spieggiato in poltrona guardando sky chissá cosa potresti combinare con i dati reali in mano e un tecnigrafo “Newey style”. 60 crash test per il muso definito un capolavoro di ingegneria e la macchina viene doppiata. Fatti qualche domanda..

  • Nelle valutazioni ci metterei una analisi dei test svolti qui a fine Febbraio, anche in quei test la Mercedes ha stracciato tutti con una certa noncuranza, la Sauber faceva tempi intorno all’1.25/24 alto con le medie qui, ha fatto 1.26 alto (sto andando a memoria).
    Predersela con il telaio o con l’aerodinamica, quando esiste un chiaro gap di motore intorno ai 45/50 cv e lo scrivo sin dall’inizio della stagione è sciocco. E lo scrive uno che non ha mai amato l’attuale schema sospensivo.
    LA ferrari ha fatto un deciso passo avanti questa stagione, la Mercedes ha dalla scorsa stagione motore a parte un ottimo rapporto con gli pneumatici Pirelli, magari non è la più gentile con gli stessi, ma in condizioni di scarso grip è imbattibile, porta aggiornamenti ad ogni GP in ogni parte della vettura. Visto il pacchettone, probabilmente i meno smaliziati si aspettavano un gran balzo in avanti, ma in questa F1 l’aerodinamica conta molto meno se ti mancano cv e il tuo motore eroga in maniera leggermente meno dolce, qualcosa paghi, alla fine tutto nel terzo settore nel quale l’aerodinamica non conta nulla.
    Mettiamoci pure che a mio parere così da esterno e da tecnico da “salotto”, avrei apportato adeguate modifiche anche all’anteriore per ribilanciare, ma vedremo in futuro.
    Ripeto a tutti i quali sia balenata l’idea che la Ferrari avrebbe battuto o pareggiato la Mercedes solo di aerodinamica, che siete poco informati sulla nuova F1.
    D’altronde basta guardare il MAGO Newey o il grande James Key, o il fantastico Prodromu, dove stanno le vetture Dei messia? La “povera” Williams senza geni li straccia ogni maledetta domenica, con una aerodinamica “appena sufficiente” e un telaio buono, ma un motore pazzesco.
    Mio personale parere, e anche opinabile ci mancherebbe.

    • Quoto, c´é anche da dire che con un gap motoristico cosí elevato la Ferrari per controbilanciare non puó permettersi (ancora) di aumentare l´inclinazione alare, ne risentirebbe troppo sia di consumi che di velocitá di punta, sono necessari ulteriori steep evolutivi della PU, tra l´altro da questo GP c´é stato un ulteriore controllo sul flusso di carburante e non é escluso che la Ferrari un tantino finora ne abbia approfittato.

      A questo proposito mi vengono in mente le parole di Arrivabene quando diceva di aver 3 gettoni in piú alla Mercedes e con quelli, magari si poteva “comprare” un aggiornamento sulla combustione interna, per cui mi chiedo:

      – come mai parlare proprio della combustione?

      – come mai usare esplicitamente la parola “comprare”??

      Ora ci saranno i due giorni di test a Barcellona, scommettiamo che la Ferrari con láiuto della Sauber qualcosina proverá???

      • ciao Max non ho molto tempo in questi giorni ma presto torno attivo, personalmente il calo di potenza non l’ho visto, semmai ho notato che TUTTE le vetture, solo in parte le Mercedes avevano problemi di grip.
        Il discorso controllo flusso… sarebbe da parlarne in un articolo dedicato, ma come ben sai sono più balle lanciate in pasto ai media che realtà, ovvero come divolo farebbe la FIA a controllare tutte le macchine e con quali tecnici? E sopratutto non essendoci stata una modifica ragolamentaare ratificata, il regolamento tecnico è quello circolare o no, per quanto vuoi controllare, mi puoi dare un avviso, ma io DS arrivo e ti dico “e dove sarebbe scritto nel regolamento tecnico ufficiale?” C’è scritto che la portata di flusso controllato oltre i 10500 giri deve essere entro i 100Kg/h, inutile correggere con circolari se non esiste un articolo apposito che per essere ratificato ha bisogno dell’unanimità. Ti puoi appellare a determinati comma, ma se ti dico il mio motore funziona così altrimenti si provocano rotture… che si fa? Ti ricordi in passato con il Renault?
        Comprare è il termine giusto cisto che si parla di gettoni.
        NEssuno ha pero’ fatto notare che l’Honda ed il Renault sono stati modificati “gratis”… Eh si sai la Ferrari “ruba” 😀

      • P.S. per la Sauber… a meno che la FIA e la Ferrari gli regali un motore, la vedo difficile facciano test, se non di software, ma di certo non al limite come quelli della scuderia ufficiale.

    • finalmente fabietto..sia lode a te

  • L’unica e dico unica squadra ad aver portato un pacchetto pietoso di aggiornamenti (a parte Force India e Marussia) è stata la Ferrari.

    Da notare l’enorme distacco rimediato da Vettel su Rosberg e la fatica di Raikkonen nel rimanere vicino a Bottas nell’ultimo settore.
    Da notare le clamorose cazzate che circolano in rete da anni, di presunte modifiche sostanziali, specie alla sospensione posteriore per risolvere il problema evidente di trazione, poi puntualmente mai viste in pista.

    Se questa era la SF15-T B, preferisco la sigla SF1G-T

    Lo dico da tempo: se newey & co hanno optato per una sospensione anteriore push rod e non pull rod fregandosene dei leggeri vantaggi aerodinamici, è perché la prima è meno rigida, permette un inserimento più preciso, è meno pesante, e consente di avere un grip meccanico migliore.

    • a parte che quando si vinceva non si parlava di sospensione..quando si perde si parla miracolosamente di sospensioni..a parte che l’unico vero pacchetto evo di barcelona è quello ferrari visto che il resto delle vetture non hanno portato chissa cosa..Allison ha chiaramente detto a inizio anno..le sospensioni sono queste..il budget è questo..se devo cambiare le sospensioni devo rifare tutto cosa impossibile per tempo e budget..c’è tanto d’intervista in cui dice anche che il guadagno che avrebbe avuto cambiando sospensioni non sarebbe stato cosi notevole rispetto a tutte le modifiche effettivamente fatte dal 2014..p inutile piangersi addosso la ferrari ha fatto un passone avanti ma in molti si illudono facilmente…se siamo tanto esperti alziamoci e andiamo a dare il nostro bel CV alla ferrari altrimenti poche chiacchere

  • La gara della ferrari mi è piaciuta, meno il distacco anche se secondo me questo pacchetto:
    – ha bisgono di una sgrossatura/messa appunto
    -è in simbiosi con il nuovo motore
    Non condivido chi critica:
    -la stategia ferrari, perchè lo stesso arrivabene ha detto prima della week-end ha detto che si adotteranno ancora stategia aggressive, e ciò è avvenuto.
    -l’uso di 2 pacchetti diversi tra i piloti ritenendo che le novità non funzionano; molti dimenticano che nel 2012(gp cina) la red bull differenziò la conformità degli scarchi soffianti webber(nuovi) e vettel(vecchi) e alla fine si è deciso di optare per i nuovi con cui vettel dominò…
    Rispondi

    • ERA VETTEL che decise di usare i vecchi scarichi, NON WEBBER.

      Era Webber quello a cui piaceva la nuova configurazione, Vettel diceva di aver più feeling con gli scarichi che soffiavano lungo i fianchi della scatola del cambio

      • lo so, ma anche in questo caso è stato raik a chiedere il pacchetto vecchio perchè aveva più feeling…almeno così si so io.. 😉

    • per quanto mi riguarda io non ho mosso critiche inquisitorie sulla strategia, io ho detto che probabilmente si poteva tentare di seguire la strategia di Hamilton. Anche la scelta di Raikkonen non è stata positiva, mentre è stato giusto sec me andare a provare i 2 pacchetti diversi, anche se in questo caso, è stato più il cattivo feeling del finnico con la versione evo a far propendere per utilizzare la vecchia configurazione.

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!