La Ferrari punta tutto su Byrne per il 2014

Il sudafricano avrà un ruolo attivo nella progettazione della monoposto Ferrari 2014.

Rori-Byrne

I piani di Ferrari sono ormai ben chiari: due gruppi di lavoro ben distinti per affrontare al meglio la stagione 2013 e non farsi trovare impreparati per quella dei grandi cambiamenti, il 2014.

E per quella data la Ferrari sta lavorando alacremente, coinvolgendo attivamente anche Rory Byrne. Il sudafricano è considerato dai tifosi come l’anti Newey della situazione. L’epoca dei successi d’oro Ferrari, targati Schumacher, portano in maniera orgogliosa il suo nome.

Presente all’unveling della nuova F138, Byrne ha confermato di stare lavorando a pieno regime sul progetto della Ferrari 2014 che sarà spinta dal motore 1.6 V6 Turbo. Guardando la F138, ha ammesso: “E’ una bella vettura, ma è un gioco da ragazzi rispetto a quello che ci aspetta per il prossimo anno”.

Come capo progettista, Byrne è rimasto dal 1996 al 2006, contribuendo a far vincere alla squadra italiana ben cinque campionati del mondo piloti e sei costruttori. Lasciò il suo ruolo alla fine del 2006, restando però legato a Maranello come consulente. L’anno prossimo compirà 70 anni: vorrà concedersi un altro titolo mondiale in regalo?

34 Commenti

  1. E’ giusta questa scelta, in Ferrari non vogliono farsi trovare impreparati, e certamente il fatto che ci sia Byrne come supervisione, è indice di garanzia.
    Bisognerà vedere se sarà lui ad essere capo progettista (e qui ho dei dubbi) o solo come consulente ma più coinvolto… ricordiamoci che in Ferrari sono arrivate diverse teste nuove.
    Cmq è una buona notizia. questo è poco ma sicuro.

  2. “Stiamo giusto aspettando le lamentele di Newey sulla nostra sospensione posteriore” ha dichiarato una fonte interna al team ad Auto Motor und Sport.
    La fonte si riferisce al profilo posteriore che imita quello del 2012 visto sulla Red Bull ma che si presenta ancor più estremizzato.

    1. Non la farei così facile. Tu vedi la Formula 1 come una cosa semplice…anche Newey ci ha messo 5anni per portare alla vittoria la Red Bull. Solo che lui è un genio e in Ferrari sono tutti cretini…vero?

      1. ne riparliamo nel 2014 ….cose vedrete se il singolo genio fa la differenz ainoltre si aprtira’ da zero….. quindi tutti alla pari…. la rb nn potra contare sul vanatgio tecnico di cui oggi gode data la stabilita del regime tecnico …. cmq dove leggi cretini ???? a me nn apre che tombazis sia un genio…..

      2. Leggi il commento di Luigi Mazzola a proposito del doppio sei qui: http://www.blogf1.it/2012/10/23/alla-ferrari-serve-un-doppio-6-per-vincere-il-mondiale/

        “E poi c’era il classico lancio dei dadi con il doppio 6 di Rory Byrne, che era una rovina per tutti. Proprio così: una rovina per chi doveva disegnare, per chi doveva produrre e per chi doveva poi provare le nuove soluzioni – il doppio 6 – in pista. Il carisma di Rory era tale che tutti davano il mille per cento per arrivare in tempo ed alla fine il “doppio 6″, si trasformava in un pacchetto da 2-3 decimi. Che grande tecnico è Rory; che piacere essere stato vicino al suo fianco in tanti anni di pura passione per il lavoro.”

  3. finalmente a tempo pieno IL GENIO, altro che newey….., se la ferrari per una volta si facesse furbe si andrebbe a prendere mat morris …e gli direbbe ti fai le ossa sotto rory byrne, il che è un onore da lui c è solo da imparare….,e poi tra 3 /4 anni diventi il capo progettista….. chiedo troppo ???

    1. guarda che la stessa, LA STESSA cosa è stata già fatta, e il soggetto è (era) tale Aldo Costa.
      Un po’ fiacca come tesi.
      John, ti supplico, riesci ad aspettare almeno i test di Barcelona? Su, un po’ di ottimismo, ogni tanto, non guasta. La macchina l’abbiamo solo vista, e per ammissione di tutti, tecnici e piloti, non è che una base di lavoro, in una versione che sicuramente non sarà a Melbourne.
      Poi, quando sarà chiaro che sarà un altro fiasco in stile 2012 ne riparleremo. Ma farsi tanto sangue amaro prima, a che serve? A niente.
      Io le energie tento di risparmiarle per il campionato, perchè ho la vaghissima sensazione che comunque vada sarà ancora più tirato di quello passato.

      1. sbaglio o sono le stesse favoilette raccontate al lancio della 150 ???? sangue amaro…mah guarda a me della ferrari nn me ne frega piu niente …..si stanno scavando la fossa da soli chi è causa del suo mal….

      2. “guarda a me della ferrari nn me ne frega piu niente”.
        John, John… si fa un po’ di fatica a crederti. Voglio dire, se a me non interessa niente della Mercedes (per dire), non è che mi metto a fare milioni di polemiche sulla Mercedes.
        Detto sempre col sorriso, eh!

  4. Premesso che l’anti-Newey dovrebbe essere la FIA, Byrne è una figura di prestigio nel panorama della Formula1, il suo lavoro non potrà che dare benefici.

  5. Ben venga la collaborazione del genio Byrne…
    Ma una considerazione, possibile che ci si debba affidare ad un settantenne? Non ci sono giovani talentuosi? Non capisco, continuiamo ad essere vecchi e ad affidarci ai vecchi in questo paese…

    1. le “mani operanti” ai progetti 2013 e 2014 sono pur sempre a capo di due giovani italiani, Resta e Montecchi. Se dimostrasno di saperci fare come uno dei loro predecessori, vedi Byrne, che ben venga…

      1. le “mani operanti” dei progetti 2013 e 2014 sono pur sempre due giovani italiani, Resta e Montecchi. Se dimostrano di saperci fare come uno dei loro predecessori, vedi Byrne, che ben venga…

        Scusate, avevo litigato con la tastiera..

      2. Vedremo, come al solito sarà la pista a giudicare… Spero solo che il prossimo anno con le nuove regole non inizino delle battaglie legali tra teams e la Fia si erga a giudice per attribuire il mondiale (cosa che peraltro già fa ora sottotraccia…)

Lascia un commento