Tyre-Gate: monta la protesta contro la Mercedes

I team si sono incontrati per discutere del test segreto di Pirelli e Mercedes. Sono già stati chiesti chiarimenti alla FIA, ma sembra essere pronta anche la protesta formale contro la Mercedes.

horner-whitingNel paddock di Montecarlo non si parla d’altro. A due ore dalla partenza della gara, l’attenzione si è tutta spostata sul caso gomme, dopo che si è venuto a sapere che la Mercedes ha fatto un test segreto per conto di Pirelli, percorrendo qualcosa come 1000 chilometri sul circuito di Barcellona.

La Red Bull – insieme alle altre squadre –  ha chiesto chiarimenti alla FIA, poiché sostiene questa sia una chiarissima violazione al regolamento che, lo ricordiamo, non permette test in pista se non quelli ad inizio stagione.

A Monaco è letteralmente scoppiata una bomba. Secondo quanto emerge in questi ultimi minuti, la FIA avrebbe autorizzato il test per consentire a Pirelli di raccogliere dati utili che non avrebbero potuto avere con la loro monoposto laboratorio, perché praticamente obsoleta. In quei giorni, il team di Stoccarda ha messo a disposizione solo monoposto e piloti, ma non sarebbe a conoscenza dei composti utilizzati, proprio per non dare informazioni utili in vista del Canada.

I rappresentanti dei team si sono già incontrati e pare sia pronta una protesta formale contro la Mercedes.

Chris Horner – Team Principal della Red Bull – guida il fronte della protesta. “Abbiamo scoperto la cosa ieri sera. Posso capire che Pirelli voleva testare le gomme, ma è deludente il modo in cui lo hanno voluto fare. Non è trasparente. Hanno fatto 3 giorni di test con gomme che verranno usate nel prossimo Gran Premio del Canada. E’ una situazione con molte ombre e abbiamo chiesto chiarimenti. Poi agiremo di conseguenza”.

156 Commenti

  1. Andate su google e digita “contatti pirelli”, a me è uscito un sito con tutte le e-mail dell’ufficio stampa pirell poi prima di spedire la e-mail ho pure telefonato e parlato di persona con il responsabile dell’ufficio motorsport,persona cortese e intelligente che chiaramente pensava a difendere gli interessi pirelli.

    francescopaolo.tarallo @ pirelli. com

  2. Pensavo si fosse toccato il fondo con il modificare le gomme che non piacciono ad alcuni team, ebbene mi sbagliavo, questo va oltre, far provare dei pneumatici in anticipo sul loro uso su una vettura dello stesso anno in regime di test vietati,cercando anche di non far trapelare nulla è una vigliaccata, peggio di usare dispositivi illegali in gara, in quanto, qui c’è la complicità di un fornitore unico e dovrebbe essere anche sopra le parti della federazione e del costruttore stesso, che sonoramente bastonato in pista fino a divenire una barzelletta come in Spagna viene aiutato a recuperare dignità prestazionale perchè altrimenti al perdurare della situazione precedente la presenza sui palcoscenici della F.1 era divenuta perfino svantaggiosa all’immagine della Mercedes.
    Magari erano pure loro i moralisti dell’antispreco insieme alla federazione del non permettere più i test in pista, certo meglio farli e vietarlo agli altri e la stessa federazione che adesso dirrà che servivano i test e allora ripristinateli per tutti qualcuno lo sostiena da anni.
    Infine la Pirelli che per bocca del suo responsabile sostiene che non hanno trovato altre vetture disposte a testare gli pneumatici, è diventato pure rosso nel dirlo, è un vero insulto all’intelligenza dei tifosi di questo sport.
    Credo che commercialmente la casa milanese si sia fatta un autogol pazzesco io personalmente starò ben attento a non acquistare neppure le gomme da cancellare che iniziano per P.

  3. Non capisco perché siate tanto incazzati. Hanno percorso appena 1000 km, un’inezia in un questo periodo di test vietati. Inoltre, avendo cercato di tenere segreto il test, non vi è motivo per non credere ciecamente a quanto affermano. Sarebbe offensivo nei loro confronti sospettare che di km possano averne percorsi il triplo. Sarebbe offensivo sospettare che possano aver testato gomme presenti e future. Sarebbe offensivo sospettare che durante quei km possano aver testato anche altre componenti, aerodinamiche e meccaniche, dato che nessuno può provare il contrario. E poi la Mercedes ha dichiarato di aver fornito solo monoposto e piloti, mentre avrebbero potuto fornire anche il frigo per tenere in fresco le birre. Insomma, state sereni.

  4. é una vergogna! del resto come l’entrata della safety car di oggi (per salvare il cul*o delle mercedes), il suo lasciar passare le redbull e tener dietro raikkonen e il gruppo degli “sfigat-i”….
    Piu si va avanti, e peggio è…ora anche la pirelli ci si mette… Lewis, ora inizio a capire molto di piu la tua scelta di andare in mercedes…

  5. Prima di tutto se era tutto autorizzato, non vedo per quale motivo i test sarebbero stati SEGRETI e le altre scuderie TUTTE hanno saputo dei test solo oggi, poi vi è la questione della macchina, visto che è vietato farle con la vettura 2013, infine sembra che TODT non ne sapeva assolutamente nulla, quindi per concludere dopo questi test la Pirelli è meglio che non pensi più alla F1 ma alle azioni in discesa libera, si sono resi ridicoli, i mezzi li avevano per poter fare le cose in regola, bastava richiederli ufficilmente, e nel caso non fossero soddisfatti della risposta, dichiarare la loro impossibilità a fornire gomme idonee, a quel punto la FIA o si rivolgeva ad un’altro fornitore o aderiva alla richiesta di avere test idonei, in entrambi i casi ne sarebbe uscita PULITA, ora invece, giocando sottobanco ci ha fatto una meschina figura che si ripercuoterà anche dal punto di vista commerciale.

    Sarà interessante vedere cosa farà la FIA, ma a questo punto TODT dovrebbe mostrare i pugni, perchè fare le cose di nascosto del presidente nuoce gravemente a tutta la struttura.

  6. Io continuo ad aspettare, perché la voce di corridoio è al limite del surreale; e perché se fosse confermato il test, smetto definitivamente con la f1.
    Così smette di avere senso ogni cosa.
    Passi la SC a Montecarlo mentre Vettel entra ai box, si è in gara e il dubbio è lecito. 1000km di test con una vettura del 2013 invece sono una cosa studiata a tavolino, vigliacca e lesiva della dignità di tutti gli appassionati della F1 e dei professionisti che ci lavorano.

  7. La cosa che fa sorridere è che ancora non avete capito:
    1. Il regolamento c’è ma non si applica a tutte le squadre;
    2. L’unica squadra a subire il regolamento è la Ferrari;
    3. Bernie Ecclestone e Domenicali sono due pagliacci stellari!
    4. Se hai soldi vinci, altrimenti perdi;
    5. Senza piloti non vai da nessuna parte, altro che tecnici…
    baci

  8. Da tifoso Mercedes:
    1. rammaricato e dispiaciuto perchè vincere così non è sportivo
    2. deluso dalla FIA
    3. dispiaciuto per 9 degli altri 10 team
    4. assai gaudente, finalmente ad armi pari con Red Bull. Loro è 3 anni che vincono aggirando il regolamento, pur di non vederli più con trofei in mano accetto di tutto.
    Tutti in pista a testare in barba a ogni regola, piuttosto… Brutto da dire, lo so, ma pari per pari…

Lascia un commento