Red Bull: a Melbourne con novità all’anteriore

L’avantreno della RB11 è dotato di particolari aerodinamici nuovi. Vediamo quali

rb ala

Nonostante alcuni particolari (muso nuovo in primis) siano rimasti in Europa con i crash test da superare, la Red Bull ha comunque avuto modo di aggiornare il pacchetto aerodinamico anteriore per il primo gran premio della stagione 2015.

La RB11 è scesa in pista nelle prime due sessioni di prove libere con un’ala anteriore dotata di nuovi flap, diversi nella forma e nello slot superiore, che ora percorre l’ultimo profilo quasi per l’intera lunghezza.

Anche i deviatori di flusso posti al di sotto della scocca sono stati modificati; i nuovi elementi ora sono dotati di una sorta di “imbuto” nella parte posteriore volto ad “arrotolare” il flusso e creare un vortice diretto alle fiancate (FOTO); diversa anche la sezione orizzontale, ora più estesa.

7 Commenti

  1. Io non capisco invece L ala della Ferrari, troppo scarica secondo me, ma perché hanno bisogno di velocità di punta o perché non la hanno studiata con molto carico?

    1. L’ala anteriore della Ferrari è tutt’altro che scarica, ma valuta sempre che devi bilanciare la downforce al posteriore. Aumentare il carico di una ala è facilissimo basta girare una vitarella per lato.
      Se parli di “complessità” di ala, è un altro discorso.

      1. ok grazie mille fabietto per la spiegazione, comunque io volevo dire per quanto riguarda tutti i flap che hanno ad esempio mercedes e redbull(ma anche altri) perche ferrari ne ha cosi pochi.

      2. 😉 la domanda che mi pongo anche io dal cambio di regole del 2009, ma quest’anno parecchie cose sono cambiate, e non parlo di uomini ma di concezione.

    2. Quella Ferrari genera molto carico aerodinamico inteso come picco massimo ma non garantisce flussi fluidi e una monoposto bilanciata. Darà un ottimo carico in frenata ma poi perde tutto appena si gira e si cerca l’accelerazione.

Lascia un commento