GP Cina: vittoria per Hamilton. Vettel di nuovo a podio

Lewis Hamilton ha vinto il Gran Premio di Cina, gestendo abilmente la gara; segue il compagno di squadra Nico Rosberg. Terzo gradino del podio per Sebastian Vettel, seguito da Kimi Raikkonen.

ham_shanghai

Dopo le qualifiche, Lewis Hamilton ha dominato anche la gara a Shanghai: il pilota inglese ha conquistato la trentacinquesima vittoria in carriera e la seconda in questa stagione. L’anglocaraibico ha gestito – come sempre – con grande personalità la gara; degna di nota l’ultima parte del secondo stint con gli pneumatici P Zero Yellow Soft, in cui Hamilton ha colto un giro impressionante, 1’42″208. Una volta montate le P Zero White Medium nell’ultimo stint, l‘inglese ha potuto controllare il vantaggio nei confronti del compagno di squadra, Nico Rosberg, senza grandi problemi. Secondo gradino del podio proprio per il tedesco, che ha accusato un significativo degrado dell’anteriore sinistra nel secondo stint, che ha costretto la Mercedes a farlo rientrare prima di Hamilton per impedire a Vettel di stargli davanti dopo il secondo pit stop. Nonostante un crollo delle prestazioni del pilota di Wiesbaden nelle ultime fasi di gara, Rosberg ha chiuso la gara in seconda posizione.

La Ferrari si conferma decisamente la seconda forza del mondiale: Sebastian Vettel ha colto il terzo podio di fila in questa stagione, precedendo il compagno di squadra, Kimi Raikkonen. Ottima la partenza del finlandese, che è riuscito a sopravanzare le due Williams di Valtteri Bottas e Felipe Massa. Degno di nota il secondo stint con gomme P Zero Yellow Soft per i due alfieri della scuderia di Maranello: Vettel ha fatto registrare giri ottimi all’inizio di questa fase del Gran Premio, mentre Raikkonen ha mostrato una grande costanza. Il passo gara delle Ferrari con la mescola più tenera ha impensierito addirittura la Mercedes, che ha optato per far rientrare Rosberg prima di Hamilton al secondo pit stop per evitare che Vettel lo sopravanzasse. Una volta montate le P Zero White Medium, la Ferrari non è riuscita a tallonare la Mercedes. Tra i due alfieri della Rossa, è stato Raikkonen a mostrare un passo decisamente interessante con le medie, ma non è riuscito ad avvicinarsi abbastanza al compagno di squadra per destargli delle preoccupazioni.

Seguono le due Williams di Felipe Massa e Valtteri Bottas, quinto e sesto rispettivamente, lontani da Mercedes e Ferrari. La scuderia di Grove, non avendo risparmiato un treno di gomme soft in qualifica, ha optato per una strategia soft-medie-medie con entrambi i piloti. Settimo Romain Grosjean con la Lotus, seguito da Felipe Nasr, autore di una buona prestazione al volante della sua Sauber. Nona piazza per Daniel Ricciardo, protagonista di una pessima partenza e di una gara con qualche sbavatura, come il lungo in curva 6 dopo il sorpasso su Ericsson, ultimo pilota a punti a completare la top ten.

Da segnalare, inoltre, il primo approdo alla bandiera a scacchi per i due alfieri della McLaren-Honda: Button ha battagliato con Maldonado nelle ultime fasi di gara, causando un contatto con la monoposto del pilota venezuelano che ha costretto l’incolpevole Maldonado al ritiro. Alonso e Button sono giunti al traguardo dodicesimo e tredicesimo, rispettivamente, alle spalle della Force India di Sergio Perez. Gara tribolata per Sainz, autore di un testacoda al secondo giro e vittima di problemi al cambio durante la gara, che ha concluso in quattordicesima posizione. Quindicesima e sedicesima piazza per le due Manor di Will Stevens e Roberto Merhi.

La gara è terminata in regime di Safety Car, causata dal ritiro di Verstappen, abbandonato dalla sua STR10 sul rettilineo dei box a pochissimi giri dalla fine del Gran Premio. Peccato per il giovane olandese, nuovamente autore di una buona prestazione, in cui ha mostrato grande maturità nei sorpassi. Degna di nota la manovra su Nasr al ventesimo giro, con una staccata pulita. Ritiro per Nico Hulkenberg al decimo giro: il pilota tedesco della Force India è stato costretto a parcheggiare la sua VJM08 alla curva 7 per un sospetto problema al cambio. Non è andata meglio a Daniil Kvyat: il pilota russo della Red Bull è stato nuovamente vittima della pessima power unit Renault, che ha addirittura preso fuoco alla diciassettesima tornata.

RISULTATI GP CINA 2015

1 Lewis Hamilton Mercedes 1h39m42.008s
2 Nico Rosberg Mercedes 0.714s
3 Sebastian Vettel Ferrari 2.988s
4 Kimi Raikkonen Ferrari 3.835s
5 Felipe Massa Williams/Mercedes 8.544s
6 Valtteri Bottas Williams/Mercedes 9.885s
7 Romain Grosjean Lotus/Mercedes 19.008s
8 Felipe Nasr Sauber/Ferrari 22.625s
9 Daniel Ricciardo Red Bull/Renault 32.117s
10 Marcus Ericsson Sauber/Ferrari 1 Lap
11 Sergio Perez Force India/Mercedes 1 Lap
12 Fernando Alonso McLaren/Honda 1 Lap
13 Jenson Button McLaren/Honda 1 Lap
14 Carlos Sainz Toro Rosso/Renault 1 Lap
15 Will Stevens Marussia/Ferrari 2 Laps
16 Roberto Merhi Marussia/Ferrari 2 Laps
17 Max Verstappen Toro Rosso/Renault 4 Laps
Pastor Maldonado Lotus/Mercedes Retirement
Daniil Kvyat Red Bull/Renault Retirement
Nico Hulkenberg Force India/Mercedes Retirement

81 Commenti

  1. Maggio 2013, Paul Hembery: “Non è stato fatto nulla di vietato, perché nulla relativo a questa gara è stato provato. Semmai sono state testate delle gomme per le modifiche previsti in Canada e al 90 per cento il lavoro è stato fatto per il 2014″.

    1. Sei troppo pignolo secondo me 😀 “Non è stato fatto nulla di vietato”… A parte 3 giorni di test senza alcun controllo ufficiale in cui per quanto ne sappiamo potrebbero aver macinato migliaia di km, e in cui hanno raccolto e archiviato una mole enorme di dati, sui quali hanno cucito addosso la monoposto 2014 e di conseguenza la 2015, che sebbene abbia una PU mostruosa andrebbe poco lontano se continuasse a sbriciolare le gomme dopo 5 giri. Inezie insomma.

      1. Markvs, rispondevo indirettamente a un utente sboccato proprio per sostenere questa tesi, infatti.
        È impensabile che un team di f1 che riesce a far percorre a una monoposto 5 chilometri di tracciato in 1’44” non riesca a rimacinare quei dati ottenuti con motore e telaio dicersi e adattarli alla vettura in costruzione.

      2. Appunto. In un mondo poi in cui ogni singolo dato è elaborato da computer e simulatori fantascientifici, figuriamoci se disporre di una simile quantità di informazioni non ha influito.

  2. @fradic ma come nel 2013 è stato fatto un casino(giustamente) per i miglioramenti mercedes successivi al test e oggi scopriamo che hanno provato le gomme del 2014?
    Intanto le gomme 2014 non erano ancora state definite,nel mezzo c’e stato ancora un cambio gomme ed in più le vetture 2014 non avevano nulla ache fare con quelle del 2013..tornare sul test segreto anche se non sei stato tu a tirar fuori l’ argomento,è da perdenti..come quelli che dopo la malesia dicevano che la pirelli quest’ anno ha fatto le gomme per la ferrari solo perche quest’ ultima ha lavorato meglio di tutti in quel week.

  3. A gas aperto di Hamilton il distacco di oggi si aggirava almeno sui 30 secondi su vettel. Speravo qualcosa in meno onestamente, anche se esattamente queste posizioni.
    I miei voti:
    Regia: mi ha fatto vedere al 90% duelli tra il decimo e il quattordicesimo posto. Voto 2.
    Caso Maldonado: proporrei una colletta per cacciarlo fuori dalla formula 1. voto… 1.
    Vettel: fa il massimo che può anche se ne aveva qualcosina in più raikonen. voto 8.
    Hamilton: il migliore nel circus ad oggi con la vettura migiore. voto 10.
    Rosberg: voto 5,5. Si dovrebbe dare una bella svegliata.
    Raikonen: voto gara 9, voto intero week end voto 7,5.
    Verstappen: voto 9, da spettacolo questa è la verità.
    Grosjean: voto 9.

  4. Ottima ferrari imprendibile mercedes, aspettiamo barcellona per vedere la vera ferrari come disse qualche settimana fa Marchionne, il gap c’è ma i margini di sviluppo sono molto grandi, nella seconda parte di stagione potrebbe cambiare lo scenario

  5. Hamilton 9
    Rosberg 8
    Vettel 7
    Kimi 7,5
    Massa 7
    Bottas 6,5

    Alonso 6( dimostra di essere il migliore del circus nel gestire le gomme, nel finale andava il doppia di Button nonostante le morbide vecchie di 15 giri,circa..e se lo dico io che lo odio, sportivamente, si intende)

    1. Quoto, pero’ a mio avviso a seb darei di +. Kimi meglio di Seb xchè ha fatto un recupero sull’ultimo stint? In tal caso era evidente che seb stesse controllando visto che sulle MB non c’era niente da fare sulle morbide.

      1. Pero’ le morbide duravano meno ed Alonso le ha fatte durare 15 giri se non ricordo male, conservando una certa efficienza.
        Del resto in Ferrari la differenza maggiore con Massa la faceva quando le gomme iniziavano a degradarsi.Ad inizio stint la differenza tra i due in genere non era grande.Alonso lo ritengo, personalemente, molto “gentile” con le gomme..

  6. netta superiorità mercedes e soprattutto di hamilton come visto dal primo giro del venerdì.
    se rosberg avesse fatto la pole probabilmente avremmo visto una gara più interessante.
    ferrari che fa il suo,e si tiene in scia.
    sono colpito dal passo indietro di williams e soprattutto redbull(e non è solo un problema di renault)

    sfortunato verstappen che ha fatto un’ottima gara

    maldonado…………………

      1. sì mi riferisco al passo indietro di quest’anno in generale rispetto al 2014..non me l’aspettavo

  7. F1-esc e uscito con cazzata del giorno..
    Complimenti in base a come vi conveniva la mercedes ha provato nel ordine:gomme 2013 nuove gomme 2013 e gomme 2014 che dovevano ancora definire..senza contare la completa diversita delle vetture attuali..commento ridicolo il tuo..
    Hanno avuto vantaggio nel 2013 e vero e gli han dato un buffetto verissimo…ma dal 2014 e un altra storia.

    1. non per fare polemica, ma nel test “segreto” del 2013 provarono le gomme per il 2014 e approfittarono anche per collaudare una nuova sospensione da utilizzare durante 1l 2014

  8. Nessun bluff il tempo totale di gara risulta 6min piu lento dell anno scorso..sono cambiate le condizioni evidentemente, anche il discorso flussometro puo aver influito..
    di conseguenza sono andati tutti piu piano pure la ferrari che e migliorara notevolmente rispetto all anno scorso

  9. Si dimentica sempre un particolare molto molto importante.
    Due anni fa, lasciando perdere le dichiarazioni vaporose di Ecclestone circa l’accordo tra FIA e Mercedes sullo sviluppo del motore, l’azienda di Stoccarda ha avuto il vantaggio visibile (ma diversamente giudicato) di provare le gomme che Pirelli avrebbe introdotto nel campionato successivo.
    Anche da profani, riuscite a capire cosa significa girare per 1000km e analizzare comportamento delle coperture, pressioni, temperature, consumo, graining?
    Ti ci puoi fare una macchina, attorno a quei dati.
    La Mercedes ci ha poi messo un motore ottimo, ma ha avuto un vantaggio che quest’anno è mancato.

  10. Grandissimo Kimi, a tutti i ferraristi e non che ieri l’hanno criticato, ha risposto con questa grande prestazione. Sorpasso su Massa e alla fine con le medie aveva un passo superiore a Vettel

      1. i ferraristi non criticano a vanvera..almeno quelli oggettivi..quando un pilota sbaglia va criticato..e non è certo rimediando in gara che si risponde ai tifosi..sorpassando in gara semplicemente si esegue ciò per cui si è pagati profumatamente..kimi aveva un ritmo migliore di vettel e fosse partito avanti chissa nella sosta soft avesse fatto di piu..

      2. io giudico raikkonen nel complesso e nn xchè partendo dietro sorpassa due vetture più lente sul passo tra l’altro in partenza e arriva dietro come sempre del resto a vettel………voglio vedere quando finalmente farà meglio di vettel in qual e in gara e riuscirà soprattutto a battere le mercedes allora si che saranno soltanto complimenti x lui ma x adesso soltanto sta sfruttando le potenzialità della vettura recuperando il disastroso giro di qualifica stop!

      3. Si sa che Raikkonen non è mai stato un poleman, poi ieri ha anche sbagliato, altrimenti col tempo delle Q2 sarebbe partito quarto.

        P.S. A Melbourne ed in Malesia è stato davvero sfigato, ma ha mostrato un passo gara migliore del suo compagno.

      4. In Malesia proprio per nulla..ha preso 50 secondi.in che film ha avuto un passo gara migliore di Vettel.Kimi e’ sempre il solito.capace di parti di gara degne di Hamilton in altre degne di un pilota mediocre.
        se dopo mi dici che in Malesia era piu’ veloce di Vettel..beh lo spazio per la discussione si riduce di un bel po’..

      5. Ma scusa in Malesia Kimi ha rimontato dall’ultima posizione, doveva pure arrivare a un secondo da vettel:

      6. No Manto, ovvio che e’ stato penalizzato dalla partenza e dall’incidente. Ma in nessuna parte della gara, nemmeno a pista libera, è stato piu’ veloce di Vettel.come si fa a dire che aveva un ritmo di gara superiore?

  11. Manto concordo con te..su Verstappen come essere in disaccordo ..una volta di piu vorrei tornai a febbraio per continuare a ridere sulle critiche mosse a lui e gli altri giovani..fa vedere spettacolo ha talento ed è giovanissimo..avrà sicuramente un gran futuro..peccato anche sainz che si è girato come un pollo..e che dire sulla parte finale del tuo commento?Paolo è un po come Gort o quei troll che escono solo nei momenti opportuni per loro..ora ci tocca tenercelo chissa per quanto

Lascia un commento