Verso il Bahrain: Renault preoccupata sul fronte affidabilità

Renault è in viaggio verso il Bahrain con un carico di ansia: i problemi di affidabilità avuti in Cina, potrebbero facilmente ripetersi.

red bull renault

Renault ha ammesso che i problemi di affidabilità che hanno colpito sia Red Bull che Toro Rosso, durante l’ultimo GP in Cina, potrebbero ripresentarsi in Bahrain nel prossimo weekend di gara.

A parlare è Cyril Abiteboul che ha evidenziato come il motorista francese aveva preso dei rischi sull’affidabilità pur di migliorare le performance e che i problemi avuti dalle squadre clienti non sono stati completamente una sorpresa. “Sapevamo che sulle nostre teste pendeva il rischio di guasti come quelli avuti in Cina. E purtroppo sono arrivati in gara, certamente nel momento peggiore. Sapevamo di questo punto debole e c’era anche un piano alternativo. Ora dobbiamo fare in modo che proprio questo piano ci consenta di risolvere la questione in maniera veloce, ma non sono sicuro che possa essere risolto tutto prima del Bahrain. Il nostro obiettivo è quello di non avere più problemi di affidabilità a partire da Monaco”.

Chris Horner, Team Principal di Red Bull, ha commentato le parole del capo di Renault Sport aggiungendo: “Ci rendiamo conto che, a volte, per trovare delle prestazioni devi anche prendere qualche rischio. Ma la cosa ora è frustrante da entrambe le parti e arriviamo alla quarta gara con tre dei quattro motori della stagione già utilizzati”.

14 Commenti

  1. Ma in Renault anziché pensare a rientrare come team in F1 perché non pensano solamente a fare un motore decente?? Già come motorista sta facendo pena, figuriamoci se oltre al motore dovesse pure costruirsi il telaio.

  2. Il problema sta nell’assurda regola dei 4 motori. É una nuova tecnologia e come tale bisogna lasciare modo ai costruttori di poterci lavorare un attimo.

    E poi dopo aver visto le difficoltà Honda dubito che qualche altro costruttore voglia entrare nel circus.

    1. Secondo me non è assurda come regola. E’ assurdo il congelamento, ma l’anno scorso quante penalità ci sono state per superamento dei motori? Nonostante tutto quello che si diceva, i motori si sono rivelati affidabili e secondo me è giusto premiare questo aspetto.

      1. L’anno scorso i motori erano 5 e cmq in molti hanno avuto delle penalità negli ultimi gp.

        Per questo dico che secondo me fino a quando ci saranno i gettoni é giusto avere almeno 5 motori a gp.

        Quando poi fra 3/4 anni non ci saranno più gettoni x lo sviluppo si può pensare a ridurre i motori

      2. OK, se il discorso è tra 4 e 5 ti do ragione. Pensavo dicessi “nessun limite di motori”.

  3. La Honda secondo me avrà per l’anno prossimo un buon motore, ma Renault mi sconvolge. Capita di fare degli errori, ma perseverare e peggiorare la situazione richiede molto impegno.
    Dopo 3 GP avere usato 3 PU è notevole. Credo proprio che vedremo delle penalizzazioni per superamento del numero di motori quest’anno…

  4. Come godo, ma come godo.

    Renault ed Honda, capeggiate da Mercedes, ed appoggiate da Todt, hanno fortemente voluto questo schifo di motorizzazione peto-elettrica esclusivamente per i propri scopi commerciali.
    Ora, a parte Mercedes (che poi si è venuto a sapere che ha direttamente partecipato alla definizione delle specifiche tecniche delle nuove PU trendone indubbi vantaggi), i giapponesi lottano con la Manor ed i francesi sono in piena involuzione.

    Chi è causa del suo mal pianga se stesso.

Lascia un commento