GP Cina: gli highlights degli anni precedenti

10 aprile 2012 08:30 Scritto da: Andrea Facchinetti

Dopo due domeniche di pausa, il Circus della Formula 1 ritorna in pista in quel di Shanghai. Giunto alla nona edizione, il Gp della Cina si è sempre svolto sullo Shanghai International Circuit, il cui layout richiama l’ideogramma cinese Shang, “sopra, in alto”. Facciamo un riepilogo di quello che è successo nelle ultime 5 edizioni.

2007 – Lewis Hamilton (McLaren) parte dalla pole e, con una gara d’anticipo, sembra poter chiudere il discorso mondiale. Purtroppo per lui non sarà così: dopo un’ottima partenza sotto la pioggia, l’inglese domina fino al 27° giro, quando va in crisi con le gomme usurate e Raikkonen (Ferrari) recupera terreno. Hamilton decide di rientrare quando ormai è sulle tele e, ormai in corsia box, s’insabbia nella via di fuga della pit lane. Raikkonen ne approfitta regalando alla Ferrari la 200° vittoria in F1 e portarsi a -7 da Hamilton in classifica. Sul podio anche Alonso (McLaren)  a -4 dal leader, 3° Massa (Ferrari). Sorprendente 4° posto di Vettel con la Toro Rosso seguito da Button su Honda.

2008 – Dopo la delusione del 2007, Lewis Hamilton (McLaren) si riscatta alla grande, dominando tutto il week end e centrando un facile Hat Trick (Pole, vittoria e giro più veloce). 2° Massa (Ferrari) e 3° Raikkonen (Ferrari). I due alfieri della Rossa nulla possono contro lo strapotere dell’inglese. Massa, con un sorpasso dubbio nel finale nei confronti di Raikkonen, tiene aperto il mondiale, limitando i danni e portandosi a -7 da Hamilton. 4° Alonso (Renault), 9° Vettel (Toro Rosso), 14° Webber (Red Bull) e solo 16° Button (Honda). Ritirata l’altra McLaren, quella di Kovalainen, per una foratura.

2009 – Vettel (Red Bull) ottiene una pole da fenomeno con una vettura che ha dei piccoli problemi al retrotreno. Parte affiancato da Alonso (Renault), ma le condizioni di scarsa visibilità, inducono la direzione gara a disputare i primi 8 giri dietro SC. Alonso va ai box in regime di SC e sprofonda in fondo al gruppo, finirà 9°. A vincere sarà quindi Vettel (con il brivido della collisione con Buemi), seguito dal compagno Webber, autore di un bel duello con il leader di classifica Button (Brawn), 3°. Prima vittoria e doppietta in F1 per la Red Bull. Benino le McLaren che con Kovalainen (5°) e Hamilton (6°), compiono una bella rimonta con molti sorpassi. Ancora a zero punti la Ferrari: Massa ritirato mentre era al comando per problemi elettrici, mentre Raikkonen non va oltre il 10° posto.

2010 – Prima fila tutta Red Bull ma è la pioggia a stravolgere la gara. Alonso (Ferrari) salta in testa alla prima curva grazie ad una partenza anticipata: per lui arriverà un DT che lo farà sprofondare a centro gruppo. Dopo poche curve un incidente tra Liuzzi (Force India), Buemi (Toro Rosso) e Kobayashi (Sauber) fa entrare la SC. Tutti si precipitano al box tranne Rosberg (Mercedes) e Button (McLaren), i quali prendono il comando della corsa. Il tedesco viene passato da Button poco dopo la prima sosta e balza al comando, posizione che manterrà fino al termine della gara. Mentre un indemoniato Hamilton sfodera una lunga serie di sorpassi, le Red Bull rimangono invischiate nelle lotte ai limiti della zona punti, con anche Alonso che recupera posizioni preziose. La SC esce di nuovo per dei detriti in pista. Al restart Hamilton riesce ad avvicinarsi e a superare Rosberg in 2° posizione. L’avvincente gara cinese termina con la prima doppietta 2010 McLaren, con Button davanti a Hamilton, Rosberg e ad Alonso, bravo a recuperare sino ai limiti del podio. Vettel chiude 6°, Webber 8° seguito da Massa.

2011 – Button ed Hamilton alla parteza superano il poleman Vettel, con Alonso che dopo un giro si trova 5°. La gara è emozionante, con molti duelli a metà gruppo e con la rimonta di Webber dal 18° posto. Vettel torna davanti grazie ad un sorpasso su Hamilton e su un errore grossolano di Button, che sbaglia piazzola dei box. In testa c’è però Rosberg seguito dalle Ferrari, che con strategie differenti provano il colpaccio. L’alto degrado delle gomme di Mercedes e Ferrari ed il rischio per Rosberg di rimanere senza benzina, fanno tornare davanti Vettel seguito dalle McLaren di Button ed Hamilton: l’anglocaraibico sorpassa in un bel duello il compagno di squadra e si getta all’inseguimento di Vettel, coronato con il sorpasso decisivo compiuto a 5 giri dal termine. Le Ferrari vengono invece sfilate e terminano al 6° e 7° posto con Massa ed Alonso. Sul podio dietro Hamilton e Vettel sale uno strepitoso Webber, che supera Button nelle fasi finali della gara. Da segnalare il record, poi battuto, che viene stabilito: 23 vetture al traguardo.

ALBO D’ORO

2004 – R. Barrichello (Ferrari)
2005 – F. Alonso (Renault)
2006 – M. Schumacher (Ferrari)
2007 – K. Raikkonen (Ferrari)
2008 – L. Hamilton (McLaren-Mercedes)
2009 – S. Vettel (Red Bull-Renault)
2010 – J. Button (McLaren-Mercedes)
2011 – L. Hamilton (McLaren-Mercedes)

6 Commenti

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!