Alonso sorride: “Dobbiamo crescere step by step”

Nell’ultima giornata di test al Mugello, appassionati e media pendono dalle labbra di Fernando Alonso. Mentre l’ufficio stampa Ferrari conferma che quelle di oggi sono state solo piccole novità, Alonso ammette di essere soddisfatto del lavoro svolto in fabbrica e ribadisce che il vero step evolutivo della F2012 lo si avrà solamente a Barcellona.

“Abbiamo due o tre elementi importanti per la monoposto che avremo la prossima settimana a Barcellona, speriamo che funzionino bene. Tutte le squadre, però, faranno un passo avanti, quindi il nostro dovrà essere più grande del loro se vogliamo recuperare terreno”, ammette Fernando. Lo spagnolo non nasconde che ben figurare nel GP di casa gli farebbe piacere: “Per me è una gara speciale. In quella occasione la squadra cerca sempre di darmi qualcosa in più, speriamo sia un buon weekend”.

Quella della Ferrari sarà un’evoluzione step by step: “Barcellona è il primo passo che deve consentirci di entrare in Q3 e puntare anche alle pole position. Questo è il primo obiettivo, dobbiamo fare un passo alla volta. Non è facile quantificare quanto distacco abbiamo dai primi, questo cambia spesso in base ai tracciati. Ma se fai una media, direi sette, otto decimi. Possiamo recuperare questo gap con lo sviluppo della vettura”.

L’austuriano è stato autore di un incidente oggi, che a livello di tempistica non ha creato problemi. Fernando ci ha anche scherzato sopra, perché l’impatto con le barriere è stato lieve, ma ha comunque danneggiato l’ala anteriore e qualche altro piccolo particolare. “Voglio tranquillizzare i miei familieri, dicendogli che sono vivo dopo l’incidente a sette chilometri orari! Avevano avuto qualche notizia dalla TV e si erano preoccupati, fortunamente è stato solo una botta lieve. Abbiamo perso l’opportunità di provare mentre c’era poco vento, nel pomeriggio era aumentato e ha influenzato la prestazione. E’ stato solo quello il problema, perché per il resto abbiamo completato il programma come previsto”.

49 Commenti

  1. Ma la notizia che più incuriosisce me è questa:

    1° giorno: Alonso 1’22’’444 su Hard nuova

    il 1° giorno ha piovuto e Alonso ha fatto il giro sull’umido con le Hard. Ovviamente, il mistero sui quantitativi di carburante e sulla tipologia di test che ogni team ha fatto rende ogni tempo insignificante, ma questo dato, più che il tempo con gomme usate di ieri, mi ha sorpreso

  2. I migliori tempi di ieri sono stati effettuati con:
    1. Grosjean 1’21’’035 su Hard nuova
    2. Vettel 1’21’’267 su Media nuova
    3. Alonso 1’21’’363 su Hard usata

    Incoraggiante!!!!!!!!!!!!!1

      1. Se domenica andiamo lo cambio! pero’ non criticarmi la mia Mini Turbo DeTomaso!!Soprattutto adesso che ho finito il restauro!!Posso capire che non tutti possano apprezzare ma chi se la ricorda…

      2. Un mio caro amico ha ultimato il restauro di una Camaro del ’76… Per chi ama le muscle americane una vera chicca!!!

      3. Allora qualcuno che apprezza c’e’!!
        E’ un 85 vi posto un minisito che avevo fatto tempo fa..
        http ://minidetoturbo.jimdo.com/

        Scusate l’OT!!

  3. Buongiorno a tutti, cari bloggers. Certo che a leggervi vado in fibrillazione… alcuni “blocchi” di commenti mi indirizzano all’ottimismo e alla fiducia, altri invece mi dirigono verso il pessimismo!
    Ho deciso che continuerò ad avere moderata fiducia nel team Ferrari e moltissima in Alonso.

  4. alomso ha dichiarato che in inverno di 10aggiornamenti studiati in galleria solo 6 in pista erano ok, invece in questo ultimo test galleria e pista hanno dato stessi riscontri, almeno hanno cominciato ad avere una costanza nei dati

    1. Considera che in certi casi comprendere appieno le gomme può risultare già un grandissimo aggiornamento. Tutte le pretendenti al titolo sembra si siano concentrate più su questo che su altro.

      Inoltre io scommetterei una grossa cifra che a Barcellona tutti porteranno delle novità.

  5. Il vero problema Ferrari è l’aerodinamica e raddrizzare una stagione in cui la galleria del vento ti dava dei dati e tu poi arrivato in pista ne riscontri altri ( e sempre diversi…) è difficile. Devi iniziare a lavorare su due gallerie del vento e sperare di ritarare la tua. Se ci sono riusciti potranno migliorare un po’ ma se tutto va bene i 7-8 decimi li avranno recuperati a fine anno. Cmq è un campionato strano quindi… non si sa mai.

Lascia un commento