Pirelli: mescole calde, fianchi morbidi, prestazioni spinte

23 gennaio 2013 14:15 Scritto da: Davide Reinato

Pirelli ha presentato le nuove mescole 2013 per la stagione di Formula 1. Gomme più morbide e più facili da mandare in temperatura per animare lo spettacolo in pista e favorire i sorpassi.

Pirelli_Formula 1_2013La caratteristica principale della nuova gamma Pirelli 2013 è l’ammorbimento complessivo di tutte le mescole, sia di quelle da asciutto che di quelle da bagnato. Questo cambiamento è stato pensato per apportare un più rapido cambiamento della temperatura ottimale e consentire un abbassamento delle prestazioni quantificabile in circa mezzo secondo al giro.

Questa evoluzione ha consentito di conferire alla nuova mescola Hard lo stesso grado di morbidezza della mescola usata l’anno scorso per la medium. Cambia anche il colore distintivo della gomma che da argento diventa arancione. La PZero Orange, dunque, consentirà ai team di avere più trazione e prestazioni ottimali in termini di velocità sul giro, soprattutto all’uscita dalle curve e nella transizione, frenata-accelerazione.

Tra una mescola e l’altra sono previsti divari molto bassi, nell’ordine di 5 decimi di secondo. Differenza che lo scorso anno è spesso stata inferiore, specie durante la seconda parte della stagione. Il degrado termico spinto e le differenze prestazionali tra le mescole hanno, tra i diversi obiettivi, quello importante di favorire i sorpassi durante tutte le fasi della corsa.

Per lo sviluppo delle nuove PZero e Cinturato 2013, Pirelli ha impegnato il proprio settore Ricerca & Sviluppo con migliaia di simulazioni al computer, tutti eseguiti con sofisticati programmi di elaborazione predittiva, sviluppati proprio dalla società italiana. Un lavoro certosino, integrato con i dati raccolti durante i Gran Premi della scorsa stagione e nei circa sette mila chilometri di test privati, percorsi da Jaime Alguersuari e Lucas Di Grassi.

Il debutto della gamma 2013 delle nuove Pirelli avverrà nei test invernali di Jerez de la Frontera, il prossimo 5 febbraio. I team che utilizzeranno le sessioni di filming day nei giorni precedenti, infatti, dovranno – per regolamento – utilizzare pneumatici appositi, non performanti.

5 Commenti

  • ferrarista per sempre

    mi sa che quest’anno quelli dal piede leggero saranno avvantaggiati (vedi alonso e button) e quelli come hamilton che fralaltro avrà una macchina che mangia le gomme come il pane…beh…, poveri loro!!

  • Se qualcuno (vedi Ferrari )aveva,e avrà ancora problemi per mandare in temperatura le gomme,quest’anno dovrebbe essere per così dire “facilitato”dall’uso di questo nuovo tipo di impostazione delle mescole,al contrario della RB che riusciva a mandare immediatamente in temperatura le gomme.Più perforanti,ma con un degrado maggiore il che vuol dire lavoro per i tecnici per quanto riguarderà le sospensioni e,soprattutto in gara piede gentile sull’acceleratore

  • ferrarinelsangue

    Speriamo che non si vedano i rodei invece delle corse di formula uno, vabbè ormai Ecclestone questo sport lo sta seppellendo per i soldi.. Che munnezz

    • Molto meglio il monomarca,quando c’erano più fornitori c’era un campionato nel campionato e i valori delle monoposto venivano alterati dalle gomme.Ora le gomme sono uguali per tutti,sarà avvantaggiato il più bravo o il primo che le gestisce meglio. Nell’ultima stagione,a parte la fase iniziale quando dovevano ancora capirle bene, non mi sembra di aver visto dei rodei.
      Queste gomme,cosi da come ce le descrivono saranno piu aggressive,(un po’ quello che chiedeva Shumacher l’anno scorso,vi ricordate ?)Il degrado si,sarà più accentuato,ma lo sarà per tutti e alla fine faranno tutti lo stesso numero di pit stop egli stessi giri circa,vedremo poi se come lo scorso campionato ci sarà qualcuno particolarmente capace nella gestione gara delle gomme.

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!