Pagelle Gp Bahrain: Vettel su Kimi, dietro è bagarre

22 aprile 2013 10:11 Scritto da: Antonino Rendina

Gran premio pieno di colpi scena a Sakhir: Alonso aveva il potenziale per infastidire Vettel ma viene messo K.O. dal DRS che si blocca. Raikkonen sfrutta al meglio la tattica delle due soste e adesso è il primo inseguitore di Seb in classifica. Coppia McLaren ai ferri corti.

podio-bahrain-2013Sebastian Vettel 9,5 La ventottesima vittoria in carriera è una fuga solitaria nel deserto di Sakhir,in una cornice tanto assolata quanto arida di vegetazione e avversari. A Vettel basta un giro per mettere le cose in chiaro con una cattiveria in bagarre quasi inusuale. Sa di lesa maestà la risposta perentoria al sorpasso di Alonso in partenza. La sua felice fuga con tanto di pilota automatico fa da contraltare a un senso di noia e di “già visto” che annichilisce spettatori e rivali, condanndandoli allo spauracchio di un altro anno firmato Red Bull. INCANTATORE

Kimi Raikkonen 9,5 La qualifica ormai è lo specchio per le allodole per avversari ingenui, quando a contare è quella progressione convinta in gara, fatta di stint lunghi e costanti, dove le gomme sono la sostanza morbida che questo demiurgo silenzioso modella secondo i propri sogni e le proprie aspirazioni aspirazioni. Kimi che sale tre volte sul podio in quattro gare ma che viene ancora snobbato. Lui che si ferma una volta in meno degli altri e bracca Vettel. Lui che ha preso da un anno a questa parte la “medio-grande” Lotus in mano trasformandola giorno dopo giorno in una principessa. Lui che con il suo carattere strafottente urla in pista la sua presenza nella lotta iridata. MAGISTRALE

Romain Grosjean 8,5 Fuori dalla Q3 a causa di un errore di valutazione del muretto, il pilota francese passa un sabato nero, non facendosi troppi problemi nel mandare a quel paese la squadra. A posteriori gli va dato atto di avere ragione, considerato che la Lotus in Bahrein volava. A differenza di Kimi, però, Romain si ferma tre volte, e la gara è tutta sangue e sudore, passata a lottare con mezza griglia. Ma la voglia di prendersi il podio fa si che Grosjean trasforma la trance agonistica in determinazione e concentrazione. Sfrecciando tra le pieghe squadrate di Manama come una furia e completando l’impresa con il sorpasso a di Resta che lo riabilita definitivamente. Perchè quest’anno il francese in quattro gare non ha fatto una cavolata. E si sta anche svegliando. FULMINE

Paul di Resta 8 Sin dal venerdì si era capito che la Force India era tutt’altro che un fuoco di paglia. E Paul adora questo circuito, sul quale anche l’anno scorso aveva raccolto un buon risultato fermandosi una volta in meno ai box. Stavolta il copione è lo stesso, con due sole soste, ma il risultato è migliore, visto che di Resta conquista una medaglia di legno che poteva essere bronzo. E se lo sarebbe meritato tutto il primo podio in carriera. Soprattutto per la capacità di massimizzare in tante occasioni il potenziale della monoposto “indiana”. In patria è molto amato e in questa stagione potrebbe trovare la definitiva consacrazione. ECCELLENTE

Lewis Hamilton 8,5 Qualcuno potrebbe storcere il naso dinanzi a questo votone. D’altronde parliamo di un quinto posto finale. Ma chi ha parlato di gara incolore di Lewis ci ha capito ben poco. Perchè con una Mercedes in crisi totale di gomme Hamilton si è definitivamente laureato Campione a trecentosessanta gradi. Non soltanto quando bisogna stupire per velocità, ma anche quando bisogna gestire le mescole, correre con il cervello e non solo con il piede destro pesante. L’abbiamo seguito sin dagli esordi con attenzione. Luigi è quello che ti spiattellava la gomma anche se andava a fare la spesa. Guardate come ha guidato in Bahrein. Raramente un pilota riesce a migliorarsi tanto quando è già consacrato. FENOMENO

Sergio Perez 7 Da dodicesimo allo start a sesto sotto la bandiera a scacchi. La McLaren oggi ha potuto sfruttare il miglior Perez per velocità e agonismo. Ma la sua condotta di gara continua a destare perplessità. Una cosa è essere cattivi e decisi, ben altra è essere irruenti e gratuitamente aggressivi. Sergio fa una grande gara ma sul bilancio finale non può non pesare il fatto che si sia preso per capelli con quasi tutti i piloti con cui si è sfidato. Dal compagno Button (con il quale per poco non si butta fuori), a Rosberg, Massa, Hamilton. Perez non ti sorpassa e non si fa sorpassare se le vostre due vetture non si danno, almeno, un bacetto. PIRATESCO

Mark Webber 5,5 Parte settimo e arriva settimo. Trascinandosi con se le scorie della penalità in griglia, della “cenetta” con Alonso, dei 200 Gp che sono un traguardo ma anche un peso. Perchè l’odiato Vettel con la metà della carriera sulle spalle ha già vinto tre volte tanto. Dura la vita. MULTI-BASTONATO

Fernando Alonso 9,5 La cosa più triste non sono i punti sprecati in Bahrain ma il fatto che Nando abbia ricominciato a citare su Twitter il noto Samurai. Sindrome da palese esaurimento nervoso, e c’è da capirlo. Guida da dio, ha la macchina per vincere e si ritrova alle soglie dell’Europa con il solito distacco da paura in classifica. Un labirinto di tormenti e dubbi. Per fortuna il manico la fa ancora da padrone. Correre cinquanta e passa giri senza Drs e rimontare dall’ultimo posto all’ottavo è una dimostrazione di forza eccezionale, ma Fernando si sarà rotto le scatole di vivere di sola gloria. Bisogna ripartire dalla velocità della F138. Lui comunque è un ALIENO

Nico Rosberg 6,5 La pole position è straordinaria, ma le otto posizioni perse dalla partenza al traguardo lo sono molto meno. D’altronde Nico spreme la W04 come un limone, provando l’impossibile. Mano sulla coscienza e tanto da imparare da Hamilton. La sua colpa più grande è aver fatto cuocere le Pirelli gettandosi alla pari in tutti i duelli. Questa Mercedes non è ancora pronta. CUOCO DI CAUCCIU’

Jenson Button 6 Sembra in forma, prima di crollare con la sua Mp4-28 a causa di una crisi di gomme che lo costringe a un pit stop supplementare. Ma a mandarlo in crisi è anche il teammate Perez, che con la sua irriverenza lo fa ammattire. Jenson lotta come un leone, dimostrando di non essere solo un fine stratega dalla guida pulita ma un pilota vero. Sarebbe stato bello vederli gareggiare l’uno contro l’altro fino alla fine. E invece il derby se lo porta a casa anticipatamente il giovane messicano. Con Jenson che sbraita alla radio rivendicando un ruolo da prima guida che in McLaren raramente tendono a legittimare. E dopo quella della Red Bull un’altra coppia rischia di scoppiare. BEFFATO

Felipe Massa 5 Riesce sempre a fare peggio di Alonso, anche nella sfortuna. Al Drs che blocca il compagno, lui risponde con due forature in venti giri, entrambe alla ruota posteriore destra. Problemi grossi che lo condannano a un mediocre quindicesimo posto. Se ci mettiamo anche che, in quanto a prestazione pura, Felipe lasciava comunque a desiderare…Insomma una giornata no. Con una costante: quando Alonso manca, la Ferrari non può mai contare su un exploit di Massa. DISPERSO

Adrian Sutil 6 Perchè la sfiga per il pianista non conosce sosta. Dopo essere stato buttato fuori gara da Gutierrez in Cina, a Sakhir la sesta posizione in qualifica è vanificata da una foratura che lo mette K.O. al primo giro. Il tempo perso è innumerevole, a tal punto il tredicesimo posto finale va quasi visto come un bel risultato! SFIGATISSIMO

Pastor Maldonado 6,5 Da diciassettesimo a sesto, si è rivisto il “pirata dei Caraibi” e si è rivista la Williams, che non si schioda dal vergognoso zero in casella ma almeno si becca qualche ripresa televisiva in più. E Pastor si leva anche lo sfizio di battere Hulkenberg e Massa, piloti attualmente più quotati di lui. BUONA PROVA

Nico Hulkenberg 5,5 Tanta voglia e grinta nei duelli, Nico si conferma un osso duro per tutti quelli che gli si avvicinano. A differenza di Perez, però, è anche corretto. Complimenti a parte, il week-end in Bahrain è uno di quelli “no” in tutti i sensi. Dalle prove alla gara. Dodicesimo posto largamente insoddisfacente. ALLA PROSSIMA

Daniel Ricciardo 5 Stavolta il simpatico australiano, che per noi è Ricciardo e non Riccardo, non riesce a ripetere la prestazione maiuscola di Shanghai, lamentandosi del bilanciamento della vettura e delle set-up. La giornata storta della Toro Rosso è completata dal calvario di Jean-Eric Vergne (5). Che esce di pista in un duello con Bottas, si tocca con Van der Garde forando e perdendo parte del fondo vettura. Ritiro inevitabile per il francese.

Charles Pic 6,5 Alla quarta gara Charles riesce finalmente a portare la Caterham davanti alle Marussia. Lo fa sia in qualifica che in gara, riuscendo dopo tre sconfitte consecutive a vincere la sfida con il connazionale Bianchi e avendo la meglio anche contro Gutierrez della Sauber. BRILLANTE

Esteban Gutierrez 4,5 Si qualifica diciottesimo e, a causa della penalità per l’incidente cinese con Sutil, parte dall’ultima piazza. Gara corsa in totale anonimato per Guti, il cui percorso di crescita è ancora lungo.

Jules Bianchi 6 Dopo tre gare da leader della serie C, arriva per Jules la prima gara difficile. Non perfetta la Marussia tra le curve di Sakhir e non perfetto Bianchi, che accusa un distacco relativamente pesante dalla Caterham. Ma è il quarto traguardo consecutivo e ancora una volta batte il compagno Max Chilton (5).

Giedo Van der Garde 4 Ultimissimo, con tanto di contatto con Vergne e fortatura. Risultato: cinque pit stop e un giro di ritardo beccato da Chilton. NO COMMENT

Gp del Bahrain 7,5 La lotta per i primi posti è inesistente, visto il dominio di Vettel. Ma la lotta dal podio in giù è un continuo di emozioni targato Mercedes. Le ex frecce d’argento della McLaren contro le attuali frecce d’argento di Hamilton e Rosberg. In mezzo Grosjean, Alonso, Webber. Un gruppetto di scontenti dell’ultima ora che si sono dati battaglia per sessanta giri alla ricerca di qualche punto in più. Regalandoci un bello spettacolo e qualche duello al limite.

Pirelli 5 Sempre di più nell’occhio del ciclone. Metà dello schieramento si lamenta per il degrado, l’altra metà delle forature. Queste ultime hanno colpito Sutil, Vergne, Massa due volte ed Hamilton. Preoccupanti quelle del brasiliano della Ferrari. E c’è chi chiede a gran voce modifiche alle mescole. Tanto lavoro da fare per il simpaticissimo Paul Hembery.

MVD Fernando Alonso Ancora una volta, per i nostri lettori, l’uomo partita è Fernando Alonso, votato “Most Valuable Driver” dal 40% dei votanti. Segue con il 16% delle preferenze Kimi Raikkonen. Terzo posto alla pari con il 14% dei voti per Sebastian Vettel e Sergio Perez.

207 Commenti

  • La questione è sempre la solita, quest’anno la Ferrari ha un auto a livello se non superiore alla Red Bull, però quando vince Vettel è sempre merito della macchina, quando vince alonzo fa sempre un capolavoro… (eppure venerdì e sabato era un coro di “red Bull in crisi di gomme, Ferrari ottima nel passo gara e nel giro da qualifica, mi aspettavo pole, giro veloce e gara come in Cina)

  • Si sta un po’ equivocando il problema avuto da Alonso: si era rotto il fermo del flap. Il problema maggiore non era non poter usare il drs, quello non lo poteva usare neanche Vettel, ma il fatto che ad ogni avvallamento, ad ogni scossone il flap modificasse la propria incidenza. Il risultato è un’aerodinamica gravemente compromessa, una macchina instabile e imprevedibile e letteralmente da imparare curva dopo curva perché i riferimenti del giro prima non erano più validi il giro dopo. Il 9,5 ci sta tutto.
    Per coerenza quantomeno Vettel merita 10, dopotutto non ha commesso errori, ha vinto e si è guadagnato la prima posizione in pista su Rosberg e Alonso. Poi possiamo fare tutti i se e i ma del mondo, ma questi sono i fatti. Per esempio a me rimane l’idea che senza i problemi le Ferrari avrebbero fatto una gara simile all’ Australia: la red bull scappa a inizio stint per essere ripresa alla fine dello stint con sorpasso con le dure. Idea mia appunto, che amplifica il rosicamento.

  • CavallinoRampante

    In linea di massima sono d’accordo su tutto. Personalmente avrei premiato anche la McLaren con un voto a sè. I suoi due piloti ieri hanno dato spettacolo facendoci rivivere un pò di Formula1 anni ’80 e questo è anche merito del muretto che ha lasciato loro ampia libertà di manovra. Per me voto 10.

  • ryudoctor

    zico
    Non sono convito di questa super gara di alonso, (se è vero che c’era il potenziale x vincere ) perche a metà gara già era dietro Hamilton, che con la stessa strategia ha superato i vari piloti avanti a lui battagliando anche furiosamente con webber, invece alonso a perso da perez facendosi superare quasi facilmente e per non parlare nell’errore quando vettel lo ha sverniciato.

    Errore quando è stato sverniciato da Vettel???MA DOVE?..dai raga ma anche uno con una patente da 3 giorni sa che li non c’è errore di nando..con gomme fredde e pieno carico il primo giro è una tortura per tutti..nando a passato vettel alla prima curva e ha dovuto difendersi per il secondo rettilineo e per proteggersi ha preso male la 3° curva..vettel aveva chiaramente il vantaggio di essere uscito meglio sia nella prima curva che nella 3°..li non c’è nessuna sverniciata semplicemente traiettoria migliore di vettel che ha affrontato meglio la prima e 3° curva rispetto a nando che ha DOVUTO fare quelle cose..

    Menomale che sono gli altri a non essere obiettivi quando si parla del pilota per la quale si fa il tifo…

  • non sono per niente d’accordo, per una volta, col voto di massa, meritava ben più del 5. 2 gomme distrutte in 20 giri, ed in che modo! La prima, tra l’altro, non era una foratura, è volato letteralmente via un tappeto di gomma… Mi sembra chiaro che dopo la seconda batosta abbia tirato i remi in barca, forse temendo un terzo cedimento, io da casa temevo avesse rotto qualcosa alla sospensione.
    se non è sfiga questa, ditemi voi cos’è.

  • Io bandirei le pirelli dalla Formula, cambia di 5 gradi la temperatura e si stravolge la prestazione della macchina.
    Con le temperature della gara la macchina messa meglio era la red bull. Da ferrarista dubito che Fernando avesse potuto essere veloce quanto Vettel che essendo primo non poteva utilizzare nemmeno lui il DRS… a meno di quelle volte in cui si sia trovato dietro ad un doppiato. E nonostante questo aveva un passo superiore e visto il vantaggio non ha tirato al massimo.

  • Ottime le pagelle, per me tutte azzeccate…avrei dato almeno 6 massa, solo perchè ad inizio gara non stava andando male, anzi se la sarebbe giocata per il podio….poi parecchio sfortunato a bucare 2 gomme, poi alla fine credo abbia tirato i remi in barca, arrivare 13 o 15 esimo non avrebbe fatto differenza alcuna

  • se andate su sportmediaset hanno fatto le pagelle pure lì…

  • Raramente commento le pagelle ma questa volta mi permetto un piccolo appunto.
    Vettel 10: ci sta tutto, non capisco l’ostinazione a non volergli dare il massimo nonostante un week end perfetto. Capisco che è un avversario scomodo ma siate obiettivi.
    Gp Bahrein 9: avete dato un 7,5 ad una gara al cardiopalmo che fino all’ultimo giro ha regalato emozio?! Ma scherziamo?? Il 10 lo date a Montecarlo per la quantità industriale di topa e denaro che non regalera un solo sorpasso?!
    Pirelli 3: bocciata alla grande. Penosa!

  • Rispondi Link Quotepepizzi 22 aprile 2013 alle 10:37 9,5 a Vettel?
    Settimana scorsa stessa gara di Alonso e 10 e lode.
    E chi dice che la Red Bull e’ mostruosa sbaglia , perche’ sia Ferrari che Lotus sono molto vicini, ma Vettel e’ stato perfetto, tirando fuori un giro fenomenale in qualifica e gestendo il degrado gomme in modo fantastico. Quel primo giro poi con Alonso e’ stato un capolavoro.
    Come si puo’ spiegare un voto così?
    Anche Raikkonen e’ troppo alto il voto. In gara e’ stato fantastico ma in prova e’ stato un disastro, se fosse partito in prima o seconda fila avrebbe lottato tranquillamente per la vittoria.
    Per il resto sono abbastanza d’accordo. Forse Perez avrebbe meritato due voti: 10 per la grinta e 5 per il poco rispetto degli avversari. Capisco che si sentiva sotto processo, ma ha sportellato chiunque buttando fuori pista tutti…… cosa contro il regolamento. E’ vero che questa stagione i giudici sono di manica larga, ma c’e’ un limite a tutto. Esiste una giusta via di mezzo che il buon Perez ieri ha oltrepassato.
    Finalmente qualcuno si è accorto che non viene usato lo stesso metro per tutti!!!!!!Vettel è da 10 e lode,come lo è stato Alonso in Cina e come lo sarebbe stato Kimi in Australia!!!Comunque il voto di Kimi è giusto e sai perchè lui era da venerdi che diceveva che la macchina aveva poco grip nel giro secco,purtroppo per lui il giri perfetto lo ha fatto in q2 che gli avrebbe valso la quarta posizione e poi il team ha sbagliato perchè nel primo stin lo ha lasciato 3-4 giri in più fuori senza senso facendogli perdere quasi dieci secondi su vettel,perchè quando ha fatto il secondo pit>kimi ha richiamato il box dicendogli ma perchè mi avete fatto cambiare le gomme che erano ancora buone>q

  • lewis_the_best

    vettel è da 10 perchè la sua gara è perfetta!! vedere il compagno di squadra in che posizione arriva e quanto distacco prende per capire che seb ha dominato la gara!! se poi nn ha dovuto sudare troppo per il problema di alonso non è certa colpa sua!!

    anke io credo che raikkonen vincerebbe molte piu gare se riuscisse a partire un po piu avanti! per tanto forse il voto piu giusto sarebbe un 8.5 risultato di una gara strepitosa ma anche di una qualifica sotto tono!

    il voto ad alonso è spudoratamente esagerato!! è vero che corre con il DRS abbassato, è vero che perde l’opportunità di un podio sicuro però la sua rimonta è frutto di sorpassi a vetture nettamente piu inferiori della sua come williams sauber toro rosso catheram e marussia! alla fine l’ottavo posto è piu un regalo di button e rosberg che per via della loro gara si trovano costretti a fermarsi una sosta in piu!!

    perez meriterebbe qualcosa in piu per l’emozioni che ha regalato, lottando contro tutto e tutti!! quando poi subisce il sorpasso da alonso a fine gara ci si aspetterebbe che molli e si accontenti dell’ottavo posto invece rimane attaccato allo spagnolo e alla fine supera lui e supera pure webber!

  • Complimenti per l’analisi BRUCE.
    Ottima gara di PEREZ che ieri mi è piaciuto molto in quanto ad aggressività, sembrava l’HAMILTON dei primi anni in McLaren !!!
    Quoto anche sù Turrini che definire Giornalista è un’insulto alla categoria !!!
    Quoto anche il discorso sulla Mercedes e mi ricollegho a quello che ha scritto RONNY, è inconcepibile che in 4 anni in MERCEDES non siano risuciti a venire a capo del cronico problema dell’eccessiva usura gomme, credo gli convenga a BELL, COSTA, ELLIOT e compagnia di farlo quanto prima altrimenti TOTO WOLFF non ci metterà molto a fare cadere qualche testa eccellente, PERCH’ COSI’ NON SI PUO’ PIU’ ANDARE AVANTI.
    Anche per questo io sarei a favore di un’ingaggio di PADDY LOWE come D.T. e non come Team Principal, ROSS BRAWN non si tocca, semmai è lo Staff Tecnico che deve essere rinforzato e LOWE è la persona giusta

  • Vettel 9,5
    Raikkonen 9,5
    Alonso 9,5

    ah ah ah ah ah ripigliatevi

    ma che gara avete visto??

    • String Quartet

      Ma perché il lunedì spuntano sempre questi troll? Sai dove te lo devi mettere il ditino?

      • CavallinoRampante

        L’importante è ignorarli: se sei costretto a tifare una lattina con le ruote per farti accettare dalla società, come minimo hai qualche problema 😀

      • mah!!! saranno Troll ma sui voti stavolta hanno ragione e rispondendo a cavallino rampante credo che sia quantomeno offensivo dare della lattina su ruote ad un auto che ad oggi ci ha bastonato in lungo ed in largo ….e saro’ scaramantico ma piu’ i tono sono bassi piu’ andiamo meglio

  • Goodyear4F1

    Nonostante io sia un tifoso Ferrari questa volta il MVD lo avrei dato a Vettel…ok tutto, ok la sfortuna di Alonso. Ma ieri è stato imprendibile, forse nemmeno senza problemi lo spagnolo avrebbe tenuto il ritmo…Vettel ha fatto una gara perfetta, il 10 lo meritava. Poi avrei dato 8 ad Alonso, perché la giustificazione del DRS va bene, ma nel finale ha sbagliato a frustare troppo le gomme troppo presto per cercare il sorpasso a Perez e alla fine è rimasto fregato. Ma nella sfortuna la sua è stata una gara positiva. Poi solo 7.5 al GP del Bahrain? Non so cosa ne pensano gli altri ma in quanto a sorpassi e spettacolo è stato il migliore del 2013. Che poi non siano stati per la prima posizione è solo merito di Vettel e un pochino della sfortuna di Alonso…ma che duelli ieri! Al limite del contatto e con le ruote sulla sabbia. Almeno un 9 questo GP lo meritava!

    • come non quotarti , giusto essere tifosi ma ieri Vettel mi ha fatto venire ancora la pelle d’ oca in quel primo giro ……si e sinceramente questa pista sara’ una cattedrale nel deserto ma la gara non ha lasciato spazio alla noia !!!!

  • zico
    Non sono convito di questa super gara di alonso, (se è vero che c’era il potenziale x vincere ) perche a metà gara già era dietro Hamilton, che con la stessa strategia ha superato i vari piloti avanti a lui battagliando anche furiosamente con webber, invece alonso a perso da perez facendosi superare quasi facilmente e per non parlare nell’errore quando vettel lo ha sverniciato.

    Errore quando è stato sverniciato da Vettel???MA DOVE?..dai raga ma anche uno con una patente da 3 giorni sa che li non c’è errore di nando..con gomme fredde e pieno carico il primo giro è una tortura per tutti..nando a passato vettel alla prima curva e ha dovuto difendersi per il secondo rettilineo e per proteggersi ha preso male la 3° curva..vettel aveva chiaramente il vantaggio di essere uscito meglio sia nella prima curva che nella 3°..li non c’è nessuna sverniciata semplicemente traiettoria migliore di vettel che ha affrontato meglio la prima e 3° curva rispetto a nando che ha DOVUTO fare quelle cose..

    • “vettel aveva chiaramente il vantaggio di essere uscito meglio sia nella prima curva che nella 3°” per me questo significa errore .”gomme fredde e pieno carico il primo giro è una tortura per tutti”è giusto per tutti pure x vettel. Essere tifosi non vuole dire avere i paraocchi

      • Robby Naish

        <dai, è arcinoto che la RB manda in temp le gomme subito….. infatti sempre quando hanno pista libera, i primi giri prendono un bel po di sec di margine

    • il raffronto con Hamilton deve però tenere conto che quando tutti hanno fatto la prima sosta Alonso ne aveva già fatte 2

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!