Marko contro Pirelli: “Queste gomme ci limitano”

30 aprile 2013 12:48 Scritto da: Antonino Rendina

Attacco frontale del super consulente austriaco al fornitore italiano: “Vogliamo gomme normali, tali da farci esprimere tutto il nostro potenziale. Vettel con altri pneumatici darebbe mezzo secondo a tutti…”

vettel-redbull-melbourneL’accusa, nemmeno troppo tra le righe, è di quelle pesanti. Vittima del polemico Helmut Marko stavolta è la Pirelli, rea di non fornire “gomme normali” alle scuderie.

Il manager austriaco non sembra accontentarsi della modifica che il costruttore  italiano porterà in Spagna per la mescola hard, e ha attaccato a spada tratta la casa della “P lunga”:

“Con pneumatici normali Vettel darebbe mezzo secondo al giro a tutti. Ne siamo certi. Invece con queste gomme dobbiamo stare attenti altrimenti non durano due giri consecutivi. Il nostro simulatore è stato chiaro: con queste Pirelli non possiamo sfoderare il nostro vero potenziale”.

Secondo Marko, quindi, la Red Bull verebbe penalizzata più di altre squadre dalla perentoria necessità di gestire la mescola:

Noi vogliamo gomme che possano permetterci di ottenere il massimo dalla monoposto. In questo momento siamo ad un compromesso: sfruttiamo male la monoposto perchè la priorità è quella di effettuare meno pit stop. E’ difficile spiegare a un pilota che non può spingere come vuole in alcune curve altrimenti distrugge le mescole. Abbiamo bisogno quanto prima di pneumatici che non limitino il nostro potenziale”.

La Red Bull è stata una delle squadre che più si lamentata delle Pirelli 2013; la RB9 infatti, generando molto carico aerodinamico, è una delle monoposto che stressa di più le mescole. Pirelli ha in parte accolto le richieste di alcuni team, decidendo di indurire (e quindi rendere più durevole) la mescola hard. Ma a quanto pare questo non è bastato per placare gli animi in casa Red Bull.

37 Commenti

  • marko non rompe il ***** e prenditi queste pirelli per come sono (e sopratutto non dire cavolate ”vettel darebbe mezzo secondo a tutti con gomme normali”. Da cosa lo deduci? hai provato al simulatore tutte le altre scuderie con altre gomme?
    queste pirelli fanno schifo e si sa, ma come danneggiano la red bull, danneggiano tutti gli altri
    imparati a gestirle e stai zitto

  • Ok per il giornalismo, ma se evitaste ogni tanto di riportare tutte le c……e che escono dalla bocca di quell’ex pseudo pilota, molti di noi non si lamenterebbero di certo…

  • Ormai mi sono abituato al modo di fare di Marko, apre la bocca solo quando la sua creatura è in difficoltà e quando lo fa, non ammette MAI di esserlo, semmai esalta il valore delle sue monoposto e, guarda caso ora non dice che la RBR è in difficoltà, dice che sono le gomme a limitare la RB9 che “potrebbe andare mezzo secondo più veloce degli altri con pneumatici diversi”, dando per scontato che gli “altri” spremano al massimo la vettura e non si limitano, ma forse a lui non è arrivato il messaggio di Alonso in Cina quando diceva che non stava affatto spingendo, chissà forse in quel frangente pur essendo già il più veloce in pista poteva spremere un altro secondo???. Verrebbe quasi da dire:

    Marko ma ci fai o ci sei????? Perchè continui ad offendere l’intelligenza dei tifosi che seguono la F1?????

    E’ vero che magari sono in molti a prendere per oro colato tutto quello che dici, ma ci sono anche tifosi, che hanno ben chiara la situazione e che cercano sempre una risposta logica, non si limitano all’apparenza ed a cui il tuo dire potrebbe sembrare come una pura offesa all’intelligenza.

    • RBR in difficoltà? 4 gare, 1 vittoria, 1 doppietta e un podio, mica male per un team in difficoltà…

      • Naturalmente mi riferivo a quello che ho scritto nel mio post e non guardavo affatto i risultati, ma al titolo dell’articolo che riguarda esclusivamente le gomme, che poi la RBR, finora sia sempre riuscita a partire davanti ed a gestire al meglio l’usura, capitalizzando meglio i risultati, è un’altro discorso e conferma quello che ho scritto, poi finora Alonso non è stato un grosso problema per la RBR, ma nelle gare che ha corso regolarmente, in una ha vinto ed in un’altra è stato secondo, quindi ancora non posso dire con certezza di averla imbroccata, ma se Vettel in gara fosse rimasto in scia non credo che avrebbe conseguito gli stessi risultati.

        Ma confido in una gara regolare a Barcellona per confermare o meno le mie supposizioni.

  • Ma voldemarko non sta mai zitto?LE GOMME SONO UGUALI PER TUTTI!!!

  • le gomme sono quelle e sono cosi per tutti…si è vero limitano un pò le rimonte perché se fai qualche sorpasso dopo tre giri sei ai box di nuovo….ma è cosi per tutti….se sono tanto bravi cosa gli costava fare una macchina gentile con i pneumatici in stile Renault?…

  • ci vediamo a Barcellona……aaah ricordati di portarti il tuo mezzo secondo di vantaggio, perchè ti servira’!!!!

  • Bhe, ero convinto di aver già scritto questo commento, comunque ora non lo ritrovo, quindi lo riscrivo.

    Secondo il mio modo di vedere la RBR, con l’assetto rake, sfrutta tutto il “corpo vettura” per generare carico aerodinamico, è innegabile che questa soluzione porti a dei vantaggi incredibili in percorrenza curva, ma ha un punto debole quando la macchina si trova in scia. Infatti il flusso va dal basso verso l’alto e quindi quando la RB9 si trova in scia si alza l’avantreno e la macchina non solo perde moltissimo di quel carico aerodinamico, ma i pesi fra anteriore e posteriore non sono più equilibrati per cui la vettura è sbilanciata e causa un consumo anomalo delle coperture e questo lo abbiamo visto con Webber nella gara in Bahrain, ma se ci fate caso si è visto anche in Cina, perchè è l’unica gara, finora, dove la RBR ha preferito non sfruttare al massimo le gomme soft in un GP per le qualifiche a favore di un setup da gara, infatti Vettel partiva nono con gomme dure; ebbene, Alonso, naturalmente è partito con gomme soft utilizzate già durante le qualifiche (quindi gomme che avevano già tre giri: giro di lancio – giro veloce – giro di rientro) ed ha effettuato, in gara sei giri, prima di sostituirle, mentre Vettel ha effettuato l’ultimo stint di gara con gomme soft assolutamente vergini e nonostante aveva la pista più pulita e più gommata ha comunque fatto solo sei giri.

    In RBR come hanno ovviato a questo inconveniente???

    Hanno semplicemente settato sempre la macchina pro-qualifiche in modo da sfruttare al massimo le coperture più soft, anche a costo di fare qualche giro in meno, ma poi utilizzano le gomme dure nel loro range ottimale al massimo delle loro potenzialità e facendo solo pochissimi giri in scia, ma ciò è possibile farlo solo quando la differenza prestazionale fra una mescola ed un’altra è piccola, perchè se questa è elevata (come lo era in Cina), poi dopo il cambio gomme, avrebbero potuto correre il rischio di ritrovarsi dietro a vetture più lente ma con gomme soft ancora performanti e non facili da superare, oppure dietro a vetture che sono partiti con gomme dure ma con le coperture ancora abbastanza fresche.

    Quindi in conclusione cambiare solo un tipo di mescola può essere oltremodo penalizzante per la RBR, soprattutto cambiare solo la specifica hard, perchè la nuova specifica di gomme sarebbe più lenta della vecchia hard di circa mezzo secondo, quindi il divario minimo fra un compound ed un altro ora sale ad oltre il secondo (e ci sono alcune piste dove tale differenza è ancora più accentuata) ed in queste condizioni è molto difficile esagerare con il setup, perchè con la mescola più morbida, si finirebbe per farle fare pochissimi giri e quindi poi rientrare in mezzo al traffico con una gomma meno performante li costringerebbe a stare in scia, mentre Lotus e Ferrari potrebbero allungare il primo stint di gara ed avere gomme che per rendimento sono superiori o quanto meno in linea con le hard nuove.

  • Grisù
    più che altro,zio,più che non capirle la loro frustrazione è che per poterle utilizzare dovrebbero rinunciare a parte del loro carico aereodinamico sul retrotreno,cosa che per loro significherebbe fare praticamente un’auto tutta nuova,perdendo tutte le caratteristiche che fino ad oggi l’hanno resa vincente.

    Un quotone da parte mia, se devo esprimere un parere, il vero problema (per la RBR) è l’assetto rake, perchè ho il dubbio che quando una RB9 è in scia perde moltissimo del carico aerodinamico che da questa soluzione, infatti il flusso della scia va dal basso verso l’alto e l’inclinazione non è più quella prevista con il rake e si sbilancia tutta la macchina e le gomme si stressano e si usurano di più, mentre la Ferrari, avendo un assetto neutro (ed una sospensione pull rod all’anteriore?) questo effetto è molto ridimensionato, ci credo che Marko vorrebbe delle coperture più solide!!!….

  • Marko non ti lamentare, l’anno scorso Vettel dopo il gp del Bahrain aveva 4 punti di vantaggio su alonso, quest’anno ne ha 30 su alonso e 10 su raikkonen…

    ha fatto 77 punti in 4 gare con una strategia sbagliata in cina, certo sarebbe stato meglio farne 100 però non essere ingordo,

    non vogliamo la fotocopia del mondiale 2011…

  • Dal punto di vista regolamentare questa è la peggior f1 dell’era moderna, assenza di test motori congelati la prestazione assoluta affidata esclusivamente a scarichi mappature e truccheti vari di nessuna utilità per la produzione di serie, le gomme di pastafrolla non sono che la ciliegina sulla torta di questa f1 miserabile dal prossimo anno con i turbo si ritornerà a parlare di tecnica applicabile alla produzione di serie e chi riuscirà a primeggiare otterrà sicuramente un prestigio e una soddisfazione superiore altro che doppi diffusori f-duct e scarichi soffianti e trucchetti vari studiati per aggirare un regolamento ridicolo, sperando che la fia non conceda deroghe speciali a chi non è capace di realizzare un motore competitivo

    • aggiungo che le stagioni che vanno dal 2009 al 2013 verrano ricordate come il medioevo della f1 moderna, complimenti al duo newey-redbull che sono stati abili a sfruttare e aggirare norme e divieti che li porteranno certamente a trionfare per il quarto anno consecutivo

  • ZioTure
    Quando la Ferrari non riusciva a mandarle in temperatura come nel 2009 2010 e 2011 allora eravamo degli incapaci…. adesso che loro non riescono a capirle è colpa delle gomme…

    E’ vero.
    Questo lamento di Marko, peraltro infondato visto che tutti hanno la stessa gomma, (il mezzo secondo se lo tiene nascosto in tasca aspettando le gomme giuste…), mi riempie di ottimismo e speranza. Sono in testa con largo vantaggio, ma non si sentono sicuri. Vuol dire che temono gli avversari.
    E questo mi dà gusto

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!