Villeneuve: “La Formula 1 non è più così epica”

14 febbraio 2014 10:00 Scritto da: Andrea Facchinetti

Il Campione del Mondo 1997 si è detto preoccupato del futuro della massima competizione automobilistica.

villeneuve JacquesDi peli sulla lingua Jacques Villeneuve non ne ha mai avuti troppi nella sua carriera. Il figlio dell’indimenticato Gilles non è di certo abituato ad usare mezze misure per esprimere le sue opinioni. Il canadese – che ha annunciato il suo passaggio nel mondiale rallycross – crede che la Formula Uno del futuro intenda attrarre sempre più telespettatori e non i veri appassionati del motorsport.

Intervistato da Autosport, il campione del mondo 1997 ha espresso tutte le sue perplessità su ciò che riserverà il “Circus” iridato negli anni a venire: “Sono preoccupato e spero di sbagliarmi, ma non capisco cosa stanno cercando di fare con i nuovi regolamenti, non capisco il concetto di base. La Formula Uno non è più così epica e i piloti non sono più degli eroi. I nuovi cambiamenti regolamentari sono stati fatti artificialmente e non funzioneranno. Forse per i primi sei mesi sarà divertente, ma poi tutto sarà noioso e quando inizi a far diventare tutto artificiale si arriva ad un punto in cui non si parla più di gare”.

Uno degli elementi più criticati dall’ex pilota di Williams, BAR, Renault e Sauber è il DRS, introdotto nella stagione 2011. “Ora ci sono i sorpassi in pista perché premi un pulsante, non perché fai un’azione speciale” ha dichiarato Villeneuve, il quale ha anche espresso la sua opinione sui nuovi motori V6: “Il regolamento dei nuovi propulsori rende il tutto più restrittivo, non è più Formula 1, non c’è nulla di speciale. Risparmiare carburante è buona cosa e lo era anche in passato, il problema è che i piloti non lo faranno da soli, sarà tutto controllato elettronicamente, tu ti siedi in macchina e l’elettronica farà tutto per te”.

Infine, Jacques ha criticato duramente anche l’intento da parte di FIA, FOM e team di dare un’immagine diversa alla classe regina del motorsport a quattro ruote: “la Formula Uno non è ecologica e si sta cercando di avvicinare giovani con queste idee. Certamente così si dà una buona immagine ai governi e ai parlamenti, ma non alla Formula Uno. Vogliono attrarre nuovi spettatori che vogliono vedere sorpassi ogni due secondi. Io sono un purista e amo questo sport. Ho amato gli anni sessanta e settanta quando al traguardo arrivavano anche solo quattro vetture e alcune erano pure doppiate. Si sono prese delle decisioni che a lungo termine non aiuteranno il futuro di questa categoria”.

14 Commenti

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!