F1 2014, va di moda il gioco delle coppie

30 maggio 2014 10:39 Scritto da: Gianni Morbidelli

Coppie pronte a scoppiare: da Mercedes a Ferrari, passando per la Red Bull Racing, ecco la situazione che si è creata tra compagni di squadra in questa prima fase del Campionato 2014.

Rubrica di Gianni Morbidelli

In questi giorni non si fa che parlare della rivalità tra Nico Rosberg e Lewis Hamilton, probabilmente perché il GP di Monaco, nella sua interezza, non è stato così interessante e ci si concentra sulla cosa più curiosa del momento, ossia la lotta tra compagni di squadra. Che poi, in realtà, sarebbe anche meglio chiamarli “Rivali di squadra”, considerando che il confronto con il vicino di box è sempre quello più importante per un pilota.

Mercedes

Certamente, quello che i due alfieri di casa Mercedes stanno facendo attualmente, non è altro che una guerra psicologica. In questo contesto, Rosberg ha tutto da guadagnare e nulla da perdere, mentre per Hamilton è totalmente il contrario. Lewis è uno che vuole sempre essere il numero uno e lo ha dimostrato con tutti i suoi compagni di squadra, in passato. Non ci sta a perdere o arrivare secondo. Nico è un ottimo pilota, anche se nel confronto con Hamilton ha dei risultati un po’ più altalenanti. Come dicevo, tra i due si è concretizzata una vera e propria guerra psicologica e questi continui attacchi, anche mediatici, ne sono la dimostrazione. Perché quando devi battere il tuo avversario, utilizzi ogni arma a tua disposizione. Magari Lewis avrebbe potuto evitare quella uscita: “Risolverò la mia rivalità con Nico come fece Senna ai tempi di Prost”. Tra tutte le cose meravigliose di Ayrton a cui poteva ispirarsi, ha invece tirato fuori quella che è una macchia nella carriera del brasiliano. Ecco: daa questo punto di vista, Lewis deve essere più forte e non cedere davanti a questi tranelli. Questo è – per esempio – un punto a vantaggio di Rosberg che, invece, non ha commentato certe dichiarazioni. Comunque, se dovessi puntare qualcosa nell’arco del campionato, lo farei sicuramente su Hamilton che si conferma un grande pilota.

Certo è che la rivalità tra i due è sicuramente inflazionata dal fatto che si stanno contendendo il titolo mondiale, ma in quasi tutte le altre squadre possiamo trovare situazioni del genere, seppur un po’ più lontane dai riflettori. Basta guardare in casa Williams, per esempio, dove troviamo la contrapposizione tra il “vecchio” e esperto, rappresentato da Massa, e il “nuovo” ed arrembante nella persona di Bottas. Stessa identica situazione in casa McLaren con Button e il rookie Magnussen.

Vettel e Ricciardo

E, ovviamente, da tenere sotto osservazione la coppia Ricciardo – Vettel alla Red Bull Racing. Queste prime gare, a mio parere, non solo hanno un po’ ridimensionato l’immagine di Vettel, ma hanno messo in luce le grandi doti di Ricciardo, sia dal punto di vista velocistico che mentale. Non fraintendiamoci: è vero che Sebastian ha vinto quattro mondiali e Daniel ha tutto da dimostrare, ma è anche vero che l’australiano sta guidando molto bene e ha messo in evidenza un grandissimo valore che inizia a infastidire il Campione del Mondo in carica, messo ora a dura prova. Per molti, Daniel è una sorpresa. Per me, che lo conosco da tempo, è una semplice conferma. Credo che, per chi deve gestire la situazione in Red Bull, la cosa si fa anche un pizzico imbarazzante : da un lato devi tenere alto il pilota che ha conquistato ben quattro titoli, ma dall’altro non puoi certo negare il supporto ad un talento che porta immediatamente risultati. Ad ogni gara che passa, Ricciardo aumenta la propria autostima a differenza di Vettel che, in questo momento di difficoltà, è chiamato a tornare nel suo ruolo di leader della squadra.

Ferrari - Alonso - Raikkonen

Sarebbe interessante anche la situazione in casa Ferrari, anche se si presenta in maniera diversa per via dei caratteri opposti di Alonso e Raikkonen. Sono i due classici galletti nel pollaio, ma vivono un po’ da separati in casa, nonostante le dichiarazioni di facciata. Kimi è molto freddo e a tratti menefreghista. La sua forza sta nel mettere poca sensibilità a quello che accade intorno a lui dal punto di vista mediatico, perché gli consente di concentrarsi più sulla guida. Certo, però, che mi aspettavo un pilota più incisivo e vicino alle prestazioni di Alonso. Lo spagnolo, nonostante le difficoltà della Ferrari, sta dimostrando di avere un gran carattere. Perché quando sai di avere grandi potenzialità e devi continuare a ingoiare rospi e lottare con una macchina inferiore, è decisamente frustrante. Devi essere fortissimo a livello mentale. E lui, lo è.

L’unica cosa certa è che se ne stanno buoni fin quando lotteranno per la quinta e sesta posizione, ma sono sicuro che la situazione non sarebbe poi così diversa se, come in Mercedes oggi, ci si giocasse il titolo mondiale!

13 Commenti

  • ForzaFerrarigo in unico post mai sentite tante fesserie..

  • Anche io vorrei dire qualcosa sulle “Coppie che scoppiano” :

    Hamilton-Rosberg: non credo che questa rivalità così accanita ed evidente persista per lungo tempo perché reputo Lewis il pilota pretendente al titolo, quindi questa situazione (salvo improvvisi ma poco probabili ordini di scuderia) si protrarrà ancora per altre 3 – 4 gare. Il giusto lasso di tempo di dare modo all’inglese di accumulare un vantaggio tale da far calmare gli animi.
    Hamilton ha 4 punti in meno di Rosberg, con una gara in meno e con il passo migliore del compagno a Monaco (dove superare era impossibile). Quindi, a quest’ora le avrebbe vinte tutte.

    Ricciardo-Vettel (e le altre coppie “giovani-anziani”): mai come quest’anno un giovane potrà mettersi in luce rispetto a un veterano della F1. Le auto sono state fatte da “0”, quindi i riferimenti degli anni passati servono solo per statistiche. Chi riuscirà ad adattarsi meglio alle nuove vetture risulterà il più veloce, e di solito i giovani ci riescono prima.
    Parlando esclusivamente di Vettel, questo è il primo anno con un nuovo compagno di squadra dopo i 4 titoli vinti. Forse è stata più la “NON bravura” di Webber che la sua abilità a fargli conseguire i titoli mondiali.

    Alonso-Raikkonen: le prime 4 gare hanno risaltato la bravura di Fernando e la poca capacità di adattamento di Kimi a questa Ferrari. Da 2 gare il finlandese ha mostrato di saper lottare come il compagno di scuderia. Come scrive Gianni Morbidelli, i due caratteri opposti li hanno tenuti separati in casa ma credo che adesso che Kimi, avendo trovato lo stile di guida per questa F14T, darà parecchio fastidio a Fernando. E non solo in pista!

    Infine, le soluzioni:

    Mercedes: in Canada fate esplodere il motore a Rosberg così vincerete entrambi i titoli senza diverbi.

    Red Bull: mantenete questa situazione, ovvero continuate gli esperimenti solo sulla macchina di Vettel.

    Ferrari: fate una macchina competitiva per poter lottare al podio così le gerarchie se le dovranno guadagnare i piloti.

    Forza Ferrari Go!

  • più incisivo Kimi… più che andare più forte di Alonso come ha fatto negli ultimi due gran premi (salvo strategia box e foratura), non è che può fare.

    Almeno un pilota come Morbidelli dovrebbe saper valutare le prestazioni al di là dei risultati…

  • Gianni, complimenti per Gara 2 dell’Hungaroring!

  • Il vero problema in Ferrari è che; ci sono si due polli, però mancano la gallina e il pollaio.

  • io credo solo che il problema di Kimi, oltre quello “politico”, rispetto ad Alonso sia una minore facilità di adattamento alle difficoltà, cosa tra l’altro già avvenuta nel 2008. In pratica la sua finestra di lavoro, se vogliamo definirla così, è molto più stretta di quella dello spagnolo, che però ha dalla sua tutta la squadra. Chissà con una vettura più competitiva cosa sarebbe successo, ma credo non lo sapremo mai: sono assolutamente convinto che uno dei due l’anno prossimo non sarà su una Rossa.

    • Sarà Alonso ad andare via.

      Non regge non avere la squadra tutta per se, cosa che con Mattiacci secondo me pian piano succederà…
      Kimi ha meno pretese.

      E non essere ancora riuscito a vincere il mondiale, crea molta tensione psicologica… che prima o poi troverà uno sfogo.

      la Ferrari prenderà o Vettel, o un “giovane” forte, con Raikkonen nel 2015.

      (E’ ufficiale.
      Sul giornale di domani).

      • Scusa,ma la tua e’ pura supposizione personale?o hai fonti vere?

      • Se tu con “vere” intendi “fattuali”, no. Non ne ho.

      • Dopo le lamentele dello spagnolo,avevo qualche dubbio sul proseguio della sua carriera in rosso..il gesto di vettel a domenicali a melbourne,i continui problemi di seb sulla redbull…tutti messaggi che facevano presagire un cambiamento,ma sinceramente adesso ho qualche dubbio,sembra che tutto quelli che doveva andare in porto di sia fermato

  • Non concordo solo col “Certo, però, che mi aspettavo un pilota più incisivo e vicino alle prestazioni di Alonso”.
    Nelle ultime due gare Kimi è stato decisamente meglio dello spagnolo anche se i risultati non lo confermano..

  • Grande ! Condivido dalla prima all’ultima parola.

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!