Ferrari: il gap è di un secondo. Alonso: “Nessuna sorpresa”

21 settembre 2013 18:37 Scritto da: Valentina Costa

Con Felipe Massa davanti a Fernando Alonso, nelle qualifiche del Gp di Singapore i due ferraristi fanno segnare soltanto il sesto e il settimo tempo. Si conferma il pesante distacco visto nelle prove libere. Alonso: “Nessuna sorpresa. Le aspettative per domani sono ancora buone”.

GP SINGAPORE F1/2013Un sabato difficile come avevamo previsto. Domani una buona partenza e un’ottima strategia sono essenziali! #forzaferrari”. Si riassumono nel tweet di Fernando Alonso le qualifiche della Ferrari al Marina Bay Circuit di Singapore. Qualifiche in cui i due ferraristi hanno fatto segnare il sesto (1.43.890) e il settimo tempo (1.43.938), con Felipe Massa che, come a Monza, beffa il compagno di squadra alla bandiera a scacchi per un’inezia.

Le vetture dei due ferraristi si presentano per le qualifiche del Gran Premio di Singapore con configurazioni un po’ differenti, adottando delle soluzioni provate ieri nelle libere: Fernando Alonso monta la nuovissima ala anteriore, mentre Felipe Massa opta per il musetto “a doppio mento”.

In Q1 solo la Red Bull può tentare l’azzardo di superare il taglio con un unico tentativo di giro lanciato su gomme Medie. Dopo un primo run con le Prime, in cui Felipe Massa appare nettamente in difficoltà rispetto a Fernando Alonso, entrambi i ferraristi fanno il tempo con le Supersoft: l’asturiano fa segnare il terzo miglior crono (1.45.115); il brasiliano soffre un po’, ma agguanta nel finale il tredicesimo posto (1.45.658), per una classifica che si rivela cortissima.

Due sono i tentativi dei Ferraristi anche in Q2, entrambi su gomme supersoft. Nel primo Massa e Alonso scendono in pista con il treno di Option usato nella sessione precedente: buono il tempo fatto segnare dallo spagnolo (1.44.521), ma non sufficiente per passare nell’Olimpo dei primi 10.

Nella bagarre degli ultimi tre minuti, sulla pista che va progressivamente a migliorarsi, le due Ferrari utilizzano il secondo dei tre treni di Supersoft a disposizione: con le Red Bull e le Mercedes che viaggiano su tempi stellari seguite a ruota da Romain Grosjean (lasciando già intravedere quale sarà la storia degli ultimi 10 minuti), Alonso e Massa si piazzano rispettivamente sesto (1.44.153) e ottavo (1.44.376), separati dall’eroe di giornata, il messicano Gutierrez.

Poco cambia in termini di distacchi (abissali) in Q3. Ai due ferraristi rimane un solo tentativo sulle Supersoft, che si giocano negli ultimi minuti: a stupire è Felipe Massa, che migliora di mezzo secondo il proprio tempo sul giro, scippando la terza fila a Fernando Alonso. Ma l’1.42 alto di Sebastian Vettel e Nico Rosberg rimane una chimera.

Sicuramente stiamo facendo fatica”, afferma Massa che, dopo l’annuncio del suo addio alla Ferrari, appare meno reticente nelle dichiarazioni. “Non vedo una macchina molto diversa da qui alla fine del campionato. Secondo me la squadra si sta concentrando sul futuro. Bisogna dunque fare il meglio con la macchina che abbiamo a disposizione. Il campionato non è assolutamente facile, soprattutto con Vettel che parte lì davanti. Spero comunque di fare dei buoni risultati in queste ultime sette gare, per chiudere al meglio la mia storia in Ferrari”.

Chiosa sull’ipotesi dell’accantonamento della stagione 2013 Fernando Alonso, che sembra non farsi scomporre dall’ennesima qualifica in affanno. “Non è una situazione nuova. Negli ultimi quattro anni abbiamo lottato sempre in condizioni simili in qualifica, per poi recuperare il gap in gara. E di questi quattro anni, sono stati tre i campionati in cui abbiamo perso il titolo soltanto all’ultima gara. Dobbiamo lottare fino all’ultimo”, afferma l’asturiano.

Nessuna sorpresa oggi. Quest’anno in media siamo partiti sempre tra la sesta e l’ottava posizione, ma siamo saliti sul podio 8-9 volte. Quindi anche qui non è impossibile: certo domani dobbiamo fare una gara molto buona, con una partenza e una strategia perfette, così come i pit stop, e mettere tutto insieme, come ogni domenica”.

Ma per assicurarsi la remuntada, che sul circuito cittadino del Marina Bay sarà più complicata del solito, l’asturiano dovrà affidarsi un po’ alla fortuna: “Dobbiamo sperare in qualche sbaglio da parte degli altri. Ma le aspettative per domani sono ancora buone”.

16 Commenti

  • Hamilton ha avuto compagni fortissimi (Alonso, Button e Rosberg) e li ha bastonati tutti, quadagnandosi sul campo il ruolo di prima guida.. unico difetto e’ essere un filo incostante ma hamilton non si puo discutere. Vettel e’ un 3 volte campione del mondo ed e’ sicuramente molto forte ma vorrei vederlo con un compagno di squadra piu forte o vederlo su un altra macchina x avere la controprova del suo valore.

  • secondo me e’ normale avere nell arco della stagione qualche gara no soprattutto se non si dispone della macchina migliore.. mi riferisco a Hamilton e Alonso che ovviamente devono metterci molto del loro x provare a insidiare la RB e non sembre ci riescono. Vettel dispone di una macchina senzazionale, puo correre molto piu rilassato con la consapevolezza che non deve rischiare al 100% x stare davanti e questo non e’ un vantaggio da poco dal punto di vista psicologico… senza contare che non ha un compagno “decente” che lo possa insidiare (webber che io reputo un pilota davvero scarso).

  • Vettel e’ un gran pilota, ma la macchina come si vedeva dall’onboard e’ sui binari.

    • Sì ma la fa andare lui sui binari, siamo onesti..è molto bravo!!!

      • Mentre tutti gli altri sono dei brocchi e non sono capaci di tenere la macchina che gli va da tutte le parti ?!?!
        Mi piacerebbe tanto vedere ditino guidare una Ferrari attuale e vedere come riesce a farla andare sui binari ! 😆
        Anche Villeneuve e Hill hanno vinto un campionato mondiale con un missile e poi con altre macchine si è visto cosa sono riusciti a fare…
        La macchina, specialmente ora, conta troppo… l’unica cosa che si può dire è che ditino è più bravo di Webber.

  • Vettel non ha neppure bisogno d’impegnarsi al 100%, anche al 90 fa la pole e vince lo stesso.

  • Complimenti a Vettel e Red Bull. .macchina straordinaria che sia regolare o meno

  • Secondo me siamo finiti anche quest’anno .

    All’inizio eravamo messi bene …ma poi……se non sei forte nello sviluppo e politicamente sei asfaltato …..non resta che pensare ad anni migliori………ma io la vedo male ……….Newey,non ama l’Italia …andiamo noi da lui,oggi i contatti non hanno più limite e distanze.
    Barnard è la preistoria.
    Ora le comunicazioni sono più e più

  • Delusione questa Ferrari… Mi sa che a suo tempo non era Aldo Costa il problema della Ferrari… Il problema era ed è ancora quelli che sono rimasti… Sempre peggio..

  • E’ successo, purtroppo, quello che prevedevo (l’ho scritto anche in un post precedente).

    Red Bull (pensavo entrambe) avanti e Ferrari dietro a Mercedes e (forse) Lotus.

    7° e 8° posto è la giusta posizione della Ferrari in qualifica a Singapore.
    Kimi ci ha fatto un regalo, Felipe… ormai non mi sorprende più se è davanti a Fernando quando monta pneumatici super soft.

    Anche la gara sarà una sofferenza ma mi auguro che Fernando possa lottare per il 3° posto!

    Forza Ferrari Go!

  • secondo me il distacco reale non è un secondo ma 6-7 decimi il resto la messo Vettel..

    • Secondo me, in piste “tradizionali” il distacco è di 2/3 decimi. Non di più.

    • Io ho visto L’onboard di Vettel e credimi lui accelerava in pieno senza avere sovrasterzi!! nelle curve 0 correzioni senza fatica ha conquistato la pole, non mi sembra proprio che sia andato al limite della macchina. Tu addirittura dici che ha messo 4 decimi di suo ma andiamo, se c’era Hamilton su l’altra red bull se lo mangiava..o avete dimenticato la guida aggressiva dei piloti di talento?? Vettel è un ottimo pilota ma non un talento puro e crudo

      • Fino a qualche tempo fa la pensavo anche io cosi…
        ora non lo so..Hamilton sa essere molto veloce ma purtroppo non è costante, per due week di fila è stato preceduto nettamente dal compagno cosi non si diventa campioni..anche Alonso quest’ anno sta deludendo ci sono dei week in cui è assente come Monaco..stesso discorso fatto per Hamilton

      • beh molto conta dall’assetto che un pilota fa..e poi chi ha detto che tirare al limite significa sfiorare muretti salire su cordoli etc??nn la sai la regola dei motori in cui chi sembra vada piano in realta va velocissimo??rimanere in traiettoria é molto piu difficile che fare una curva saltando su cordoli

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!