Pirelli spiega quanto accaduto questa mattina a Rosberg

19 dicembre 2013 18:45 Scritto da: Redazione

Non c’è nessun caso gomme.  Ecco il comunicato stampa di Pirelli Motorsport a commento di quanto successo oggi a Nico Rosberg, durante i test privati sugli pneumatici 2014.

PirelliI test pneumatici in Barhain hanno avuto ad oggetto numerosi prototipi, completamente innovativi per struttura e mescole, finalizzati a sviluppare le soluzioni più idonee per la prossima stagione.

Questa mattina la Mercedes di Nico Rosberg montava uno di quei prototipi, un pneumatico testato unicamente in laboratorio e che non sarà più riproposto. Pertanto la sicurezza degli pneumatici che saranno forniti nel prossimo Campionato non è in discussione.

L’incidente accaduto alla vettura di Rosberg è oggetto d’indagine, le cui conclusioni saranno comunicate a FIA e ai team.

4 Commenti

  • il bello é che é scoppiato su una vettura 2013…figurati sulle 2014..e poi l’ultima volta la pirelli disse”era il cordolo” e si cambiarono le gomme..non credo piu a questi buffoni

  • Beh .. il test serve proprio per provare i prototipi,quindi anche se non ho capito se si è trattato di un solo testacoda, gli incidenti sono da metter in preventivo. Inoltre hanno dichiarato che che non sarà più riproposto questo tipo di pneumatico.

    No stavolta Pirelli non è da condannare, il test serve per questo !

    • Se anche fosse “solo” un testacoda, beh, 320 all’ora sono tantini.
      Sarà, ma io sinceramente non ho memoria di test dove scoppiavano le gomme.
      E se l’episodio dovesse ripetersi anche solo una volta in 19 gare, per me sarà il segno che Pirelli ha delle gravi mancanze tecniche per la progettazione delle strutture delle coperture.
      Se non sbaglio squadre e FIA hanno chiesto di creare delle mescole “bizzarre”, non strutture di acciaio piuttosto che kevlar.
      Bisogna però dire anche che a conti fatti è la prima volta che si gira con le specifiche 2014, tra l’altro con livelli di carico aerodinamico sicuramente superiori a quelli del prossimo anno, e siamo ancora a Dicembre. C’è tutto il tempo per arrivare ben preparati in Australia.

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!