Incidente Schumacher: il casco si è rotto in due

31 dicembre 2013 12:27 Scritto da: Redazione

I primi dettagli sull’incidente di Schumacher parlando di una velocità, prima dell’impatto, tra i 60 e 100 km/h. Il casco si è spaccato in due.

schumacherGiungono i primi dettagli sull’incidente di Michael Schumacher, avvenuto domenica mattina intorno alle 11. Secondo quanto dichiarato da Sabine Kehm, Michael aveva aiutato un amico caduto a rialzarsi, prima di ripartire e urtare una pietra che gli ha fatto perdere l’equilibrio, andando a sbattere violentemente contro una roccia.

“Non è vero che andava a tutta velocità. Stava sciando in neve fresca tra due pista, una rossa e una blu. Aveva appena aiutato un amico a rialzarsi dopo una caduta. In una curva ha preso un sasso sotto lo sci che lo ha sbalzato in avanti, facendolo finire contro una roccia”.

I primi sciatori che gli hanno prestato soccorso si sono ritrovati davanti una scena particolarmente cruenta.

Secondo fonti di polizia, le condizioni del sette volte Campione del Mondo sono apparse subito molto gravi, contrariamente a quanto il direttore della struttura sciistica aveva dichiarato per placare gli animi. “Quando sono arrivati i soccorsi, hanno visto il casco spaccato in due e molto sangue che colava dal volto”, hanno svelato gli inquirenti alla France Presse. Per questo motivo si è richiesto l’intervento immediato dell’elicottero.

Intanto, nella conferenza stampa di questa mattina, i medici hanno ammesso che – dopo la seconda operazione – Michael ha fatto un piccolo passo avanti nella giusta direzione. Un miglioramento piccolissimo, ma che ha reso la situazione migliore rispetto a quella di ieri.

11 Commenti

  • Mette molta tristezza che anche in questi casi cosi drammatici c e chi riesce a fare polemica accampando i soliti discorsi moralisti con i ‘se’ e con i ‘ma’…!! Su pista o fuoripista, 30 o 60 km/ ora…….Chi e’ che nella propria vita non e’ stato almeno una volta un poco irresponsabile o ho fatto una cosa un po avventata o fuori dalla norma??? E allora alcuni di voi dovreste farla finita di postare certi commenti, qui non si discute di un gran premio di F1, o di una partita di calcio ma di un uomo con famiglia che lotta x la vita quindi fate il favore di smettere di scrivere corbellerie e portate rispetto.

  • Non sappiamo come siano andate le cose veramente, quindi dare dello stupido od altro e’ sicuramente sbagliato. Certo e’ un tratto fuori pista, ma all’interno di una pista normalissima. Poi si dice che era andato ad aiutare un amico….
    Non mi piace fare finti moralismi. Fuoripista come quelli li ha fatti chiunque abbia mai sciato, quindi non mi sento ne di condannare ne criticare Schumi, che oltretutto indossava il casco (non obbligatorio).
    Si puo’ avere una conseguenza come quella avuta da Schumi anche solo a 10 km/h cadendo in modo improvviso, magari in un momento di distrazione, su una roccia come quelle.
    Io parlerei di fatalita’ incredibile e basta.
    Ultimo appunto. Dalle foto che si vedono non c’e’ nessun cartello o rete di protezione che inibisca a quel piccolo tratto di pista non battuta. Se c’e’ una responsabilita’, forse va data agli impianti non adeguatamente forniti di segnalazioni

  • @ Marco_19: leggiti l’articolo che trovi sulla gazzetta di oggi. Così magari ti chiarisci un attimino le idee. Ripeto che mi dispiace che gli sia successo, è una cosa che ovviamente non auguro a nessuno. Gli istruttori di sci della zona hanno detto chiaramente che quello era un tratto fuori pista. Inoltre, senza sentire pareri di nessuno, si vede che proveniva da una pista azzurra, i 60 km/h non li prendi neanche mettendoti a uovo. Tanto per dare delle cifre corrette gli sciatori di discesa libera di coppa del mondo riescono a toccare punte di 130 soltanto per brevi tratti in particolari punti di piste nere. Infatti sulla gazzetta si ipotizza che la velocità Max avrebbe potuto presumibilmente essere intorno ai 30 km/h.

  • Marco 19, non mi interessa ciò che pensi di me, l’hanno scritto che si trovava in mezzo a due piste, fuori pista appunto, poi per minimizzare l’accaduto hanno detto che è successo in pista, mi spieghi in quali piste si trovano delle rocce? 60 km/h l’hanno scritto i giornalisti, forse tu non ci sei mai stato a sciare, per cui presupponi che sia fattibile, soprattutto fuori pista.

  • E’ inutile cercare di fare analisi, le notizie che arrivano a noi sono (giustamente) scelte e ponderate.
    E’ giusto così.

    Forza Schumi, vinci anche questa gara, la più importante!

    Fantastica la foto dell’articolo!

  • “Si dice” che abbia impattato ad una velocità tra i 60 e i 100 km/h direttamente contro la roccia…

    Ma si rendono conto che picchiando secco la testa contro una roccia a 70 orari, oltre al caschetto, va in frantumi anche l’intero cranio ???
    Ma perchè i giornalisti scrivono scemate senza documentarsi un attimo prima ?

    Per procurarsi traumi del genere basta cadere da fermi senza poter proteggersi mettendo le mani avanti…

  • Si leggono molte cose quanto meno sciocche questi giorni. Come si a a sostenere che i 60 km/h su neve fresca sono pochi? Come si fa a scrivere di sentirsi molto scioccati perché si tratta di Shumi? Mi dispiace molto per lui ma ha tenuto i comportamento da persona stupida, non solo sciando fuori pista ma portando con se suo figlio minorenne. Ci sono persone che muoiono ogni settimana sciando fuori pista, questi sono visti come stupidi e sfigati e lui invece continua a ricevere questa misericordia solo per il nome che porta. Sec me lui ha fatto una tremenda stupidaggine e ora ne sta pagando le conseguenze. Spero per lui e per la sua famiglia che si riprenda ma ciò non mi evita di pensare che è stato triplamente stupido: uno perché è vietato farlo, due perché c’ha portato suo figlio minorenne, tre perché è un personaggio pubblico e ogni cosa che fa viene presa come esempio dalla gente. Mi dispiace molto che succedano questo incidenti ma se le persone fossero intelligenti e capissero che è tremendamente pericoloso oltre che vietato forse si eviterebbe di mettere anche a repentaglio la sicurezza sei volontari che poi vengono chiamati a soccorrere.

    • Stevebj, odio la gente come te che parla tanto per riempirsi la bocca di belle banalità, senza neanche essersi documentato su quello che sta dicendo. Primo, 60 km/h sulla neve possono essere pochi come possono essere tantissimi (dipende dalle condizioni della pista, da quanta gente sta sciando e dalle capacità dello sciatore). Secondo, basta vedere le fotografie del luogo dell’incidente per capire che non stava sciando fuori pista, ma è caduto in uno dei classici raccordini presenti dove due piste si uniscono o si biforcano. Prima di dare dello stupido a qualcuno, assicurati di non essere tu a scrivere delle stupidaggini !

      • non vedo dove siano le stupidaggini che ha scritto stevebj!!

      • Lascia perdere Marco è da due giorni che combatto con commentatori del genere che sparlano senza nemmeno essersi informati sul dove e davvero come Schumi si sia fatto così male.
        Lasciamoli perdere sti super esperti e spara sentenze inutili.

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!